Le alghe colonizzano i fondali delle fajanas di La Palma

Gli scienziati dell’IEO hanno scoperto che molte specie sono rimaste dopo l’eruzione.

Un team di oltre 50 scienziati dell’Istituto spagnolo di oceanografia (IEO, CSIC), dipendente dal Ministero della Scienza e dell’Innovazione, ha concluso la prima stagione di monitoraggio completo degli habitat e delle specie protette attraverso immersioni scientifiche e censimenti visivi nei quattro distretti marini della Spagna.

Nel caso specifico di La Palma, ha concluso che molte alghe colonizzano le nuove superfici laviche della “Tajogaite” e altre specie hanno resistito.

A meno di un anno dalla fine dell’eruzione, i due nuovi delta lavici mostrano una copertura algale molto elevata, non solo di alghe annuali e a crescita rapida del genere “Lophocladia”, “Cotoniella” e “Dyctiota”, ma anche di alghe calcaree incrostanti che, in alcune aree, hanno quasi completamente ricoperto il nuovo substrato.

Gli scienziati hanno anche osservato come alcune colonie di specie a crescita lenta di particolare interesse conservazionistico, come i coralli neri, siano sopravvissute anche quando si trovavano a pochi centimetri dalla lava.

Inoltre, in entrambi le colate sottomarine sono state osservate abbondanze significative di pesci, ricci, crostacei e altri organismi mobili.

“La rapida colonizzazione del nuovo substrato e la resistenza di alcune specie sono state una sorpresa e rappresentano un’ottima notizia per il recupero dell’area”, spiega David Díaz, vice direttore scientifico dello IEO.

Inoltre, sottolinea che “il monitoraggio dell’evoluzione di questo nuovo substrato ci permetterà di conoscere le sue dinamiche fin dall’inizio e di studiare il ruolo svolto dalle comunità adiacenti nel tasso di colonizzazione”.


In totale, sono state effettuate più di 1.200 immersioni in tutto il Paese, coprendo gran parte della costa, soprattutto nel Mediterraneo, nell’Atlantico meridionale e nelle Isole Canarie, dove la copertura spaziale è stata molto ampia.

Gli obiettivi principali di questo progetto sono la valutazione dello stato delle comunità bentoniche dei fondi rocciosi – quelle che vivono attaccate al substrato – come coralli, gorgonie, spugne e ascidie.

La realizzazione di censimenti di pesci e cefalopodi, per studiare, in particolare, le specie protette e con un campionamento più intensivo per le specie a rischio come Pinna nobilis;

Raccogliere informazioni sulla presenza di specie invasive e di rifiuti, nonché per studiare habitat di particolare interesse come le grotte sottomarine o le praterie di angiosperme come Posidonia oceanica.

Inoltre, durante queste campagne vengono sviluppati nuovi metodi per il monitoraggio dell’habitat, combinando le osservazioni dirette in immersione con l’uso di immagini satellitari, veicoli subacquei, droni, fotogrammetria e sistemi di rilevamento basati sull’intelligenza artificiale.

“La zona costiera contiene gli habitat esposti al maggior numero di pressioni umane, come la pesca, le discariche urbane, l’ancoraggio, la navigazione e l’uso turistico, tra le tante”, spiega Díaz.

“Molte delle specie presenti in questi habitat sono molto sensibili a queste pressioni e un programma di monitoraggio a lungo termine è essenziale per determinare il loro stato di conservazione.

Per realizzare queste campagne, è stato fondamentale l’appoggio istituzionale dei dipartimenti competenti di ogni comunità autonoma, della Segreteria Generale della Pesca, responsabile della rete di riserve marine in Spagna, e del Seprona.

Inoltre, gli scienziati hanno avuto la collaborazione di altri centri di ricerca e il supporto logistico di oltre venti club subacquei.