Pouteria lucuma

Dal frutto essiccato della lucuma, si ricava una polvere che, per le sue proprietà, viene definita “oro degli Inca”. Viene utilizzata, soprattutto come dolcificante.

Ha un indice glicemico basso e perciò può essere impiegata anche dai soggetti diabetici.

Inoltre, è ricca di fibre e carboidrati necessari per il benessere di tutto l’apparato gastrointestinale.

Contiene sostanze benefiche come betacarotene, vitamine B (B1, B2, B3 e B5), sali minerali (in particolare potassio, ferro, calcio e fosforo) nonché fibre e carboidrati.

Il principio attivo della lucuma è la niacina. 

Essa ricopre un ruolo importante nel tenere a bada i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue.

Antiossidante e dolcificante naturale, questo frutto è indicato per chi desidera nutrire e ringiovanire l’organismo,

Il frutto è verde brillante nella maturazione, che vira al castagno quando è maturo.


Nelle varietà coltivate è lungo circa 15 cm e pesa circa 200 g.
Durante la maturazione è pieno di lattice; una volta pronto per il consumo la polpa è di colore giallo-arancione, ricca di amido e molto dolce.

È molto buono da mangiare: ha un sapore intenso, un incrocio tra lo sciroppo di acero e la patata dolce.

Si usa cotta per torte, paste e gelati, frullati, budini.

Per l’alto contenuto di amido, la polpa a lungo andare si secca, ma si può conservare in freezer.

Anna Catalani