More

    La sfida demografica delle Isole Canarie: limitare il numero di abitanti?

    Le caratteristiche territoriali dell’arcipelago fanno sì che la popolazione, che è aumentata di quasi il 27% in 20 anni, abbia un “carattere speciale” nelle isole.

    Il fatto di essere un’isola e le peculiarità dei territori ad alta densità di popolazione, come nel caso delle Canarie, è già una sfida demografica che viene accettata al di là delle isole.
    Il 9 luglio, la sessione plenaria della Conferenza delle Presidenze dei Parlamenti e delle Assemblee spagnole (Coprepa) ha accettato la proposta del presidente del Parlamento delle Isole Canarie, Gustavo Matos, introducendo queste due varianti relative ai territori insulari e alla sovrappopolazione nel dibattito demografico.

    I soliti ingorghi che bloccano le strade, la saturazione dei servizi pubblici, il sovraffollamento delle spiagge e la difficoltà di parcheggio nei principali centri urbani sono alcune delle conseguenze della sovrappopolazione di cui soffrono le Canarie.
    Questo problema sta diventando sempre più palpabile e minaccia di peggiorare nei prossimi anni.

    !function(){“use strict”;window.addEventListener(“message”,(function(e){if(void 0!==e.data[“datawrapper-height”]){var t=document.querySelectorAll(“iframe”);for(var a in e.data[“datawrapper-height”])for(var r=0;r<t.length;r++){if(t[r].contentWindow===e.source)t[r].style.height=e.data["datawrapper-height"][a]+"px"}}}))}();

    All’inizio del secolo, secondo l’Istituto di Statistica delle Canarie (ISTAC), nelle isole vivevano 1.716.276 persone.
    Nel 2020, l’anno fino al quale i dati sono disponibili, la cifra era aumentata di 459.676, raggiungendo 2.175.952 abitanti.
    Questo rappresenta un aumento del 26,78% nel corso degli ultimi due decenni; una crescita della popolazione che è quasi 10 punti superiore alla media di tutta la Spagna nello stesso periodo (17%).

    Il Consiglio Economico e Sociale delle Canarie (CES), nella sua relazione sulla Strategia Nazionale per affrontare la sfida demografica, prevede che questa tendenza, che aggiunge una media di 23.000 abitanti all’anno, continuerà.
    Si aspetta che l’arcipelago abbia 2.493.956 abitanti entro il 2033.
    Per allora, la popolazione straniera sarebbe salita a 648.280 persone, pari al 26% della popolazione totale.


    Perché la popolazione sta crescendo nelle Isole Canarie?

    Questo aumento della popolazione si sta verificando nonostante il fatto che negli ultimi anni la crescita dei nuovi nati ha avuto una tendenza al ribasso.
    Per di più, a partire dal 2017 è addirittura negativa, vale a dire che alle Canarie muoiono più persone di quante ne nascano.
    Tuttavia, la popolazione continua a crescere rapidamente.
    Questo fenomeno è dovuto principalmente all’immigrazione regolare.
    Dopo la crisi del 2007, il saldo migratorio ha cominciato a scendere fino a raggiungere il punto più basso degli ultimi due decenni nel 2015 (-4.345).
    Quello fu l’anno in cui, per la prima volta in questo secolo, il numero di emigranti superò quello degli immigrati.
    Dopo quel calo, il saldo migratorio è aumentato fino a recuperare le cifre pre-crisi, con un saldo positivo di 35.603 persone nel 2018 e 34.080 nel 2019.
    Tra i paesi extracomunitari con il maggior peso nei flussi migratori che entrano nelle Isole Canarie, spicca il Venezuela.

    La crisi economica, sociale e politica del paese ha portato a un vero e proprio esodo che, dati i legami storici e familiari tra i due territori, si sta riflettendo nelle isole.
    Il suddetto rapporto CES del 2019 indica che il numero di venezuelani che si stabiliscono nell’arcipelago ogni anno è aumentato di 10.000 in più del solito.
    La saturazione causata dalla sovrappopolazione è maggiore sulle isole che sulla terraferma.
    Il Comitato di esperti sulla popolazione e l’immigrazione, istituito nel 2002 dall’allora presidente del governo delle Canarie, Román Rodríguez, ha avvertito che “la pressione demografica sul territorio ha un carattere speciale nelle Isole Canarie”.
    Ciò è dovuto alle diverse peculiarità territoriali delle isole: la loro lontananza, le risorse limitate, la frammentazione del territorio, l’asprezza della nostra topografia e il gran numero di aree naturali protette (3.101 km2), nelle quali, ovviamente, non si possono stabilire nuovi centri abitati.

    Con una concentrazione di 292 abitanti per chilometro quadrato, le Isole Canarie sono la terza comunità autonoma più densamente popolata della Spagna.
    È dietro solo alla Comunità di Madrid (845) e i Paesi Baschi (307).
    Questa cifra è calcolata dividendo il numero di abitanti per la superficie totale del territorio.
    Tuttavia, l’arcipelago è di gran lunga la comunità autonoma con la più alta percentuale di superficie protetta. Secondo l’annuario 2018 sullo stato delle aree protette in Spagna, prodotto da Europarc, il 42% del territorio delle isole è protetto.
    Ciò significa che la loro popolazione deve concentrarsi sul restante 58%: circa 4.345 chilometri quadrati.

    Per ottenere una cifra che rappresenti in modo più affidabile la pressione reale a cui sono sottoposte le isole, la densità di popolazione può essere calcolata prendendo in considerazione solo il territorio non protetto.
    Il risultato di questa operazione è piuttosto schiacciante: 500 abitanti per chilometro quadrato.

    In vista del previsto aumento della popolazione, l’arcipelago potrebbe imporre delle restrizioni alla residenza?

    Il rapporto del suddetto comitato di esperti ammette che “l’eventuale limitazione dell’ingresso nell’arcipelago degli spagnoli continentali e le limitazioni alla loro libertà di residenza o a quella degli abitanti delle Canarie sarebbero incostituzionali e quella degli stranieri dell’UE contraria al principio della libera circolazione delle persone dell’Unione europea”.
    La direttiva 2004/38/CE del Parlamento europeo e del Consiglio afferma che “la cittadinanza dell’Unione conferisce un diritto primario e individuale di circolare e soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri”.
    E anche se ci sono alcune ragioni per cui questo diritto può essere limitato, come la salute pubblica, la sicurezza pubblica o l’ordine pubblico, è opportuno limitare questo diritto solo in casi specifici e non in modo generalizzato.
    Tuttavia, nel suo rapporto, il comitato di esperti ha proposto alcune misure che potrebbero essere adottate in conformità con la legge.
    Tra questi, la razionalizzazione dell’acquisto di seconde case, cioè esigere determinati requisiti per l’acquisto di una seconda casa nelle Canarie, come, per esempio, aver vissuto per un periodo minimo di tempo nelle isole.
    L’idea sarebbe quella di dotare le Canarie di uno strumento giuridico per regolare le seconde case.

    Secondo il rapporto, “non esiste una legislazione in vigore che preveda una regolamentazione delle residenze secondarie”.
    Pertanto, a differenza di ciò che accade in materia economica e fiscale, dove alle Isole Canarie è stato concesso un regime interno speciale, per quanto riguarda l’insediamento della popolazione e lo status degli stranieri, non ci sono eccezioni legali che differiscono dal resto della Spagna.

    Bina Bianchini

    Articoli correlati