More

    Il Taoro, il più antico grand hotel di Spagna, riaprirà le sue porte a fine anno

    La ristrutturazione dell’emblematico edificio di Puerto de la Cruz sarà una delle novità del Cabildo di Tenerife a Fitur, dove le Canarie presenteranno il loro bilancio di 16 milioni di turisti nel 2023.

    Sono iniziati i lavori di ristrutturazione dell'Hotel Taoro a Puerto de la Cruz

    L’assessore al Turismo dell’isola, Lope Afonso, ha confermato che i lavori di ristrutturazione dell’ex Hotel Taoro, situato a Puerto de la Cruz e iniziati nel gennaio 2023, saranno pronti per la fine di quest’anno.

    La ristrutturazione di questo emblematico stabilimento è una delle novità che il Cabildo di Tenerife presenterà alla Fiera Internazionale del Turismo (Fitur), ha assicurato Afonso durante la conferenza stampa di resoconto delle questioni trattate nella riunione dell’ultimo Consiglio direttivo.

    In questo contesto ha colto l’occasione per anticipare le linee principali che Turismo de Tenerife porterà a Fitur, tra cui il progetto del Gran Hotel Taoro a Puerto de la Cruz, “che come sapete è un contratto di locazione a lungo termine che questo Cabildo ha realizzato qualche anno fa, nel 2019, e che finalmente, dopo diverse vicissitudini, sta per vedere la luce”.

    Pertanto, ha aggiunto, “è il momento ideale per presentare il progetto in tutta la sua estensione in questa fiera internazionale e con un aspetto molto simile a quello che finalmente avrà”.

    “Promuovere un’infrastruttura turistica che, pur essendo a gestione privata, ha come base pubblica l’edificio patrimonio della popolazione di Tenerife, che è l’ex hotel Taoro, e con il quale si riaprono le aspettative di attrarre un profilo di clientela di qualità verso l’impianto ricettivo della città turistica e si migliora anche la possibilità di redditività turistica nel nord dell’isola”, ha detto l’assessore.

    L’edificio, che ha raggiunto la fama mondiale per essere stato il primo hotel di lusso in Spagna, ha chiuso i battenti nel 1975 e tre anni dopo è stato adibito a casinò.

    Nel luglio 2006 è stato trasferito nell’area del Lago Martiánez con l’obiettivo di rendere l’offerta di svago più accessibile ai suoi utenti.


    L’edificio progettato dall’architetto francese Adolphe Coquet era una tappa obbligata per i turisti, attratti dai suoi giardini e dalla sua maestosa architettura.

    Vi soggiornarono reali spagnoli come Alfonso XIII, il Duca di Windsor, Edoardo VIII, la scrittrice Agatha Christie e il primo Cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, Konrad Adenauer.

    La Grande Guerra e poi la Guerra Civile Spagnola e la Seconda Guerra Mondiale interruppero il boom turistico delle Canarie e colpirono Taoro, che non recuperò mai l’intensa attività e il lusso dei primi anni.

    Il tessuto imprenditoriale, culturale e creativo, così come la Corporazione, conoscono in prima persona i dettagli della riabilitazione e della gestione dell’hotel.

    Il Comune e Tropical Hoteles, holding di My Way Hotels e della concessionaria Tropical Turística Canaria, incaricata della ristrutturazione del Gran Hotel Taoro, hanno presentato questo giovedì a diversi agenti della città il modello del progetto di gestione alberghiera previsto una volta completata la ristrutturazione integrale dell’edificio.

    Il sindaco, Marco González, ha sottolineato l’impulso che Tropical Hotels e My Way Hotels stanno dando per rendere questa struttura ricettiva un riferimento non solo alberghiero, ma anche sociale e culturale per i viaggiatori e i residenti, “e con un’implicazione speciale per far parte dell’identità del Puerto che ci distingue da altre destinazioni”.

    Allo stesso modo, l’assessore alla Città sostenibile, David Hernández, ha ringraziato il lavoro congiunto tra l’azienda, il Cabildo e il Comune “per superare tutte le difficoltà tecniche nell’affrontare un progetto importante come questo”.

    Nell’Espacio Cultural Castillo San Felipe, sia la comunità imprenditoriale della città che i settori creativi e culturali sono stati invitati a partecipare a due nuove sessioni di presentazione di questo importante progetto che, dalla sua riapertura, mira ad affermarsi come luogo di riferimento nell’ambito delle esperienze offerte da Puerto de la Cruz come destinazione.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati