More

    Il Cabildo investe 600.000 euro nelle aree ricreative dell’isola

    Il Cabildo di Tenerife ha approvato in Consiglio di Governo uno stanziamento di 607.064 euro per la manutenzione fino a novembre 2023, delle aree ricreative degli spazi naturali protetti dell’isola.

    L’obiettivo di questo contratto è quello di fornire un servizio di gestione completo, che consiste nella riparazione delle strutture danneggiate, nella pulizia, nell’assistenza, nell’informazione e nella sorveglianza di queste aree, che sono destinate al tempo libero delle famiglie.

    “L’uso degli spazi pubblici nella natura è aumentato dopo la pandemia, tuttavia non è una novità che le aree ricreative siano una risorsa ampiamente utilizzata dalla società di Tenerife, ed è per questo che dobbiamo mantenerle nelle migliori condizioni possibili durante tutto l’anno”, ha spiegato il presidente del Cabildo, che ha aggiunto che “questa commessa è il consolidamento di quella che è stata sviluppata durante il 2022 e nella quale sono stati investiti poco più di 500.000 euro, assumendo 14 persone”.

    “Questa programmazione terrà conto di quelle aree ricreative dove non c’è personale fisso, stabilendo orari continui sia nei giorni feriali che nei fine settimana, che è il momento in cui si registra la maggior parte delle presenze”.

    La consigliera del Cabildo per la Gestione e la Sicurezza dell’Ambiente Naturale, Isabel García, ha sottolineato che “le aree ricreative completano la visita alle aree naturali protette e devono quindi essere in perfette condizioni, sempre attente alle esigenze degli utenti, anche se in alcune di esse l’afflusso di persone è così grande che a volte è difficile mantenere queste condizioni minime”.

    L’assessore ha anche sottolineato che questi luoghi “sono nella natura, e per questo le persone che li utilizzano devono sempre tenere conto della segnaletica e delle indicazioni ed essere rispettosi dell’ambiente”.

    Le aree ricreative degli spazi naturali protetti sono di competenza del Cabildo di Tenerife e sono destinate all’uso per feste e pasti a diretto contatto con la natura, per scopi ricreativi e di svago; per questo motivo queste aree sono state attrezzate con focolari, tavoli e panche, punti d’acqua, servizi igienici, aree di parcheggio per veicoli e aree gioco per bambini.

    Il Cabildo dispone di 20 aree ricreative con una capacità di oltre 8.000 persone.

    Di queste, quattro sono attualmente chiuse: Chío, a Guía de Isora, e Las Hayas, a Icod, a causa di lavori di costruzione; La Tahona, a San Juan de la Rambla, a causa del recente incendio dell’estate scorsa, e Los Frailes, ad Arafo, per motivi di sicurezza.


    Queste aree sono liberamente accessibili, tuttavia, in via eccezionale, nelle aree ricreative possono essere svolte altre attività di natura sociale, culturale, sportiva, politica o religiosa, tra le altre.

    Queste attività devono essere autorizzate, al fine di valutare il loro impatto sull’ambiente e se il numero di membri del gruppo supera la capacità dell’area.

    Franco Leonardi

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati