More

    Scalare il Teide con o senza permesso, ecco le opzioni

    Foto turismodetenerife.com

    Elevato sopra il mare, El Teide può essere visto da lontano.

    Tuttavia, niente è paragonabile alla sensazione di camminare su uno dei vulcani più impressionanti del mondo.

    Il paesaggio vulcanico è impareggiabile e per questo molte persone vogliono vedere il punto più alto della Spagna.

    Salire sul Teide senza un permesso non è POSSIBILE, ma qui vi mostreremo diverse opzioni in modo che possiate raggiungere il vostro obiettivo.

    Una visita al Parco Nazionale del Teide è un must per tutti coloro che visitano Tenerife.


    Prima della conquista castigliana, i Guanci percorrevano già molti dei sentieri che si usano ancora oggi.

    Fu a partire dal XVIII-XIX secolo, con le spedizioni di importanti naturalisti, che l’offerta di itinerari per scalare il Monte Teide cominciò a diventare un punto di riferimento tra le attività che si possono praticare oggi sull’isola.

    “Salire sulla cima del Teide con un permesso (durante le ore di apertura della funivia)

    Uno degli obiettivi di un Parco Nazionale è quello di facilitare il piacere del pubblico, rendendolo compatibile con la conservazione del paesaggio, della flora e della fauna.

    Con questo in mente, e dato l’alto numero di visitatori del Teide (+4,3 milioni all’anno), è chiaro che l’accesso a certe aree deve essere regolato.

    Foto turismodetenerife.com

    Pertanto, è possibile scalare la vetta del Teide con un permesso (legalmente).

    Ogni giorno ci sono 200 posti disponibili in modo che, secondo le diverse fasce orarie, gruppi di 50 persone possano salire sulla cima.

    Così, dalle ore 09:00-11:00 possono salire 50 persone, dalle ore 11:00-13:00 altre 50 persone, dalle ore 13:00-15:00 altre 50 persone e dalle ore 15:00-17:00 le restanti 50 persone.

    Logicamente, l’ambiente viene preservato e l’esperienza del visitatore viene migliorata evitando le folle.

    Come richiedere un permesso per scalare la vetta del Teide?

    Il processo formale per richiedere un permesso per scalare la vetta del Teide si fa online, dato che non c’è la possibilità di richiederlo di persona. I passi da seguire sono dettagliati qui sotto:

    È necessario accedere al sito web delle riserve dei Parchi Nazionali.

    https://www.reservasparquesnacionales.es/real/ParquesNac/usu/html/listado-actividades-oapn.aspx?cen=2

    Poi la pagina mostra una schermata con un calendario con colori bianchi e grigi. Questi colori mostrano la disponibilità di posti (permessi) al picco del Teide secondo il giorno del mese (grigio significa che non ci sono posti e bianco significa che ci sono posti).

    Infine, devi selezionare il giorno, l’ora e indicare il numero di persone.

    È molto importante essere proattivi perché in genere questi permessi sono già esauriti 2 mesi in anticipo o anche di più.

    Scalare la vetta del Teide con un permesso e una guida turistica o di trekking ufficiale

    Quando i posti per il pubblico sono esauriti, c’è ancora un’altra alternativa per scalare il Monte Teide nel modo più facile e comodo possibile.

    È possibile consultare una Guida Turistica Ufficiale/Guida Alpina e la Guida del Parco Nazionale del Teide, dato che viene assegnato loro un piccolo numero di permessi giornalieri (30 per tutto il gruppo, non per guida).

    Si può immaginare che ci sono molte guide e pochi posti, quindi è una buona idea organizzarsi in anticipo.

    Queste guide fanno un lavoro professionale accompagnando i visitatori fino al punto più alto del vulcano Teide.

    I posti sono gratuiti, ma la gestione e il percorso guidato fino alla vetta (insieme alla relativa assicurazione di responsabilità civile e infortuni) completano un servizio che deve essere contrattato.

    Le guide di solito fanno la salita nel primo turno (dalle 9:00 alle 11:00).  Con meno persone in cima e un parcheggio più facile presso gli impianti di risalita. https://www.permisopicodelteide.com/

    Foto turismodetenerife.com

    Salire sulla cima del Teide senza un permesso web (per vedere l’alba o il tramonto)

    Il turismo attivo è uno dei punti forti di Tenerife e visitare il Teide è un successo sicuro.

    Se ti piace il trekking, questo è il posto che fa per te, e naturalmente, scalare il vulcano è una sfida per molte persone.

    Detto questo, salire sulla cima del Teide senza permesso è VIETATO (in lettere maiuscole). Si può leggere su mille siti e forum che si può fare legalmente quando la funivia del Teide è chiusa, ma non è così. Siete stati avvertiti.

    Per salire al Teide per vedere l’alba o il tramonto al di fuori dell’orario di funzionamento della funivia del Teide (tra le ore 09:00-17:00) è necessario richiedere un permesso scritto che includa le seguenti informazioni:

    Nome e cognome del richiedente.

    Carta d’identità o numero di passaporto (entrambi i lati).

    Numero di telefono di contatto.

    Provincia di origine.

    Tipo di attività che vuoi realizzare (accesso al percorso Telesforo Bravo).

    Data in cui farete l’attività.

    Elenco degli accompagnatori (inclusi nomi, cognomi e numero di carta d’identità/passaporto).

    Indica l’ora in cui vuoi accedere:

    Per vedere l’alba l’orario da richiedere sarà tra le 06:00-09:00.

      Per vedere il tramonto, l’orario da richiedere sarà tra le 17:00-21:00.

      Tra le ore 21:00-06:00 l’accesso al sentiero Telesforo Bravo è vietato.

    Foto turismodetenerife.com

    Dove richiedere un permesso per scalare il Teide e vedere l’alba/il tramonto

    Una volta che avete tutta la documentazione necessaria, dovete elaborare la richiesta, completa e dettagliata, debitamente firmata, con un tempo sufficiente per la sua elaborazione (almeno 10 giorni prima).

    Le domande di questo tipo indirizzate al Parco Nazionale del Teide devono essere presentate in uno dei seguenti modi:

    Di persona, presso l’ufficio del Parco Nazionale del Teide (stesso indirizzo di cui sopra) dalle 9:00-14:00 dal lunedì al venerdì (chiuso nei giorni festivi).

    Una volta completato il processo di applicazione, sempre che il permesso sia stato concesso (a seconda che i sentieri siano aperti, che ci siano posti disponibili o che tu abbia fornito correttamente tutta la documentazione richiesta), riceverai una risoluzione dalla Direzione del Parco Nazionale del Teide attraverso l’opzione che hai scelto per la tua applicazione.

    In ogni caso, qualsiasi dubbio avrà una risposta via e-mail a [email protected]

    Cosa posso fare se non ho ottenuto il permesso di salire sulla cima del Teide?

    Salire sulla cima del Teide ha quella componente romantica, persino epica, di trovarsi sul punto più alto della Spagna.

    Tuttavia, c’è molto di più nel Parco Nazionale, sia che ci si concentri sul vulcano stesso o che si vada un po’ più lontano.

    Ci sono sentieri poco frequentati, altri che attirano l’attenzione del turista più comodo e anche alcuni con viste spettacolari.

    “Sentiero Roques de García” (per i più comodi)

    Diciamo che questo sentiero è per i più comodi per la semplice ragione che il suo accesso e percorso è adatto a tutta la famiglia.

    Il percorso circolare ci porta al belvedere di La Ruleta (o Roques de García), dove camminiamo attraverso diversi tipi di colate laviche sotto l’occhio vigile del grande vulcano del Teide.

    Sentiero per l’Alto de Guajara (per le migliori viste di El Teide)

    La nostra seconda proposta ci porta a uno dei punti più alti del circo vulcanico.

    In particolare a quello verso il quale sono diretti tutti gli occhi del Parco Nazionale.

    Le viste di El Teide sono veramente spettacolari. Questo percorso circolare inizia e finisce al Parador de Turismo de Las Cañadas del Teide, un luogo dove trascorrere una notte indimenticabile.

    Foto turismodetenerife.com

    Sentiero per il mirador del Vecchio Picco (per coloro che prendono la funivia)

    Non hai ottenuto il permesso di scalare la cima del Teide ma vuoi comunque conoscere l’isola dall’alto.

    Dalla stazione superiore della funivia ci sono due percorsi per i quali non è necessario chiedere un permesso.

    Quella che porta al belvedere del Pico Viejo si snoda tra fumi di zolfo (un indicatore che El Teide è vivo) fino a un belvedere che domina il vulcano Pico Viejo, il cui cratere ha un diametro di 800 metri.

    Sentiero per il mirador di La Fortaleza (anche per chi sale in funivia)

    Per quelli di voi che fanno il sentiero al Pico Viejo, è una buona idea fare un altro piccolo sforzo per completare l’esperienza visitando il belvedere di La Fortaleza.

    Questo offre una magnifica vista della parte settentrionale di Tenerife dove si possono vedere chiaramente le grandi valli di La Orotava e Icod-La Guancha, entrambi prodotti di frane gravitazionali storiche.

    Scalare il Teide a piedi (senza usare la funivia)

    Un’altra sfida quando si visita El Teide è fare tutta la salita a piedi dalla strada che attraversa il Parco Nazionale (alcune persone la fanno anche dal livello del mare seguendo il percorso conosciuto come percorso 0-4-0).

    Ci sono due opzioni, via la montaña Blanca o via Regatones Negros.

    La montagna Blanca è l’opzione più comune. Questo sentiero si arrampica su un vecchio vulcano che è abbastanza facile da percorrere fino a raggiungere il vulcano vero e proprio di El Teide.

    Lì inizia la salita a zig zag, passando per il rifugio Teide e La Rambleta prima di raggiungere il punto più alto.

    In totale almeno 4 ore di cammino. Ricorda che un permesso per raggiungere la vetta è sempre obbligatorio.

    Il Regatones Negros è l’alternativa. Un percorso più impegnativo e forse meglio farlo in discesa.

    Il punto di partenza (o di discesa, a seconda di dove si inizia) sarà il Roques de García.

    Questo percorso si arrampica attraverso antiche colate di lava, passando per Pico Viejo e arrivando alla stazione superiore della funivia in circa 6 ore, se siamo ottimisti.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati