More

    La nuova legge sul benessere degli animali

    La legge sul benessere degli animali vieterà l’allevamento privato, l’acquisto di animali nei negozi e la conversione degli zoo

    La nuova legge sul benessere degli animali su cui sta lavorando il governo proibirà l’allevamento di animali domestici da parte di privati, l’acquisto di animali nei negozi e propone la conversione degli zoo in luoghi di allevamento indigeno in cattività, tra le altre cose, come ha spiegato questo giovedì il direttore generale dei diritti degli animali, Sergio G. Torres.

    In una riunione al Congresso con più di cinquanta gruppi e organizzazioni legate alla protezione degli animali, Torres ha spiegato le linee generali del testo su cui sta lavorando il suo dipartimento.

    Uno degli obiettivi del regolamento, secondo il direttore generale, è “zero massacri” e, a tal fine, una delle chiavi è “zero abbandoni”.

    Su questa linea, il regolamento creerà fino a sei registri statali: di animali da compagnia, zoo, allevatori, persone interdette al possesso di animali, professionisti del comportamento animale e organizzazioni di protezione degli animali.

    Il primo di questi mira a stabilire un maggiore controllo di questi animali, coordinato tra le 17 Regioni Autonome, e dei loro dati, sia in termini di origine che di salute; il registro degli zoo permetterà non solo di avere un registro completo, dato che molte Regioni Autonome non ne hanno uno, e di avere un sistema alfanumerico omogeneo in tutto il paese, ma anche di impedire agli “allevatori pirata” di pubblicare annunci su piattaforme Internet. Quest’ultimo punto sarà anche rafforzato dal nuovo registro degli allevatori.


    I privati non potranno tenere più di cinque animali nelle loro case e quelli che vogliono tenerli dovranno registrarsi come zoo.

    Nel caso in cui un privato abbia cinque o più animali domestici quando la legge viene approvata, non sarà al di fuori della legge ma non potrà acquisirne altri.

    L’ALLEVAMENTO È PERMESSO SOLO AI PROFESSIONISTI

    La legge prevede anche un registro nazionale delle persone interdette dal tenere e lavorare con gli animali domestici che, sebbene non possa essere reso pubblico per ragioni di protezione dei dati, non permetterà a queste persone di registrare un animale nel sistema.

    “Il veterinario non dovrà essere un poliziotto”, ha detto Torres.

    Il direttore generale ha anche sottolineato che coloro che lavorano con gli animali, che saranno anche registrati, saranno regolamentati e dovranno essere formati con criteri ragionati di positività e con una formazione specifica; mentre la registrazione delle organizzazioni di protezione degli animali mira a renderle più “professionali”.

    Con questo sistema saremo sempre più vicini alla “macellazione zero” e anche a una migliore regolamentazione dell’allevamento.

    Infatti, ha sottolineato Torres, “l’allevamento sarà permesso solo ai professionisti registrati” e il numero di cucciolate sarà limitato a seconda delle esigenze degli zoo e degli stabilimenti, il tutto “soggetto al controllo veterinario”.

    In questo senso, per esempio, l’allevamento sarà proibito quando c’è più del 25% di consanguineità negli animali o quando ci sono malattie genetiche.

    CONVERSIONE DEGLI ZOO

    Allo stesso modo, sarà regolamentata la macellazione degli animali, che sarà permessa solo “in eccezioni legate a situazioni di eutanasia”, con il regolamento che afferma “chiaramente” che “non c’è possibilità che qualcuno, a causa della saturazione del centro o del comportamento dell’animale, possa avere accesso al percorso di uccisione”.

    Un’altra delle misure evidenziate in questo regolamento, che va anche nella direzione della macellazione zero, è il divieto degli animali nei negozi.

    “Evita l’acquisto compulsivo”, ha sottolineato Torres, e agisce in termini di “situazione di benessere” degli animali domestici “in questi spazi”.

    Allo stesso modo, l’allevamento di specie non autoctone è proibito, compresi gli zoo, che “non potranno più comprare animali, soprattutto grandi mammiferi e cetacei”.

    L’obiettivo, ha spiegato il direttore generale, è di “riconvertire questi spazi” come centri di “reintroduzione di specie autoctone”.

    Come esempio, ha citato il ruolo dello zoo di Madrid nel ripopolamento della lontra iberica nel paese, grazie all’allevamento in cattività.

    In termini di animali non nativi, il regolamento si occupa anche della creazione di una “lista positiva di animali domestici”, che determinerà quali animali possono essere acquistati e venduti fuori dal paese e che si baserà su tre punti principali: che non siano un problema di salute pubblica, che non siano un problema di sicurezza pubblica (non saranno ammessi animali velenosi) e che non siano un problema per l’ambiente (non saranno ammessi animali esotici invasivi).

    Cani da combattimento e da caccia

    Per quanto riguarda gli animali negli spettacoli, Torres ha sottolineato che molti di questi sono già regolati da norme regionali, anche se ha notato che questa legge regolerà “rigorosamente” i pellegrinaggi, le sfilate e altri eventi simili in cui gli animali prendono parte.

    Come ha spiegato, si è lavorato con i collegi veterinari per determinare una limitazione di temperatura, età o altri aspetti oltre i quali l’animale non potrà svolgere questo compito.

    Ciò che non è incluso nella nuova legge sul benessere degli animali è la corrida perché è “pratica”, secondo Torres. Anche se riconosce che questa posizione può portare a critiche, il direttore generale ritiene che sia “necessario per ottenere una buona legge come questa” che coinvolge “più di 35 milioni di animali” e per evitare che la sua approvazione “sia rallentata” e non arrivi prima della fine della legislatura.

    Per quanto riguarda i cani da caccia, il testo li tratta come qualsiasi altro cane, cioè, chi ne ha cinque deve essere registrato come nucleo zoologico, se si vuole allevare come allevatore e deve avere strutture adeguate, tra gli altri aspetti.

    Questo, ha indicato Torres, sarà controllato dalle forze e dai corpi di sicurezza che, con i sistemi di identificazione che questa legge e quelle esistenti mettono in atto, potranno controllare che le vaccinazioni e le identificazioni siano in ordine.

    IN VIGORE PRIMA DEL 2023

    La regolamentazione delle colonie di gatti, la proibizione dell’allevamento di animali usati per la pelliccia, la regolamentazione dei santuari di animali o la proibizione del tiro al piccione o del combattimento di galli, la sterilizzazione generalizzata degli animali domestici o la partecipazione degli animali nei media sono altre questioni incluse nel testo.

    Il progetto di questa legge, ha spiegato il direttore generale dei diritti degli animali, andrà in consultazione pubblica il 6 ottobre e dovrebbe arrivare al Consiglio dei ministri nel primo turno di novembre.

    Da lì, il testo dovrà passare attraverso l’elaborazione, prima all’interno del governo, e poi attraverso il parlamento. Torres spera che quest’ultima fase sia raggiunta nel gennaio del prossimo anno e che “il 1° gennaio 2023 sia in vigore”.

    Infine, Torres ha chiesto una “pressione” sulle entità affinché, ora che si sta negoziando il bilancio generale dello Stato, si possa ottenere una riduzione dell’IVA veterinaria al 10%.

    Inoltre, ha ricordato che l’eventuale cambiamento della situazione degli animali nel Codice Penale è di competenza della Giustizia, ministero al quale, ha sottolineato, hanno già inviato una proposta di testo per cambiare l’attuale tipo di animale nel Codice Penale in “animale vertebrato”.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati