Il clan di John Palmer sfugge al carcere per la truffa della multiproprietà

Era il 2002 quando il giudice Baltazar Garzón, all’epoca celebrato come un ‘giudice star’ e che agiva dall’Audiencia Nacional, ordinò un macro-raid nel sud di Tenerife a causa delle truffe che numerosi turisti europei avevano denunciato in relazione al cosiddetto ‘time sharing’ (affitto di alloggi in multiproprietà).

Poco prima, il non meno famoso John Palmer, alias Goldfinger e leader dell’organizzazione poi smantellata, era stato condannato nel suo paese a otto anni di prigione per gli stessi atti, con la giustizia britannica che stimava in 20.000 il numero delle vittime e in 30 milioni di sterline il bottino ottenuto.

Ora, 19 anni dopo il raid e 21 dall’apertura del procedimento, la Corte Suprema ha ratificato (tranne nel caso di uno dei ricorrenti) la sentenza che l’Audiencia Nacional aveva già imposto nel 2019 ai principali collaboratori di Palmer a Tenerife, visto che è stato assassinato nel 2015.

Nonostante il fatto che i reati di frode e associazione illecita siano considerati provati, le sentenze per un caso in cui si stima che siano stati truffati 70.000 turisti europei (sia sull’isola che a Gran Canaria), le pene imposte non arrivano nemmeno a due anni di prigione, cosicché nessuno degli accusati (tranne quello che fu trovato con una pistola in suo possesso) sarà condannato al carcere.

La chiave sta proprio nei ritardi indebiti di una procedura che ha richiesto 15 anni solo per completare la fase di indagine.

Anche se la morte di Palmer – per il quale la Procura Anticorruzione chiedeva 15 anni di prigione – ha sostanzialmente sgonfiato la pubblica accusa, vale la pena notare che tra gli imputati di uno dei più grandi scandali del settore turistico delle Canarie, se non il più grande, c’è il ‘braccio destro’ di Palmer, per il quale la Procura Anticorruzione chiedeva 15 anni di prigione, Richard Cashman, e lo stesso nipote del boss britannico, Dean Morris, l’unico ad andare in prigione per una pistola che, secondo il processo, apparteneva in realtà al suo tristemente famoso zio.

Così, degli 11 inizialmente incriminati, solo cinque sono stati condannati.

Dopo la morte di Palmer, il primo giorno del processo all’Audiencia Nacional, altre tre persone furono scagionate da ogni responsabilità, tra cui l’allora compagna di Goldfinger, Christine Ketley, e il suo ex avvocato, Ramón Solano.


Questa sentenza ha assolto un altro imputato, e la Corte Suprema ne ha infine assolto un altro.

Il resto degli imputati (Cashman, Morris e altri tre, come l’olandese Jacoba Visscher e il capo dell’organizzazione a Gran Canaria, Keith Peter Davies) sono stati condannati come autori di un reato continuato di frode e un altro di associazione illecita, con una pena di dieci mesi di reclusione per ciascuno di essi, tranne nel caso di Visscher (l’unico imputato che ha ammesso i fatti), che viene condannato a quattro mesi di reclusione per ciascuno di questi reati.

Inoltre, Morris è anche condannato a un anno di reclusione per il reato di possesso illegale di armi.

Secondo il resoconto dell’accusa, l’organizzazione di Palmer stava semplicemente vendendo “fumo”.

Anche se l’accusa ha indagato solo dal 1993 in poi, era il 1985 quando il britannico arrivò nel sud di Tenerife in fuga da un possibile arresto per il suo presunto coinvolgimento nel furto di più di tre tonnellate d’oro dall’aeroporto di Heathrow (Londra) due anni prima e ben presto creò una rete di società per la vendita di multiproprietà con cui i turisti affittavano l’uso di residenze turistiche per alcune settimane all’anno.

Tuttavia, i clienti non hanno mai potuto sfruttare le vacanze che avevano comprato perché, quando ne facevano richiesta, le compagnie della rete le rifiutavano con la scusa che gli appartamenti non erano disponibili in quel momento o simili.

In cambio, si sono offerti di pagare un po’ di più per un cambio di data, che poi non hanno rispettato.

“Hanno approfittato della paura dei clienti di perdere tutto il loro investimento”, spiega la Procura in fatti che ora sono considerati provati.

A questa truffa ne seguirono altre come la vendita in “complessi residenziali inesistenti” tra il 1993 e il 1997 (tra cui Montaña Vista, a Tenerife, o Gomera Palm Beach, sull’isola Colombina, che non sono mai esistiti), così come i continui aumenti delle spese di manutenzione con la minaccia di perdere la proprietà dell’immobile condiviso in caso di mancato pagamento e persino la promessa di una rivendita o affitto che non si è mai concretizzata.

Il successo ottenuto (prima a Tenerife e poi anche a Gran Canaria) fu tale che portò addirittura a una lotta tra diversi clan mafiosi i cui venditori ambulanti assalivano letteralmente ogni turista che, alla fine dello scorso millennio, metteva piede in strada nelle principali città turistiche.

Alla ricerca di sempre più soldi, Palmer trasformò il business nel 1998 con la formula Dream Work Vacation Club, presumibilmente vendendo un pacchetto di “uso e fruizione per un certo periodo di tempo di appartamenti e hotel in zone turistiche di tutto il mondo”, anche se la rete offriva ai clienti solo i suoi resort nelle isole Canarie.

Al momento della firma del contratto, le vittime consegnavano una certa somma di denaro in cambio di un assegno. L’organizzazione li ha portati a credere che questo assegno poteva essere incassato, per un importo maggiore, dopo un periodo di tempo (59 settimane o più).

Per quanto riguarda il risarcimento che i condannati devono affrontare, va notato che 20.000 persone truffate hanno già rivendicato i loro diritti nel processo che si è tenuto contro Palmer nel suo paese per lo stesso motivo, anche se la polizia nazionale ha stimato all’epoca che sono stati ingannati circa 70.000 turisti dell’Unione Europea.

Ancora una volta, il passare del tempo ha favorito i criminali riducendo il loro interesse per la compensazione finanziaria, e non pochi di coloro che sono stati truffati sono ora deceduti o molto vecchi.

In ogni caso, il numero di coloro che devono essere compensati è solo 252, corrispondente a 148 casi, e dovrebbero ricevere importi che vanno da 43.000 a 700 euro, anche se la maggior parte sono tra 3.000 e 5.000 euro.

Franco Leonardi

(P.S. e ai miei tempi insistevano che il crimine non paga!)