More

    Il Drago de La Orotava

    Per quanto si possa ricordare, il Drago de La Orotava è stato il più famoso e ammirato di tutti i tempi, conosciuto come il Drago de Franchy perché si trovava nel magnifico giardino di proprietà di quella famiglia nella Villa de La Orotava.

    Secondo la tradizione, questo imponente albero del drago era un albero sacro per i Guanches, che si riunivano in consiglio o tagoror sotto il suo splendido cappello per emanare leggi, amministrare la giustizia e incoronare il Mencey di Taoro.

    Durante la cerimonia di incoronazione, il nuovo mencey baciava un osso del suo antenato più remoto ripetendo “Agoñe Yacaron Yñatzahaña Chacoñamet” (giuro sulle tue ossa il giorno in cui sei diventato grande).

    Nel 1496, accanto ad esso, fu celebrata una messa per commemorare la conquista definitiva dell’isola e servì come punto di riferimento nella distribuzione delle terre tra i conquistatori.

    Molto è stato scritto sull’età dell’albero del drago storico.

    Alcuni autori dei secoli passati (Humboldt, Piazzi-Smyth, che installò il primo telescopio sul Teide a metà del XIX secolo, ecc.) gli hanno attribuito diverse migliaia di anni, ma anche se non lo sapremo mai con certezza, non c’è dubbio che abbia ben più di mille anni.


    A metà del XVIII secolo era alto circa 20 metri e la circonferenza della sua base era di circa 25 metri.

    Il tronco si assottigliava verso l’alto fino a un’altezza di 6 metri, dove si divideva in dodici grandi rami.

    La sua circonferenza era di circa 14 metri e il suo peso doveva essere poco più di 200 tonnellate, circa il peso di 40 elefanti adulti.

    Un’ampia piattaforma di legno era stata costruita in cima, a cui si accedeva da una comoda scala esterna.

    Con il passare del tempo, il Gigante di Arautava divenne una specie di oracolo meteorologico per i contadini della regione poiché, secondo un’antica credenza, se si guarda il lato dove fiorisce, si può prevedere come verrà l’anno successivo.

    Se fiorisce a nord o nord-ovest, l’anno sarà piovoso su quei versanti, se fiorisce su tutti i lati pioverà abbondantemente, ma se fiorisce a sud o a est, l’anno sarà secco e quindi cattivo per i raccolti.

    Durante l’Illuminismo la sua fama si diffuse nei circoli intellettuali europei e molti illustri viaggiatori che visitarono La Orotava ebbero l’opportunità di ammirarlo in piena fioritura.

    Ledrú, Stauton, Humboldt, D’Ozonne, Viera y Clavijo e Agustín de Bethencourt hanno potuto studiarlo e misurarlo e grazie alle loro descrizioni e disegni abbiamo preziose informazioni su questo Gigante.

    Il magnifico giardino in cui si trovava era disegnato in stile francese, con viali rettilinei delimitati da siepi di mirti, cespugli di rose, gelsomini, limoni e aranci, allori, agrifogli, viti, tra cui spiccava una magnifica palma delle Canarie, conosciuta come la “Palma della Conquista”, in riferimento alla sua età e altezza (30 metri), visibile da tutti gli angoli della Valle di Orotava.

    Nello stemma della Villa de La Orotava, concesso dal re Alfonso XIII il 15 febbraio 1905, l’elemento centrale è un albero di drago, che rappresenta l’albero frondoso e corpulento in questione, così come quattro mele custodite da due draghi, a imitazione delle mele d’oro che si trovano nel Giardino delle Esperidi, di cui ci parla la mitologia e la corona dei Re Cattolici.

    La notte del 21 luglio 1819, un feroce uragano abbatté più della metà della sua corona, e solo cinque rami sopravvissero.

    L’ultimo scienziato a vederlo vivo fu lo zoologo e medico tedesco Ernst Häckel nel 1866.

    Un anno dopo, il 7 marzo 1867, una forte burrasca lo fece cadere definitivamente.

    Una delle grandi meraviglie della natura, il Drago del Giardino di Franchy, il Gigante di Arautava, il più bello di tutti quelli delle isole, e forse del mondo intero, era morto!

    Oggi, nello stesso giardino e al suo posto, c’è un giovane albero di drago che crescerà e ci permetterà di scrivere nuove cronache sugli alberi della Valle di Orotava.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati