More

    Ratti giganti o megalodonti: queste sono le creature più strane che sono esistite nelle isole Canarie

    Grazie ai reperti fossili, sappiamo che le isole ospitavano un tempo una straordinaria fauna oggi estinta: ratti e tartarughe giganti, struzzi, megalodonti, foche e persino serpenti.

    Oggi sappiamo dai reperti fossili che c’è stato un tempo in cui le isole Canarie ospitavano una fauna straordinaria, creature che potevano essere protagoniste di favole fantastiche.

    Tartarughe terrestri giganti lunghe più di un metro, lucertole lunghe più di un metro e mezzo, ratti grandi come gatti, uccelli più grandi degli struzzi di oggi, squali lunghi fino a 20 metri e che pesano 100 tonnellate, capaci di togliere il respiro, e persino diverse specie di serpenti.

    Ma nel corso di migliaia o milioni di anni non solo questi straordinari esseri viventi si sono estinti, ma anche molti altri, più piccoli, ma non meno interessanti e sorprendenti.

    Una vita pietrificata che cercheremo di svelare in questo articolo.
    Per conoscere i segreti di questi insoliti animali, faremo l’esercizio intellettuale di riavvolgere il nastro del tempo, e ci collocheremo in diversi periodi del passato.

    Un passato che inizierà cinque o sei milioni di anni fa a Lanzarote.


    A quell’epoca Lanzarote era abitata da straordinari uccelli senza volo, i più grandi uccelli mai esistiti sulla faccia della terra, i ratiti o Struthioniformes, antenati degli attuali struzzi, ma più grandi.

    Uccelli che hanno perso la loro capacità di volare 90 milioni di anni fa, molto prima che si formassero le prime isole Canarie.
    Come questi uccelli “senza volo”, ora estinti, abbiano raggiunto Lanzarote rimane un mistero per gli scienziati, poiché gli studi geologici confermano che Lanzarote non è mai stata collegata al continente africano, e che all’epoca era ancora più lontana dall’Africa di oggi, quindi non potevano essere arrivati né a piedi né in volo; tuttavia, è possibile che siano stati trascinati dalle correnti e siano sopravvissuti al viaggio, almeno i giovani, permettendo loro di stabilirsi sull’isola.
    Il mistero iniziò nel 1964, quando la paleontologa tedesca Rothe non poteva credere alla sua scoperta nello scavo che stava effettuando nel massiccio di Famara, Órzola: uova appartenenti a uccelli giganti, forse struzzi o elefanti, a giudicare dalle loro dimensioni.

    Questi risultati sono stati ripetuti in altri scavi effettuati più tardi nella stessa zona da diversi paleontologi, e fino ad oggi sono state trovate un totale di sette uova.

    Forse, in futuro, quando si troveranno altri resti fossili, come le ossa, si potrà risolvere parte dell’enigma della presenza di questi strani uccelli nelle isole Canarie.

    La ricerca dei resti dovrebbe essere effettuata anche a Fuerteventura, poiché all’epoca non c’era separazione tra Lanzarote e Fuerteventura, formando un’unica grande isola.

    TARTARUGHE GIGANTI

    Si sa che le isole Galapagos e le Seychelles sono arcipelaghi dove vivono tartarughe giganti, cosa che sorprese molto gli antichi naturalisti.

    Tuttavia, ciò che non è così noto è che nelle isole Canarie, milioni di anni fa, vivevano anche tartarughe terrestri giganti, simili a quelle di questi arcipelaghi, e che i loro gusci potevano essere lunghi fino a un metro, o anche di più.

    Resti fossili di questi cheloni sono stati trovati nelle isole di Tenerife, Gran Canaria, Lanzarote e Fuerteventura, resti che risalgono al Miocene-Pleistocene, e anche 6 milioni di anni fa condividevano il loro habitat a Lanzarote con gli struzzi giganti, di cui abbiamo già parlato.

    Uno dei ritrovamenti più sorprendenti è stato un nido quasi completo di uova fossilizzate situato in dune fossilizzate nel Barranco de Los Molinos a Fuerteventura.

    I primi resti di tartaruga gigante furono trovati pietrificati tra le rocce vulcaniche nel 1925 ad Adeje, Tenerife.

    Gli scienziati hanno descritto due specie: Geochelone burchardii su Tenerife e Geochelone vulcania su Gran Canaria.

    I resti trovati a Lanzarote e Fuerteventura potrebbero appartenere a una nuova specie, sempre del genere Geochelone.

    Queste tartarughe si sono estinte molto prima dell’arrivo dell’uomo nelle isole Canarie, per ragioni ancora sconosciute.

    Forse le continue eruzioni vulcaniche del passato hanno contribuito alla loro estinzione nelle isole di Tenerife e Gran Canaria.

    Il loro isolamento per molto tempo e l’assenza di predatori ha fatto sì che questi animali, e altri, soffrissero del fenomeno del gigantismo, che è comune sulle isole.

    Le tartarughe giganti delle isole Canarie sono imparentate con le tartarughe giganti del Nord Africa, anch’esse del genere Geochelone.

    Si crede che gli antenati di queste tartarughe siano stati trasportati dalle correnti verso le isole orientali e da lì verso le isole occidentali.

    IL PIÙ GRANDE SQUALO DELLA STORIA

    Il più grande e sorprendente squalo mai esistito sulla Terra, il megalodon, che pesava fino a 100 tonnellate e misurava 20 m di lunghezza, nuotava, cacciava e si riproduceva nelle acque che circondano le Isole Canarie 5-10 milioni di anni fa, come testimonia il gran numero di denti fossili ritrovati recentemente (2012) durante una campagna oceanografica realizzata dall’Istituto Spagnolo di Oceanografia (IEO), a 1.000 m di profondità sui fondali del Banco de Concepción, a nord dell’isola di La Graciosa.

    Insieme ai suoi resti, sono stati trovati anche altri animali che non si pensava esistessero nelle acque delle Canarie, come i sirenidi (lamantini o mucche di mare).

    La presenza di questo squalo sulle isole era già stata confermata a Gran Canaria, dove è stato trovato un dente fossile.

    Durante quell’epoca geologica, le isole Canarie avevano un clima molto caldo e umido, simile al clima tropicale di oggi.

    Le prede di questo super predatore erano balene, foche, sirene, grandi pesci e tartarughe marine che abbondavano nelle acque delle Canarie.

    Si crede che questo mega squalo si sia estinto dal pianeta circa 2 milioni di anni fa con il raffreddamento della Terra.

    Le attuali lucertole giganti delle Isole Canarie (la lucertola gigante di El Hierro, la lucertola gigante di La Gomera, la lucertola gigante di Tenerife e la lucertola gigante di Gran Canaria) sembrerebbero molto piccole accanto ai sauri giganti (Gallotia goliath), che misuravano 1,20-1,50 m di lunghezza e pesavano 3 kg, che abitavano le isole di Tenerife, La Gomera, La Palma e El Hierro, dall’Olocene (11.000 anni fa) fino ad appena 500 anni fa, quando vivevano nelle isole di Tenerife, La Gomera, La Palma e El Hierro.

    I primi ricercatori descrissero anche un’altra specie di lucertola gigante molto grande (Gallotia maxima), ma ora si sa che è la stessa specie (Gallotia goliath).

    Questa lucertola fu descritta per la prima volta nel 1942 dall’erpetologo tedesco Mertens.

    L’assenza di predatori per migliaia di anni ha favorito il gigantismo.

    L’origine di questo gigante e del resto delle lucertole delle Canarie si trova 26 milioni di anni fa, quando quella che gli scienziati chiamano Pregallotia arrivò sulle isole di Lanzarote e Fuerteventura, che in quel momento erano unite. Da lì si diffuse gradualmente nel resto delle isole dove si è evoluto per formare diverse specie, come la Gallotia goliath.

    L’arrivo dei primi coloni nelle isole Canarie accelerò la sua estinzione a causa del fatto che queste grandi lucertole facevano parte della loro dieta.

    L’introduzione di predatori come gatti e ratti ha contribuito ulteriormente alla loro rapida estinzione.

    Una delle scoperte più sorprendenti sono stati dei resti mummificati, in perfetto stato di conservazione, trovati in una grotta di Tenerife, che hanno solo pochi secoli.

    RATTI GIGANTI

    Dalla scoperta di resti fossili sappiamo che in passato due specie di enormi ratti vivevano nelle isole Canarie, una a Tenerife (Canaryomis bravoi) e l’altra a Gran Canaria (Canaryomis tamarani).

    I primi resti fossili furono scoperti a Tenerife dal noto geologo Telesforo Bravo negli anni 50.

    Vent’anni dopo un’altra specie di ratto gigante fossile è stata scoperta a La Aldea de San Nicolás a Gran Canaria.

    Le due specie erano molto simili: robuste, con una lunghezza di circa mezzo metro e un peso che poteva variare tra 1,9 e 2,3 kg, una cifra enorme rispetto ai 200 grammi dei ratti di oggi.

    Tuttavia, si crede che avessero abitudini diverse; il ratto di Tenerife era onnivoro e arrampicatore, mentre il ratto di Gran Canaria era erbivoro e terrestre con una grande capacità di scavare e forse più legato ad habitat umidi ed erbacei.

    I loro resti sono stati trovati in siti che risalgono al Pleistocene medio 100.000 anni fa.

    È possibile che coesistessero con gli aborigeni, per i quali probabilmente rappresentavano una fonte di cibo, una delle possibili cause della loro estinzione.

    I SERPENTI DELLE ISOLE CANARIE

    Durante una campagna paleontologica a Famara, Lanzarote, durante la ricerca di resti di ratiti, apparve a sorpresa una piccola vertebra che si rivelò essere quella di un boa, datata al Miocene superiore, 6 milioni di anni fa.

    Questa sorprendente scoperta è stata la prima a confermare che i serpenti vivevano anche nelle isole Canarie in passato.

    Anni dopo, in una grotta di Antigua, Fuerteventura, quello che si pensava essere le vertebre fossili di un cefalo si è rivelato essere lo scheletro di un serpente, come confermato da uno studio CT scan effettuato al Museo di Storia Naturale di Londra insieme al Museo di Natura e Archeologia di Santa Cruz de Tenerife.

    FOCHE SULLE SPIAGGE

    La foca monaca (Monachus monachus), un mammifero marino di fino a 2 metri di lunghezza, viveva sulle coste delle isole Canarie fino a pochi secoli fa.

    La sua ultima roccaforte fu l’isolotto di Lobos, a Fuerteventura.

    Si sa che una colonia viveva ancora lì nel XV secolo, ma la caccia la portò all’estinzione.

    Resti fossili trovati nelle grotte aborigene delle isole, come a El Hierro, suggeriscono che abitava anche tutto l’arcipelago e che faceva parte della dieta dei primi abitanti.

    ALTRI ANIMALI DEL PASSATO NELLE ISOLE CANARIE

    Oltre agli animali insoliti descritti sopra, l’arcipelago delle Canarie è stato abitato da un numero considerevole di specie animali uniche,  che si è estinto, che oggi conosciamo solo dai fossili.

    Purtroppo, alcuni di loro si sono estinti dopo l’arrivo dell’uomo nelle isole Canarie.
    Il Verdone di Trías (Carduelis triasi) era un uccello che viveva a La Palma, la Quaglia delle Canarie (Coturnix gomerae) a La Gomera, e forse nelle altre isole, e la Passera di Malpaís (Puffinus olsoni) insieme alla Passera di Jable (Puffinus holeae) nelle isole orientali.

    Lo Zigolo dalla coda lunga (Emberiza alcoveri) era una specie molto interessante e rara che abitava il suolo della foresta di alloro; è uno dei pochi uccelli canori (passeriformi) che non volano conosciuti sul pianeta.
    L’ultima scoperta è il verdone dal becco sottile (Caduelis aurelioi), che si crede abbia vissuto a Tenerife fino a 13.000 anni fa.

    La famosa Beccaccia di mare unicolore (Haematopus meadewaldoi) detiene il triste titolo di essere l’ultima specie endemica di uccelli che si è estinta alle Canarie, appena un secolo fa.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati