Molto presto, e in attesa di qualche giorno della terza fase del rimodellamento di Plaza de España per unire finalmente la città con il mare, il porto della capitale offrirà un’immagine più attraente ai residenti e ai visitatori.

L’Autorità Portuale di Santa Cruz de Tenerife prevede che i lavori di miglioramento e ristrutturazione dell’edificio Puerto-Ciudad, popolarmente conosciuto come la stazione marittima, saranno completati tra la fine di giugno e l’inizio di luglio.

È vero che era stato annunciato che l’edificio e i suoi dintorni sarebbero stati pronti in maggio, ma i lavori hanno subito un nuovo ritardo “a causa di complicazioni degli stessi”.

Tuttavia, ora i lavori stanno andando a buon ritmo e si è già presentata una prima domanda di concessione amministrativa per la gestione di una delle tre terrazze-ristorante da installare nell’edificio ristrutturato, una grande novità per il porto marittimo.

Due di questi chioschi-bar saranno collocati sul tetto, “in modo da avere la vista sul mare”.

Il terzo sarà installato all’ingresso della stazione marittima.


Per una delle terrazze previste per la parte superiore dell’edificio Puerto-Ciudad, una società ha già mostrato il suo interesse, in particolare Explotaciones Atenea, che ha richiesto la concessione amministrativa corrispondente, il cui scopo è “l’esecuzione e il funzionamento di un chiosco e di una terrazza che saranno utilizzati per l’attività di ristorazione”.

In particolare, questa entità ha chiesto l’occupazione di un’area di 261,42 metri quadrati del tetto.

La richiesta è stata pubblicata nel Bollettino ufficiale della provincia (BOP) di Santa Cruz de Tenerife, così ora si apre un periodo di 20 giorni in modo che “le società, entità e individui che credono interessati possono esaminare il file e presentare tutte le accuse che ritengono opportuno in relazione alla richiesta di cui sopra”.

Le accuse saranno presentate nel Registro Generale dell’Autorità Portuale, in Avenida de Anaga, numero 49, o nella sede elettronica di questo organismo.

Questo e gli altri due ristoranti-terrazza faranno parte di un edificio rinnovato di Puerto-Ciudad, che è stato adattato “ai nuovi usi che richiede il funzionamento del porto e che sono propiziati, fondamentalmente, dalla realizzazione del nuovo terminal di crociere a nord dell’edificio attuale”.

Allo stesso modo, lo sviluppo urbano che circonda l’edificio e le sue connessioni con il terminal sono stati rimodellati.

Il progetto per migliorare l’edificio Puerto-Ciudad, che è stato costruito più di 25 anni fa, comprende l’installazione di una passerella per la comunicazione pedonale, “favorendo la generazione di spazi esterni per il riposo”, il miglioramento dei bagni, e l’installazione di nuovi ascensori con maggiore capacità e velocità di comunicazione tra il livello del Porto con la città.

L’esecuzione del progetto è stata divisa in tre fasi.

Le prime due fasi, che saranno pronte a luglio, sono iniziate nel febbraio 2020 e comporteranno un investimento di 2,3 milioni.

La terza fase, in cui saranno investiti 1,8 milioni, inizierà quest’anno e consiste nella riforma dell’interno dell’edificio, per “dotarlo di elementi architettonici più moderni e una maggiore luminosità nelle aree comuni”.

Bina Bianchini