Il Cabildo si impegna ad allinearsi con gli obiettivi di sviluppo dell’ONU, migliorando le sue condizioni igieniche o investendo in energie rinnovabili, per rinnovare questa distinzione.

L’isola di Tenerife ha ricevuto, dalla mano dell’Istituto del Turismo Responsabile (ITR), la certificazione ‘Biosfera’ che la certifica come destinazione turistica sostenibile.

Questa distinzione fornisce un sistema metrico che valuta il grado di conformità con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) stabiliti dalle Nazioni Unite.

Alla cerimonia della certificazione, che si è tenuta al Museo di Natura e Archeologia (MUNA), l’amministratore delegato del Turismo di Tenerife David Perez ha spiegato che ‘Biosfera’ è una certificazione “unica al mondo” e che tiene conto “delle aziende, delle istituzioni e del territorio in modo globale”.

Secondo Pérez, città come Barcellona, Vitoria-Gasteiz o British Columbia sono già state riconosciute con la certificazione ‘Biosfera’ dalla ITR, una società che “opera da Tenerife al mondo” e “stabilisce un sistema metrico sostenibile, efficace ed efficiente per lo sviluppo degli SDGs”.

Per il CEO di Turismo di Tenerife, l’importante del distintivo non è ottenerlo, ma la “metodologia” che lo accompagna e che “impegna” il Cabildo di Tenerife “infinitamente”: “Non sappiamo quando saremo sostenibili, quindi lavoreremo sempre per la sostenibilità”, ha detto.


Nello svolgimento di questo lavoro, ha spiegato che sarà creato un team multidisciplinare in cui saranno rappresentati tecnici di tutte le aree del Cabildo e che i risultati saranno esaminati ogni anno, quindi sarà necessario passare un “convegno” annuale per “condurre la sostenibilità”.

Così, Perez ha detto che ottenere la certificazione è “importante” e che è il “secondo pilastro fondamentale della nostra strategia turistica”, il primo di questi pilastri è l’ingresso dell’isola di Tenerife nella Rete di destinazioni turistiche intelligenti di Spagna.

Da parte sua, Patricio Azcárate, direttore dell’ITR, ha spiegato che insieme al Sustainable Development Solutions Network (SDSN), un ente delle Nazioni Unite, “abbiamo identificato le azioni che devono essere intraprese per raggiungere i 169 obiettivi associati agli SDGs”.

Dopo l’analisi, Azcárate ha detto che saranno presentati piani d’azione che coinvolgeranno, per esempio, il Consiglio dell’acqua dell’isola di Tenerife o l’Ufficio delle energie rinnovabili.

E, oltre a questo, ha spiegato che il gruppo di lavoro multidisciplinare dell’isola sarà creato, la presentazione tecnica sarà fatta al settore del turismo e il piano d’azione approvato sarà implementato con la collaborazione dei vari elementi del gruppo multidisciplinare del Cabildo, con altre entità e con l’industria.

Presente all’evento anche il segretario di stato per il turismo, Fernando Valdes, che ha valutato positivamente il distintivo ‘Biosfera’ e ha detto che è nato in una situazione pandemica che ha permesso di “ripensare molte sfide che aveva il nostro paese come destinazione” e che il grande dibattito nel settore è quello della sostenibilità.

Nel frattempo, il presidente del Cabildo, Pedro Martin, ha spostato che il lavoro fatto per ottenere il distintivo ‘Biosfera’ è “un passo avanti in una nuova strategia” e che risponde all’intenzione di “essere il primo” come destinazione quando si tratta di posizionarsi nel mercato.

Inoltre, ha specificato che l’importanza della certificazione non è che serve come “etichetta”, ma come “impegno etico e morale”: “È un modo di capire che nella nostra isola non solo dobbiamo rispettare chi ci visita, ma dobbiamo anche avere rispetto per il luogo in cui viviamo.

Questo, ha spiegato, implica essere “molto scrupolosi” negli aspetti da migliorare e da cui il Cabildo sta già lavorando, come quelli relativi ai servizi igienici, alla connettività o alle energie rinnovabili.

Bina Bianchini