La chiusura di imprese e l’espansione del telelavoro riducono la domanda di uffici.

Aumenta la tendenza a convertire gli stabilimenti inutilizzati in abitazioni.

I cartelli “Vendesi” o “Affittasi” cominciano a proliferare nelle vetrine di molti locali e uffici delle Isole Canarie.

La crisi sta lasciando vuoti spazi commerciali che fino ad ora hanno mantenuto la loro attività.

Si calcola che il 30% del totale di questi beni sarà incorporato al mercato immobiliare a causa della chiusura di imprese o dell’aumento del telelavoro.

Questa è una tendenza che si sta già sperimentando nel centro dei principali centri urbani delle isole, ma sta anche raggiungendo quartieri e comuni più piccoli che vedono come poco a poco il loro tessuto commerciale si sta indebolendo.


“Questa crisi farà sì che un gran numero di locali rimanga inattivo senza generare tasse per le amministrazioni pubbliche e lascerà i loro proprietari senza i benefici dell’affitto”, spiega Isidro Martin, delegato dell’Associazione Professionale di Esperti Immobiliari delle Canarie (Apei).

Sotto questa tendenza c’è la continua chiusura di aziende a causa della crisi -dodici al giorno secondo i dati di Istac- ma anche l’avanzata del lavoro a distanza, che permette ai dipendenti di sviluppare la loro attività da un sito diverso dall’ufficio, il che significa che i datori di lavoro non hanno più bisogno di spazi così grandi.

“Il telelavoro è molto comodo, ma non ci rendiamo conto dei suoi effetti”, avverte Martin, mentre spiega che nella formula del lavoro faccia a faccia “la gente prende un caffè nella caffetteria di fronte o va a fare shopping in un negozio mentre torna a casa”.

La sua assenza finisce per influenzare il fatturato di molte imprese, anche afflitto dal calo di attività a causa della pandemia, in molti casi non hanno altra scelta che chiudere.

Per il presidente dell’Associazione canaria delle società di gestione immobiliare (Acegi), Vanesa Rubio, i locali commerciali sono i più vulnerabili alla crisi derivante dal patrimonio immobiliare.

A suo parere, dove l’aumento più evidente del numero di locali commerciali vuoti sarà proprio nelle zone turistiche, quasi completamente paralizzate dall’inattività del settore.

“È vero che a differenza della precedente questa non è una crisi focalizzata sul mattone, ma è peggiore perché colpisce globalmente e tutti i settori”, dice.

Rubio sottolinea che uno degli effetti che avrà questo eccesso di offerta di locali commerciali sul mercato sarà il calo dei prezzi dei loro affitti.

“È la legge della domanda e dell’offerta, ci sarà un numero maggiore di spazi disponibili, ma l’interesse diminuirà, il che ridurrà il loro prezzo”, dice.

Tuttavia, il futuro di alcuni dei locali che rimangono vuoti potrebbe essere quello di finire convertiti in abitazioni.

Una tendenza che si sta verificando da qualche tempo in grandi città come Madrid e Barcellona e che ha raggiunto le Isole Canarie con l’obiettivo di fornire uno sbocco per molti di questi beni che non saranno richiesti.

Il delegato di Apei nelle Isole Canarie conferma che negli ultimi mesi sempre più proprietari sono interessati a trasformare i loro locali in piccole residenze.

“Stiamo vedendo più conversioni e i comuni stanno ricevendo sempre più gente per cambiare l’uso di questo tipo di proprietà”, dice.

Secondo i calcoli di Martin tra il 10 e il 12% dei 27.000 locali commerciali che rimarranno vuoti per la crisi potrebbero diventare case in futuro.

Una percentuale che si traduce in poco più di 3.000 nelle isole Canarie.

Ma avverte che i dati sono solo stime perché per cambiare l’uso dei locali commerciali questo deve avere una serie di requisiti che permettono questa conversione.

“Devono soddisfare le condizioni minime di abitabilità e luminosità, avere un’altezza sufficiente e non essere situati sotto il livello della strada, tra gli altri requisiti”, dice questo esperto immobiliare.

Bisogna tener conto del fatto che legalmente non è possibile vivere in una proprietà che non ha un uso residenziale.

Quindi, per convertire uno spazio commerciale in un’abitazione, bisogna prima cambiare la sua destinazione d’uso, una procedura che dipende dai diversi municipi.

Per richiederlo, è necessario un progetto tecnico che includa i lavori che saranno necessari per adattare lo spazio alla normativa e per ottenere la licenza di prima occupazione o il certificato di occupazione.

Inoltre, si deve verificare che non sia stato superato il numero massimo di abitazioni consentito per ettaro secondo le norme urbanistiche e che l’associazione dei proprietari abbia autorizzato la costruzione, se i locali si trovano in un edificio con più appartamenti.

Tuttavia, non tutti i locali sono adatti alle conversioni, perché a volte non possono soddisfare i requisiti stabiliti, come avere certe dimensioni, una ventilazione minima, strutture adeguate e il livello minimo di illuminazione richiesto dai regolamenti.

Marco Bortolan