Nuove frodi nell’ERTE: costringono i dipendenti a tornare in cambio di un “salario extra” in nero

I lavoratori tornano al lavoro ricevendo il 70% della loro base normativa grazie al beneficio stabilito durante la pandemia e, in alcuni casi, il datore di lavoro offre loro di integrare il loro salario regolare con denaro nero; sono anche pagati un po’ di più per accettare questa irregolarità.

Questa pratica può essere sanzionata con multe fino a 187.515 euro.

Con l’arrivo dell’ERTE a causa della comparsa del coronavirus, alcuni datori di lavoro hanno utilizzato questa misura in modo irregolare a proprio vantaggio.

In particolare diversi datori di lavoro hanno applicato un ERTE ai loro lavoratori mentre li facevano lavorare fornendo i loro servizi su base regolare.

Ora, nel bel mezzo della de-escalation, gli avvocati e i consulenti del lavoro stanno rilevando una pratica simile che consiste nel far tornare a lavorare quei dipendenti che però ufficialmente rimangono in ERTE.


In questo modo, i lavoratori ritornano al loro posto di lavoro mentre continuano a lavorare in ERTE ricevendo il beneficio dello Stato per il 70% della sua base normativa e inoltre, normalmente, il datore di lavoro offre loro una somma di denaro non dichiarata per eguagliare il salario che gli corrisponderebbe.

Marisa è una cameriera in una provincia dell’Andalusia – non vuole dare la sua posizione per paura di rappresaglie – ed è una delle persone a cui il suo capo ha offerto di tornare al lavoro quando era ancora in ERTE.

Guadagno 1.000 euro più le mance e ora con l’ERTE guadagno poco meno di 700 euro.

Due settimane fa il mio capo mi ha chiamato al telefono e mi ha offerto di tornare al lavoro mentre ero ancora nell’ERTE.

Si è offerto di pagarmi 500 euro in nero.

Gli ho detto che non volevo, così ha chiamato un altro collega e in questo momento sta lavorando in questo modo”, racconta.

D’altra parte, a Rubén è stato anche offerto di lavorare in un negozio di computer senza lasciare l’ERTE.

Nel suo caso, l’uomo l’imprenditore gli spiegò che doveva “approfittare dell’aiuto che lo Stato offriva”.

Qualche mese fa abbiamo scoperto che le aziende che avevano effettuato un ERTE sui loro lavoratori li tenevano al lavoro.

Ora, anche se questa situazione continua ad esistere, stiamo trovando lavoratori che sono chiamati al loro posto di lavoro senza essere rimossi dall’ERTE.

Normalmente, i datori di lavoro offrono una somma di denaro per “integrare” il loro beneficio, e ci sono anche aziende che chiamano i lavoratori al loro lavoro solo ricevendo il beneficio ERTE (70% della loro base normativa)”, spiega.

Egli sottolinea inoltre che questo tipo di pratica è “assolutamente illegale”.

Poiché avere un lavoratore che fornisce servizi mentre riscuote un sussidio è un’infrazione molto grave in termini di sicurezza sociale.

“Ciò è stabilito dalla Legge sulle infrazioni e sulle sanzioni nell’ordine sociale, in particolare dall’articolo 23.1. J. e le ammende possono variare da 6.251 a 187.515 euro come specificato nell’articolo 40 1.”.

Falcón dice che nella maggior parte dei casi i lavoratori sono costretti ad accettare per paura di essere licenziati o di ritorsioni da parte dell’azienda e raccomanda di fare una segnalazione anche anonima all’Ispettorato del lavoro.

Ana Ercoreca, presidente del sindacato degli ispettori del lavoro e della previdenza sociale, assicura a Público che l’Ispettorato del lavoro sta “agendo con rapidità” su questo tipo di frode e ricorda all’azienda non solo che deve pagare la corrispondente multa, ma anche che deve restituire l’importo della prestazione.