Dai segreti e dalla magia che da sempre custodivano il barranco di Badajoz si è passati negli ultimi anni ai riti della Santeria che lasciano gli animali decapitati nelle baie.

Sono pochi i luoghi delle Canarie che accumulano tanto mistero quanto la gola di Badajoz a Güímar, soprattutto all’inizio del secolo scorso, quando gli operai che scavavano un pozzo trovarono due esseri vestiti di bianco in cima a una grotta.

Questa è una delle storie o dei pettegolezzi che hanno aumentato la magia di un barranco così legato a strani eventi, come la ragazza con le pere, che tutti a Güímar hanno raccontato di generazione in generazione.

Ma oggi non parliamo del barranco di Badajoz né del passato.

Non lontano da lì, ma sulla costa, è stata notizia nelle ultime settimane la comparsa nelle spiagge della Valle di uccelli decapitati, evidente esempio dei riti di santeria che vengono praticati in calette quasi solitarie come la spiaggia della Entrada, al Socorro (Güímar) o la spiaggia della Viuda (Candelaria).

Un rituale legato alla stregoneria e alla magia nera, secondo gli esperti di Santeria (religione yoruba), che proviene da Cuba e che viene portato dagli schiavi africani, e che ha messo radici nelle Isole Canarie a partire dagli anni Ottanta.


“È stato molto comune vedere uccelli decapitati nella zona di El Socorro, e anche a El Porís”, ha detto Pedro Damián Hernández, ex consigliere e osservatore di tutto ciò che accade a Güímar.

“Non credo che sia una novità, perché questa pratica è stata effettuata fin dagli anni ’80 e di solito la mettono in atto di notte e in luoghi remoti, anche se a volte hanno eseguito questi rituali nello stesso charco di El Socorro”, dice l’uomo che è ancora l’amministratore di Chinguaro, il sito storico dove Mencey Acaymo ha preso quell’immagine della vergine che hanno battezzato Chaxiraxi.

La Santería è legata soprattutto a Cuba, ma ci sono anche molti canari emigrati in America che la professano, quindi non è strano che si sia diffusa nelle isole.

Gli abitanti di El Socorro e Playa La Viuda denunciano da tempo la continua apparizione di polli, anche anatre, decapitati sulle loro spiagge, con resti di fiori che dimostrano che questi animali facevano parte di un rituale, così come la presenza di noci di cocco sui bordi di una strada di campagna a Candelaria.

Ma più grave è stato il fatto che questi seguaci della Santeria utilizzano i luoghi di culto cristiani per lasciare, ad esempio, una colomba bianca con la gola tagliata, come è successo qualche settimana fa all’ingresso della chiesa di Fatima, nell’omonimo quartiere di Güimar.

Ma ci sono state anche denunce pubbliche da parte di gruppi ambientalisti, come la Fundación Telésforo Bravo Juan Coello, che ha pubblicato sulla sua pagina Facebook la comparsa di due galli decapitati, un vassoio di fiori, cibo, una bottiglia di sidro, diversi bicchieri e un fagotto blu all’interno del quale c’erano diversi animali in decomposizione, sulla spiaggia di La Viuda.

In questo caso, non è una baia remota, dato che nei suoi dintorni vivono circa duecento persone. 

In precedenza, due anatre senza testa erano apparse anche sulla spiaggia di La Entrada.

E così quasi ogni giorno.

Franco Leonardi