La paralisi economica causata dall’emergenza sanitaria degli ultimi mesi ha aggravato la crisi che il settore del pomodoro di Tenerife sta attraversando da diversi anni, lasciando l’attività sull’isola sull’orlo dell’estinzione.

La scorsa stagione le esportazioni di questo ortaggio sono diminuite di oltre il 25% rispetto alla stagione precedente, raggiungendo i 3,8 milioni di chili e per la prima volta i coltivatori hanno iniziato a cercare colture alternative per riconvertire il settore.

È quanto afferma il presidente dell’Associazione degli esportatori di pomodori di Tenerife (Aceto), Francisco Echandi, e si rammarica che “il pomodoro sta attraversando da tempo una grave crisi” a causa dell’aumento dei costi di produzione, della concorrenza dei paesi extracomunitari e della brexit.

Fattori che ora sono aggravati dalla stasi economica che li ha costretti a smettere di raccogliere parte del raccolto di quest’anno e che sta incoraggiando altri paesi a optare per l’autoconsumo.

Con l’arrivo della pandemia, gli acquirenti hanno cominciato a chiedere che il prodotto fosse protetto da un imballaggio per evitare il contatto.

“Eravamo pronti ad esportare all’ingrosso e quando questo formato è stato richiesto siamo stati costretti a lasciare circa il 9% della produzione non raccolto”, data l’impossibilità di far fronte a questi costi aggiuntivi.


Ciò significa che i 4,2 milioni di chili che si prevedeva di esportare sono stati ridotti a 3,8 milioni.

Tuttavia, il rappresentante del settore sottolinea che se fossero stati raggiunti i 4,2 milioni previsti, anche questa cifra sarebbe stata molto inferiore a quella della scorsa stagione, quando il settore sull’isola ha esportato 5,6 milioni di chili di pomodori.

Si tratta di un’impresa ben lontana dai numeri registrati 15 o 20 anni fa, quando più di 100 milioni di chili lasciavano ogni anno l’isola di Tenerife da sola.

Ora, in tutta Tenerife, si coltivano solo 35 ettari di questo ortaggio da esportazione, il 95% nel comune di Granadilla de Abona, mentre il 5% si trova ad Arico.

“A causa di tutti i fattori negativi che il settore ha dovuto affrontare, la gente ha gettato la spugna molto tempo fa, prima c’erano 34 aziende produttrici e ora ne sono rimaste solo due”, lamenta.

Attualmente sull’isola viene piantata solo la quantità di ettari necessari per rispettare gli accordi commerciali precedentemente stabiliti.

“Il poco che si semina è dopo aver concordato un prezzo che ci permette di coprire le spese”, dice Echandi.

Oltre alla concorrenza dei paesi terzi, l’aumento dei costi di produzione e i danni causati dai parassiti sono ora aggravati dagli effetti del brexit, poiché la partenza del Regno Unito dall’Unione europea significherà che i produttori delle Canarie non potranno più beneficiare degli aiuti per il trasporto e la commercializzazione, in quanto sono disponibili solo per le esportazioni verso i paesi membri.

Echandi afferma che il Dipartimento dell’agricoltura del governo delle Canarie, in coordinamento con il Ministero, “sta cercando di articolare alcune formule per superare questo ostacolo”.

Una delle alternative sarebbe quella di aumentare l’importo dell’aiuto per ettaro coltivato, che al momento ammonta a 15.000 euro.

Tuttavia, “non sappiamo se questo sia fattibile”, come sostiene Echandi che le proposte “potrebbero non essere accettate dall’Europa e che capiscono che non è logico mantenere una coltura che ha bisogno di così tante compensazioni”.

Il Presidente sottolinea che esistono già studi tecnici ed economici che indicano “che il settore del pomodoro non è redditizio nello scenario attuale”, facendo riferimento alla revisione del rapporto preparato dal gruppo di ricerca di Economia Agroalimentare nelle Isole Canarie dell’Università di La Laguna (ULL), diretto da José Juan Cáceres.

“In esso i dati vengono aggiornati tenendo conto dell’aumento del salario minimo interprofessionale degli ultimi due anni, in quanto l’investimento in manodopera rappresenta il 60% del costo totale di produzione e vendita di un pomodoro”, spiega, così lo studio determina che “con la concorrenza del Marocco, i costi salariali di altri Paesi concorrenti, i nuovi costi qui, i prezzi di vendita e i sussidi che riceviamo, non è possibile coltivare pomodori sull’isola”.

I coltivatori hanno chiesto “un nuovo piano all’amministrazione per poter continuare l’attività”, anche se Echandi riconosce che “per la prima volta nella storia del settore del pomodoro si è parlato di ristrutturazione della coltura”. In questo senso, afferma che è stato commissionato un nuovo studio per analizzare altre alternative che potrebbero essere sviluppate nelle aree di coltivazione in serra ora occupate dal settore.

“Dobbiamo cercare prodotti che si adattino al clima tropicale delle Isole Canarie” e che siano difficili da produrre anche in altri paesi.

Echandi spiega che quello che è successo con il pomodoro è che la sua produzione si è stabilita anche in luoghi che per le loro condizioni climatiche naturali “potevano produrlo solo per pochi mesi”, mentre il resto dell’anno le Isole Canarie sono state il fornitore quasi esclusivo di questi paesi europei.

Questa situazione è cambiata con l’aiuto della tecnologia che permette di coltivare questo ortaggio in momenti dell’anno in cui prima non era possibile.

Il presidente di Aceto considera i mirtilli o la papaia come buone alternative per sostituire il pomodoro sull’isola. “Sono prodotti ben accolti dalla domanda e difficilmente possono essere prodotti in altri climi”, dice.

Un’altra opzione sarebbe che il settore optasse per varietà di pomodoro con un maggior valore aggiunto, come i pomodori ciliegini.

Tuttavia, fa notare che non è possibile per tutti gli ettari in cui sono attualmente piantati i pomodori delle Canarie passare ad altre varietà, perché c’è meno domanda.

Echandi insiste sul fatto che l’incertezza sarà il problema principale della prossima stagione.

“Non sappiamo se tra qualche anno ci saranno pomodori a Tenerife, tutto dovrebbe cambiare drasticamente”, sottolinea.

Franco Leonardi