Foto di repertorio

Questi fenomeni sempre più frequenti e virulenti hanno origine nel 99 per cento dei casi nel sud dell’arcipelago.

La stagione degli uragani atlantici è una delle più intense e distruttive degli ultimi decenni, con fenomeni più frequenti e più ampi e traiettorie irregolari che ne estendono il raggio d’azione geografico.

“Quest’anno ci sono le condizioni ideali per questi modelli atmosferici. Normalmente, il fenomeno El Niño è un inibitore di questo tipo di sistema. Quest’anno non abbiamo El Niño, quindi c’è un potenziale molto più grande di verificarsi insieme all’aumento della temperatura dell’acqua su questo lato dell’Atlantico, che rende la vita delle tempeste più lunga, che le mantiene nell’oceano, dove acquistano maggiore forza”, ha detto Jesús Agüera, responsabile dei pronostici per Aemet e delegato alle Isole Canarie.

Le Isole Canarie non sono una zona di uragani, ma le condizioni sono cambiate negli ultimi 15 anni e le isole non possono più permettersi il lusso della falsa sicurezza contro le tempeste tropicali e le loro conseguenze.

“Ci sono dei grafici che mostrano che in 100 anni, fino al Delta (2005), nessuna traiettoria era arrivata alle Canarie, e da allora abbiamo visto diverse strane traiettorie, che sono fuori dal comune. È probabile che alcuni di essi possano passare nelle vicinanze.

Sia il National Hurricane Center che la U.S. National Oceanic and Atmospheric Administration hanno avvertito della potenziale capacità distruttiva di questa stagione, che normalmente va da maggio a novembre, anche se quest’anno è iniziata a marzo.


Questa settimana l’uragano Isaia è arrivato in North Carolina con categoria 1, con venti sostenuti fino a 140 chilometri per ora. Ma la stagione forte è appena iniziata. “I fenomeni di comportamento più erratici qui alle Canarie, per noi, sono da settembre e ottobre. Sono i più pericolosi perché non hanno traiettorie così marcate”, ha detto Agüera, aggiungendo: “Il 99% degli uragani si forma nel sud delle Canarie, a Capo Verde.

Questi fenomeni non sono periodici o sistematici, non tutti hanno la stessa tipologia, e non si sa cosa aspettarsi, quello che è chiaro è che si verificheranno con frequenza crescente, maggiore intensità e maggiore probabilità che possano raggiungere zone non precedentemente interessate, comprese le Isole Canarie.

Le condizioni, secondo gli esperti statunitensi, non potrebbero essere più propizie per un anno particolarmente pericoloso, con condizioni simili a quelle che esistevano nel 2005 quando la tempesta tropicale del Delta delle Canarie è arrivata alle Canarie, causando morti e notevoli danni materiali alle isole.

“I modelli atmosferici previsti quest’anno, l’assenza di El Niño (che è un inibitore), l’imprevedibilità di La Niña, il NAO che è un altro collegamento tra zone ad alta e bassa pressione, e il riscaldamento delle acque dell’Atlantico indicano una maggiore incidenza di questi eventi meteorologici”, ha spiegato Agüera.

Gli uragani tendono a muoversi a un ritmo relativamente lento, anche se un’inaspettata virata di 48 ore può cambiare sostanzialmente la risposta all’emergenza. Diverse agenzie cooperano per monitorare il fenomeno. “Aemet ha tutte le attrezzature pronte ad avvertire nel caso si stia avvicinando una tempesta, ma dobbiamo essere chiari sul fatto che l’agenzia per protocollo per effettuare il monitoraggio è il Centro nazionale americano per gli uragani, solo nel caso in cui si avvicini a una distanza di 2.000 chilometri prendiamo il comando”, ha concluso Jesus Aguera.

Gli uragani tendono a muoversi a un ritmo relativamente lento, anche se un’inaspettata virata di 48 ore può cambiare sostanzialmente la risposta all’emergenza. Diverse agenzie cooperano per monitorare il fenomeno. “Aemet ha tutte le attrezzature pronte ad avvertire nel caso si stia avvicinando una tempesta, ma dobbiamo essere chiari sul fatto che l’agenzia per protocollo per effettuare il monitoraggio è il Centro nazionale americano per gli uragani, solo nel caso in cui si avvicini a una distanza di 2.000 chilometri prendiamo il comando”, ha concluso Jesus Aguera.

Il novembre di quest’anno, il 2020, sarà il 15° anniversario del passaggio della tempesta tropicale Delta, che ha causato morte e distruzione nelle Isole Canarie.

La tempesta ha iniziato il suo percorso nel Golfo di Guinea, e ha virato inaspettatamente verso nord, rimanendo statica vicino alle Azzorre, per poi girare a est, non a ovest come avviene normalmente. Ha cominciato a farsi notare nelle isole più occidentali dell’arcipelago (La Palma e El Hierro) la mattina del 28, e con il passare della giornata si è spostata verso est, tanto che già quel pomeriggio ha cominciato ad agire con forza su Tenerife (l’isola più punita). Durante la notte, i venti si sono alzati e hanno raggiunto i 140 chilometri orari sulla costa e quasi 250 chilometri orari sul Teide.

Il passaggio della tempesta attraverso le Isole Canarie ha causato la morte di un uomo a Fuerteventura che è stato trascinato nel vuoto dalla forza dei venti, e quella di sei immigrati subsahariani naufragati nel loro cayuco 200 chilometri a sud di Gran Canaria.

Ci sono stati anche diversi feriti e notevoli danni. Molti cittadini hanno dovuto passare la notte all’aeroporto di Tenerife Nord e alla stazione degli autobus di Santa Cruz. Circa 300.000 persone sono rimaste senza elettricità per sette giorni.

dalla Redazione