Il Governo sta accelerando i suoi piani di opere pubbliche come spinta al rilancio economico.

La riattivazione della costruzione di alloggi protetti sarà uno dei principali incentivi per il settore e anche per la creazione di posti di lavoro nei prossimi anni.

Secondo le stime, è possibile creare fino a 8.000 posti di lavoro diretti aumentando il parco immobiliare pubblico di oltre 3.000 nuovi appartamenti in quattro anni, come previsto dal governo regionale, mentre i posti di lavoro indiretti potrebbero superare i 10.000.

È passato più di un decennio da quando sulle isole sono state costruite nuove case a prezzi accessibili per le famiglie che non possono accedere al mercato privato o che sono protette dal governo per affittare a famiglie vulnerabili.

Una delle principali chiavi del dinamismo economico è l’aumento degli investimenti pubblici sia nelle infrastrutture in attesa di realizzazione che nella costruzione e riabilitazione di abitazioni, due aspetti che stanno trascinando giù molti posti di lavoro e che in parte alleviano il deficit di alloggi pubblici di cui soffrono le Canarie.

Negli ultimi mesi il governo regionale ha intensificato la collaborazione con le organizzazioni imprenditoriali e i consigli locali per individuare le esigenze abitative delle isole su terreni adatti ai progetti edilizi.


Tra le case da costruire nell’ambito del prossimo Piano abitativo 2020-2023 e quelle da costruire con fondi statali per ammortizzare i prezzi degli affitti, le isole avranno circa 3.000 nuove case, che potrebbero essere di più se aumenteranno i fondi europei per la ripresa economica, i consigli accelereranno il trasferimento dei terreni e le aziende manterranno i loro progetti fino alla fine dei nuovi sviluppi.

Nei giorni scorsi, il ministro dei lavori pubblici, dei trasporti e dell’edilizia abitativa del governo regionale, Sebastián Franquis, ha incontrato e firmato con diversi consigli comunali la cessione di terreni per l’edilizia residenziale sovvenzionata.

In questo quadro, sono già stati firmati accordi con Las Palmas de Gran Canaria, Arrecife e Gáldar, tra gli altri comuni, e nelle prossime settimane si raggiungeranno accordi anche con i comuni di Santa Cruz de Tenerife, Telde e La Laguna, accordi che faciliteranno la costruzione di 1.100 abitazioni.

Oltre a questi comuni, una delle priorità dell’Istituto per l’edilizia abitativa delle Canarie (Icavi) è lo sblocco di terreni per la costruzione di appartamenti nei principali comuni turistici come San Bartolomé de Tirajana, Mogán, Adeje e Arona.

Si tratta di aree in cui i prezzi degli affitti sono saliti vertiginosamente e i residenti e i lavoratori hanno un’offerta limitata di alloggi a prezzi accessibili a fronte del boom degli affitti per le vacanze e della pressione che l’attività turistica sta esercitando sui prezzi.

Infatti, la procedura di firma degli accordi sarà ripetuta con tutti i comuni che sono disposti a cedere terreni per l’edilizia residenziale pubblica.

In questo senso, Icavi sta anche concludendo accordi con El Rosario, Güimar, Los Realejos, El Sauzal, Puntallana e Arucas, tra gli altri.

Le 2.200 case che l’Esecutivo si è prefissato in quattro anni sono un obiettivo piuttosto poco ambizioso per la Presidente dell’Industria Edile, poiché secondo lei questo dovrebbe essere l’obiettivo in un solo anno se le cose vengono fatte in modo efficiente e veloce.

Oltre alla costruzione di nuove abitazioni, durante la crisi sanitaria causata dalla Covid-19, sono stati stanziati 12 milioni di euro per i sussidi agli affitti alle famiglie più colpite da questa situazione.

Sono state presentate oltre 23.000 domande e l’Esecutivo è stato costretto ad aumentare di altri quattro milioni il credito.

Bina Bianchini