NEW YORK CITY, NY – MARCH 15: Jeffrey Epstein and Ghislaine Maxwell attend de Grisogono Sponsors The 2005 Wall Street Concert Series Benefitting Wall Street Rising, with a Performance by Rod Stewart at Cipriani Wall Street on March 15, 2005 in New York City. (Photo by Joe Schildhorn/Patrick McMullan via Getty Images)

Ghislaine a 29 anni volò a Tenerife per la morte del padre, Robert Maxwell, che stava navigando nelle acque Canarie su uno yacht con il suo nome, ora, a 57 anni, è accusata di essere complice di Jeffrey Epstein, morto in cella alcuni giorni fa.

Ghislaine, la figlia di Maxwell, il magnate delle comunicazioni morto misteriosamente nelle acque delle Canarie nel novembre 1991, ha vissuto questi ultimi 28 anni fuggendo dalle ombre che hanno avvolto la figura del suo onnipotente padre, trovato annegato a sud-ovest di Gran Canaria.

Ghislaine è una donna tra due cadaveri, quello di suo padre e ora quello del milionario americano Jeffrey Epstein, che alcuni giorni fa è stato trovato morto con il collo rotto nella sua cella di Manhattan.

Lei era legata sentimentalmente o imprenditorialmente a lui, o in ogni caso, questa è l’ombra che ora la perseguita.

Robert Maxwell era arrivato a Tenerife con il suo lussuoso yacht “Lady Ghislaine”, dal nome della figlia preferita, la più giovane, che aveva 29 anni quando si recò sull’isola con una parte della sua famiglia per occuparsi delle formalità della morte.

Maxwell non era stato accusato di pedofilia come Epstein, ma i due cadaveri hanno in comune, a parte le fortune e i legami con il potere, il fatto che si è speculato sul suicidio o, forse omicidio, di entrambi.


L’esperto forense Carlos López de Lamela, riguardo ai sospetti di omicidio, ha confidato che Maxwell poteva aver subito un’iniezione letale e impercettibile anche in sede di autopsia, e successivamente essere stato colpito da un infarto.

Nello stomaco c’erano tracce dell’ultimo alimento consumato: una banana che aveva ordinato prima di morire. L’indagine forense non ha chiarito il motivo per cui, una volta morto, sarebbe stato gettato in mare.

La versione ufficiale ha optato per la versione peggiore per la famiglia, che aspirava a riscuotere una succulenta polizza assicurativa, ovvero la morte naturale (Maxwell aveva un solo polmone ed era in cura per un edema).

Per quanto riguarda Epstein, è storia e tutti gli occhi sono puntati su Ghislaine Maxwell, la padrona di casa, la madame, la direttrice di un impero di sontuosi nidi d’amore in Florida, New York e Arizona.

Palazzi dedicati al flirting, feste e alla promozione di una torbida rete di schiave del sesso (soggetti per la stampa da giallo, che è stato il genere che ha reinventato suo padre).

In questo caso, come nel caso del magnate della comunicazione, l’ipotesi del crimine va per la maggiore, elevando l’enigma alla sua massima potenza.

Trump non ha avuto il tempo di far notare a Clinton l’idea che qualcuno al vertice sia stato in grado di decidere sulla vita del capo, donnaiolo, di uno schema criminale di abusi sessuale gradito ai circoli del potere.

Trump e Clinton sono stati citati fin dal primo minuto in cui Epstein è stato arrestato, per una presunta amicizia in passato.

Non appena le cose si sono messe male, il Presidente si è tolto di mezzo, alludendo a un ipotetico disaccordo con l’imputato, e poi ha incoraggiato la tesi del complotto per confondere il marito del suo avversario democratico alle elezioni del 2016.

La ragazza che venne vista leggere nel porto di Santa Cruz un comunicato di apprezzamento per il trattamento ricevuto sull’isola è ora una donna di 57 anni, piegata e timorosa di pagare il prezzo dei problemi del suo ex fidanzato ed eterno amico, sapendo che quello è lo scopo di un giudice di Manhattan che segue le sue tracce.

In quei tristi giorni del novembre 1991, la madre, Elizabeth, lei e suo fratello Philip sembravano una famiglia ordinaria che piangeva un caro defunto senza poter evitare i segni di opulenza intorno a loro.

Con una delle sue decisioni più controverse, la ragazza ammassò tutti i documenti che suo padre aveva lasciato nella cabina e ordinò che fossero distrutti.

Quando il giudice di Granadilla Isabel Oliva chiese di raccogliere il prezioso materiale delle ultime ore del defunto, vennero trovati solo pochi telegrammi di condoglianze.

Non si possono dimenticare nemmeno gli sforzi per sfuggire alle domande dei giornalisti dell’avvocato di Tenerife della famiglia Maxwell, Julio Hernandez Claverie, che fu pungolato per rivelare se gli eredi sospettavano di qualcuno a bordo, sapendo che stavano indagando da soli sugli undici membri dell’equipaggio.

La travagliata biografia del padre e quella non meno tempestosa di Epstein, i due cadaveri che hanno segnato la sua vita, convergono nella stessa sontuosa voglia di splendore e benessere.

Ghislaine fuggì a Londra dopo essere tornata da Tenerife e aver seppellito suo padre sul Monte degli Ulivi a Gerusalemme con gli onori di un capo di stato.

Aveva avuto un trattamento eccellente come capo di una società di regali della holding di papà e aveva anche ricevuto uno stipendio succulento dal settimanale The European, nel quale non aveva quasi mai messo piede.

Ma tutto quel fasto finì nelle prime ore del 5 novembre 1991, quando Robert Maxwell morì nelle acque delle Canarie dopo la sua ultima cena nel ristorante dell’Hotel Mencey, dove pochi giorni dopo entrò Alberto Vázquez Figueroa per ricostruire la scena che diede il via al suo romanzo Cittadino Max.

La beniamina di Maxwell se ne andò in esilio, poi a New York e incontrò e apparentemente si innamorò di Jeffrey Epstein, che era un finanziere con fortuna, palazzi e aerei privati come Robert Maxwell, ma senza contatti nel jet set.

Suo padre aveva amici vip nell’alta borghesia e frequentava la Casa Bianca e il 10 di Downing Street. Ghislaine era la perfetta “socialite”, amica personale di principi e gente affascinante.

Una delle presunte schiave del sesso ha denunciato che il principe Andrea, terzo figlio della regina Elisabetta II, era uno degli amanti con cui era costretta a dormire nella rete di Epstein e Ghislaine.

“La vita è dura”, disse a Robert Maxwell un cliente che lo riconobbe al Mencey nel novembre 1991, la notte prima della sua morte all’età di 69 anni.

Il giornalista Juan Cruz dice che il magnate di 1,90 metri e 140 chili aveva avuto difficoltà ad allacciare la giacca e sorrise solamente.

Quella notte aveva lasciato lo yacht arrabbiato perché il cuoco non aveva l’aragosta per cena.

Nonostante i debiti e gli scandali lo circondavano, non aveva perso l’appetito.

In un libro pubblicato due settimane prima, Operation Samson, il giornalista del New York Times Seymour Hersh lo aveva accusato di essere una spia pagata dal Mossad.

Si stava avviando verso la fine del suo impero, aveva truffato i suoi dipendenti mettendo mano ai loro fondi pensione, e, se questo non bastasse, si è poi saputo che a quel tempo era preoccupato per un possibile atto d’accusa per crimini di guerra.

Saltò fuori dallo yacht, chiamò un taxi e si piantò nel ristorante Mencey.

Mangiò nasello con funghi e vongole, bevve tre birre e continuò a chiamare senza successo con il suo radiotelefono. Improvvisamente, o perché si sentiva angosciato o esasperato dalla tosse, pagò senza consumare né dessert né caffè. Lasciò una notevole mancia e se ne andò come un’anima in pena.

Il maitre uscì dietro di lui e gli restituì la sua giacca dimenticata.

Lo yacht con il nome della figlia solcò le acque delle Canarie portando a bordo uno degli uomini più potenti e ben introdotti del mondo che affrontava da solo e adirato il suo destino.

Nessuno saprà mai cosa ha pensato o deciso di fare della sua vita e dei suoi affari, quell’uomo che era partito dal basso.

Nato 69 anni prima in un villaggio dei Carpazi, poi Cecoslovacchia, la madre era morta ad Auschwitz e lui fu l’unico della famiglia a sfuggire a Hitler.

Il suo vero nome era Ján Ludvick Hoch, ma una volta arruolato nell’esercito britannico, adottò il nome di un soldato ucciso in Normandia.

Fu promosso, decorato e ricompensato con cento sterline, che furono il suo primo investimento: comprò una rivista scientifica per diffondere reportage censurati, fino ad ottenere il Daily Mirror e tutto il suo gruppo mitico.

Da quel periodo militare della Seconda Guerra Mondiale ereditò il soprannome di Capitano Bob.

A quanto pare, egli acconsentì alla morte di civili tedeschi disarmati, e questo è ciò di cui lo accusavano quando era in viaggio per l’ultima volta a bordo dello yacht che aveva dedicato a sua figlia Ghislaine.

Chiese di dirigersi a Los Cristianos, ma per qualche strano motivo lo yacht navigò verso Gran Canaria prima di raggiungere la sua destinazione, senza di lui a bordo.

Era scomparso nel corso di quest’ultima traversata, ma il cadavere galleggiante a faccia in su che un elicottero della SAR sollevò aveva ben poca acqua nel suo unico polmone.

Una morte che non sarebbe mai stata definitivamente chiarita negli archivi segreti di Scotland Yard.

E dopo quella rimase solo il cognome, perché l’impero di Maxwell è scomparso e oggi la luce dei suoi occhi vive il suo calvario personale.

Il marchio della famiglia.

Franco Leonardi