More

    Le capanne del Barranco de las Ovejas sono state documentate digitalmente come misura preventiva

    Il vulcano ha lasciato un grande strato di cenere che mette in pericolo la conservazione delle oltre 80 capanne situate a El Paso.

    La società Tibicena sta realizzando volontariamente il lavoro di fotogrammetria promosso dal governo e dal Cabildo dell’isola.

    Dopo un’analisi dei beni che potrebbero essere colpiti dalla cenere vulcanica su La Palma, il governo delle Canarie e il Cabildo di La Palma hanno deciso di intervenire nell’insediamento di capanne di Barranco de las Ovejas, situato nel comune di El Paso, come misura preventiva.

    I circa 10 centimetri di polvere vulcanica che coprono le 83 costruzioni artificiali in pietra a secco mettono in pericolo la loro conservazione, per cui l’azienda specializzata Tibicena Arqueología y Patrimonio si è offerta di realizzare, altruisticamente, un rilievo fotogrammetrico e una modellazione 3D dell’intero complesso archeologico ed etnografico.

    L’insediamento di capanne di Barranco de las Ovejas è uno degli insediamenti più interessanti di La Palma, non solo per il numero di edifici ancora in piedi, ma anche perché è stato abitato dal periodo aborigeno fino all’inizio del XX secolo.

    Lo scavo della radice di felce in questa zona della pineta era molto comune per fare il gofio o la farina, ed è per questo che gli specialisti credono che queste capanne furono occupate per questo scopo.


    Da diversi anni, la Direzione Generale dei Beni Culturali, il Ministero Regionale dei Beni Culturali e Storici e il Comune di El Paso stanno realizzando diverse azioni per la valorizzazione di questa enclave, come la pulizia della vegetazione e della pineta, la delimitazione del sito, la collocazione di diversi pannelli esplicativi e la realizzazione di diverse indagini stratigrafiche.

    Secondo Nona Perera, direttore generale dei Beni Culturali, il suo dipartimento “aveva tra i suoi obiettivi quello di lavorare su questo sito per renderlo visitabile, ma abbiamo dovuto ritardarlo a causa del vulcano”, dice.

    Tuttavia, l’importante “ora è concentrarsi per garantire la sua conservazione con questa riproduzione digitale”, poiché è molto vicino al vulcano, spiega.

    In questo senso, l’ispettore del Patrimonio Storico del Cabildo, Jorge Pais, considera che questa enclave “ha un valore sufficiente per essere un parco archeologico-etnografico”, ma fino ad allora è necessario realizzare “una documentazione preventiva di tutto il complesso per avere informazioni dettagliate non solo sull’insediamento ma anche su ciascuna delle strutture”, spiega.

    All’inizio dell’eruzione, Tibicena Arqueología y Patrimonio ha offerto i suoi servizi gratuitamente al Governo delle Isole Canarie per svolgere qualsiasi compito che potesse essere loro affidato in queste circostanze eccezionali a La Palma.

    Con questa azione, si crea una foto fissa a 360º, indipendentemente dalla situazione vulcanica, in altre parole, “un ricordo di com’è questo spazio”, dice il regista, Marco Moreno.

    “Possiamo monitorare il sito, e se è degradato dalla cenere, questa immagine ci permetterà di avere un punto di partenza per ricostruire il sito se necessario”, dice.

    Una quindicina di giorni fa, le due amministrazioni pubbliche hanno coordinato il trasferimento dei beni mobili della chiesa di San Nicolás de Bari a causa della vicinanza del vulcano a questa zona di Las Manchas.

    Inoltre, è stato fatto anche un rilievo in 3D della cappella e della sua pala d’altare, infatti “abbiamo studiato il modo più appropriato per spostarla se le circostanze peggiorano”, ha sottolineato Perera. Di fronte a questa situazione, gli ispettorati regionali e insulari sono in stretto e diretto contatto tra loro per futuri interventi urgenti.

     

    Articoli correlati