Le Clarisse di La Laguna, Tenerife, producono attrezzature protettive per il personale e i volontari della Caritas.

La necessità di mascherine per il personale della Caritas Diocesana di Tenerife ha messo al lavoro le monache del convento lagunare di Santa Clara de Asís.

Forbici in mano e attraverso l’uso di tessuti, le monache hanno già realizzato più di 100 di questi elementi protettivi, come spiegato dalla Chiesa.

Cáritas ha spiegato che l’iniziativa è venuta dalle suore, che hanno proposto al delegato episcopale di Cáritas, Juan Pedro Rivero, la loro disponibilità a collaborare in qualche modo.

E fu in quella conversazione che videro la possibilità di contribuire facendo le maschere per coloro che sono incaricati di svolgere compiti di accoglienza nelle parrocchie e per gli altri membri di questo collettivo che prestano servizio in strada.

E in questo modo contribuiscono con il loro granello di sabbia ad alleviare la crisi sanitaria.


Le maschere sono necessarie a causa del lavoro che stanno facendo da Cáritas durante queste emergenza.

Nel frattempo una ventina di persone festeggiano un compleanno in una casa di Tenerife, in baffo alle misure di sicurezza che prevedono l’isolamento.

La polizia interviene in una casa nella capitale di Tenerife, dove c’erano diversi bambini, per aver infranto la quarantena decretata dal Governo

L’uomo è una specie che non smette mai di sorprendere, nel bene e nel male.

E la quarantena mostra il meglio e il peggio.

La polizia locale di Santa Cruz de Tenerife ha dovuto intervenire ieri pomeriggio in una casa dove una ventina di persone, compresi dei bambini, festeggiavano un compleanno.

Questo è uno degli esempi di cittadini che durante la scorsa settimana hanno infranto la quarantena decretata lo scorso 14 marzo con la dichiarazione dello stato di allarme.

Intanto un residente di Santa Maria de Guía camminava per le strade della capitale di Gran Canaria perché “obbediva agli ordini di Dio”. L’uomo, di 46 anni, camminava per le strade di Vegueta, Avenida Marítima e Juan XXIII in violazione dello stato di allarme…

Ora dovrà pagare una multa di 720 euro.

Ma ci sono state molte altre situazioni che potrebbero essere descritte come comiche se non fosse per la grave situazione che il Paese sta vivendo a causa della pandemia di coronavirus.

Oppure quella del ragazzo di 19 anni che era con la sua ragazza sul campo di calcio di La Feria.

Quando gli agenti li hanno avvicinati, lui li ha minacciati: “La mia ragazza è incinta, se la tocchi ti uccido, non toccarla, sono sotto farmaci”.

E in seguito ha attaccato uno degli agenti, colpendolo con il gomito, causandogli delle ferite.

Ora dovrà passare la quarantena in prigione.

La stessa Corte d’Istruzione 4 lo ha condannato a quattro mesi di carcere.

C’è anche il caso di un uomo di 65 anni che mercoledì scorso si trovava nel Paseo de San José, in apparente stato di ebbrezza, ostacolando i lavori di pulizia delle strade pubbliche.

Quest’uomo ignorava le istruzioni degli agenti, ai quali lanciava persino diverse pietre.

È stato arrestato come presunto autore di un reato di grave disobbedienza a un agente dell’autorità e per aver violato il confino.

E ad Agüimes, un residente che nuotava nella spiaggia di El Cabrón è stato arrestato giovedì scorso perché “si annoiava”.

E queste sono solo alcune delle oltre mille situazioni di questo tipo che si sono verificate nelle Isole Canarie da quando è stata decretata la quarantena lo scorso 14 marzo .

Fino a giovedì scorso, la Polizia Nazionale, la Guardia Civil e la Polizia Locale hanno presentato 4.704 denunce e hanno proceduto all’arresto di 110 persone.