Costruttori, albergatori, sindacati e comuni avvertono che la mancanza di alloggi pubblici, gli affitti per vacanze e la burocrazia minacciano di strangolare l’attività economica della regione, capitale economica di Tenerife.

Il ritardo nella costruzione di alloggi pubblici da parte degli ultimi governi delle Canarie, l’impatto degli affitti per le vacanze e gli ostacoli burocratici nella concessione delle licenze agli investitori privati sono i tre fattori più influenti che spiegano perché i prezzi degli affitti sono attualmente ai massimi storici nel sud di Tenerife.

Questa è la principale conclusione dei costruttori, degli albergatori, dei sindacati e dei consigli comunali che hanno radiografato una realtà sempre più preoccupante nella regione.

Tale situazione sta generando la comparsa dei primi villaggi di abitazioni autocostruite da parte di lavoratori impoveriti in zone vicine ai centri abitati di comuni come Arona.

Il fatto è che ottenere una casa per vivere temporaneamente nelle zone vicine alla costa è, al momento, una missione impossibile.

La carenza del mercato costringe i lavoratori a cercare un tetto sotto il quale dormire a costi ragionevoli in città situate molto al di sopra dell’autostrada e, quindi, sempre più lontane dal luogo in cui svolgono la loro attività lavorativa.


La Federazione Provinciale degli Enti di Costruzione (Fepeco) ha definito la situazione del Sud come una “emergenza sociale” dovuta all’insufficienza di alloggi.

Quest’ultima viene attribuita alla mancanza di una politica chiara, operativa e sufficiente del Governo delle Canarie negli ultimi anni e alle difficoltà burocratiche, soprattutto delle amministrazioni locali, per quanto riguarda la concessione delle licenze.

Il problema è di portata tale da far presagire a breve termine uno strangolamento dell’attività economica, se non si cerca ora una soluzione.

La situazione, a suo parere, è scandalosa, preoccupante e molto dannosa per l’economia e l’occupazione, e sta mettendo a dura prova la sopravvivenza di molte imprese di costruzione del Sud.

Negli ultimi dieci anni non sono state costruite nuove abitazioni perché non è stata sviluppata una politica adeguata da parte delle amministrazioni pubbliche.

Le amministrazioni non hanno fatto assolutamente nulla, hanno guardato dall’altra parte e gli anni sono passati senza alcuna iniziativa di promozione pubblica

Riguardo al comportamento del mercato immobiliare privato, Izquierdo attribuisce la mancanza di nuove costruzioni al “muro burocratico” dei consigli comunali.

Non c’è modo che gli uffici tecnici comunali possano lavorare diligentemente, le licenze sono arenate nei labirinti amministrativi senza dare una soluzione all’iniziativa privata che è bloccata.

L’Associazione degli imprenditori turistici della provincia di Santa Cruz de Tenerife (Ashotel) attribuisce alle case vacanze la colpa del rincaro del mercato immobiliare nel sud dell’isola, dove si concentra quasi la metà delle proprietà delle Isole Canarie dedicate a questa attività, e questo nuovo tipo di abitazioni sta rallentando la creazione di posti di lavoro.

Gli alberghi hanno problemi nel trovare personale qualificato per il management, ci sono molte difficoltà a coprire tutte le posizioni, perché in molti casi le persone preparate si trovano nell’area metropolitana o nella regione settentrionale, e non possono spostarsi ogni giorno per lavorare al Sud perché è poco redditizio e molto costoso.

Molte delle persone che vorrebbero accedere a un lavoro, perdono l’opportunità perché non riescono a trovare un alloggio a prezzi ragionevoli.

Gli ingorghi quotidiani sulle autostrade e nei punti di accesso alle località turistiche hanno un impatto sulla qualità della vita dei cittadini.

Perdere ore in viaggio ogni giorno porta via energia e riduce le possibilità di crescita professionale e va contro le politiche di sostenibilità e la sensibilità ambientale che stanno diventando sempre più diffuse nelle principali destinazioni turistiche.

Ogni giorno ci sono 160.000 spostamenti tra San Miguel e Adeje, senza alcun mezzo di trasporto pubblico che sia una vera alternativa.

Sindacalisti di Base, la maggiore organizzazione sindacale nel settore alberghiero e della ristorazione, denunciano l’allontanamento forzato che i lavoratori delle zone turistiche subiscono a causa degli effetti delle case vacanza sui prezzi delle abitazioni.

Il segretario generale, Manuel Fitas, definisce molto grave il problema che i dipendenti hanno quando si tratta di trovare un appartamento nella regione, e le conseguenze che ne derivano sotto forma di lunghi spostamenti dalle loro case al posto di lavoro.

Fitas sottolinea che i lavoratori sono stati letteralmente sfrattati dalle zone turistiche dove si trova il lavoro.

È impossibile accedere a un appartamento in affitto tra l’autostrada e la costa, un problema che si sta diffondendo dalla TF-1 alle zone rurali.

Il prezzo degli affitti è salito anche nelle zone interne del sud dell’isola, il costo è proibitivo in zone come la città di Adeje, Buzanada, Cabo Blanco, El Fraile, Valle San Lorenzo, San Miguel de Abona e San Isidro.

Nel frattempo, i principali comuni turistici del sud, Adeje e Arona, chiedono al Governo delle Canarie di costruire più alloggi pubblici in considerazione della grande domanda della regione e dei prezzi esorbitanti degli affitti.

I due consigli comunali rimproverano ai precedenti governi delle Canarie il deficit di alloggi pubblici nella regione e confidano che l’attuale governo regionale affronti il problema con un fermo impegno in questo settore, poiché, a loro avviso, non sono possibili ulteriori ritardi.

Il sindaco di Adeje assicura che nel suo comune ci sono terreni per costruire case a prezzi accessibili e già sono stati messi a disposizione del Governo in modo da poter avere quanto prima un piano d’azione.

Sulla stessa linea, José Julián Mena, sindaco di Arona, il comune più popoloso del sud, con 100.000 abitanti, che ha affermato che la costruzione di alloggi pubblici è stata la “grande assente” nell’Arcipelago negli ultimi anni.

Ritiene sia assolutamente necessario che il governo delle Canarie, insieme a quello dello Stato, che sono le due amministrazioni competenti in materia, costruiscano case pubbliche.

Mena ha sottolineato che nel nuovo Piano generale di pianificazione, attualmente in fase di revisione, la costruzione di abitazioni sarà una delle priorità.

Entrambi i sindaci ricordano che, oltre alla carenza di alloggi pubblici negli ultimi anni, ci sono altri fattori che influenzano l’aumento dei prezzi degli affitti e indicano anche le case vacanza, per le quali richiedono una regolamentazione logica e coerente.

Nel frattempo, l’Associazione Canaria delle Case Vacanza (Ascav) respinge le accuse sostenendo che incolpare le case vacanza è malizioso e demagogico.

Ritengono che se si confronta la crescita dei posti letto turistici con l’aumento della popolazione, questo argomento è facilmente confutabile.

L’associazione ritiene che dare la colpa della mancanza di alloggi o dell’aumento dei prezzi alle case per le vacanze è come dire che gli hotel dovrebbero essere chiusi perché il personale ha bisogno di così tanti alloggi da renderne il prezzo molto costoso.

Ascav ritiene che la crescita delle strutture ricettive non sia andata di pari passo con la pianificazione e la fornitura di alloggi per i lavoratori.

Nessun governo ha mai affrontato questa realtà e pertanto si è arrivati al punto di collasso in termini di abitazioni, strade e infrastrutture.

Franco Leonardi