Solo 6.000 isolani hanno uno dei sette cognomi canari che sopravvivono in varie aree del pianeta.

In tutto il mondo, e soprattutto in America, ci sono più di 50.000 persone che portano uno dei sette cognomi di origine aborigena canaria sopravvissuti.

Curiosamente, mentre nelle Isole Canarie nessuno si chiama “Tenerife”, nelle Filippine ci sono più di 3.000 portatori di questa denominazione, 160 in Arabia Saudita e 40 nelle Isole Baleari.

Essi fanno parte dei dati raccolti dal geologo, paleontologo e zoologo Francisco García-Talavera, che ha presentato presso il Museo di Natura e Archeologia di Santa Cruz de Tenerife, le sue ultime ricerche dal titolo “69 appellidos canarios. Linajes guanches en América”, di Editorial Kinnamon.

Francisco García-Talavera spiega che i sette cognomi guanches che ancora sopravvivono e sono passati in America sono Baute, Bencomo, Chinea, Guanche, Oramas, Tacoronte e Tenerife, e sottolinea che nelle Isole Canarie ci sono solo 6.000 persone con questi cognomi e nessuna con il toponimo dell’Isola.

Questo fatto, secondo il ricercatore, è molto particolare e la ragione per cui il cognome Tenerife viene portato da 40 persone nelle Isole Baleari può essere dovuto al fatto che a Ibiza c’era uno dei principali centri della tratta degli schiavi, cosicché i Guanci potevano arrivare lì per essere venduti e veniva loro dato il cognome dell’isola di origine.


Ma dove questo cognome è più abbondante è nelle Filippine, dove nel XVI secolo i frati che avevano lasciato le Isole Canarie per evangelizzare la popolazione, battezzarono i convertiti con il nome della loro isola natale.

Insieme a questi cognomi ce ne sono quasi 70 che García-Talavera riporta nel suo lavoro e che sono di origine guanches, portoghese, castigliana, normanna, genovese e fiamminga, utilizzati nelle Isole Canarie da cui si sono diffusi in tutto il mondo.

García-Talavera ha passato più di 20 anni a indagare su questo tema e sulla grande influenza portoghese nelle isole, che si riflette in più di 130 cognomi di cui i 22 più significativi sono stati inseriti nel suo lavoro.

Alcuni cognomi scartati non sono diversi da quelli che sopravvivono in Portogallo e Brasile e altre aree della stessa lingua.

Un esempio di questo adattamento è il portoghese Dinis, che divenne Déniz nelle Isole Canarie, così come gli Yanes, Mederos e Perera, che furono castellanizzati nelle Isole Canarie e da lì si estesero in America.

Proprio con il cognome Perera si contano più di 1.050.000 persone in tutto il mondo e di loro più di 950.000 vivono nello Sri Lanka, quindi è il più abbondante nell’antica Ceylon.

Di origine normanna è il Bethencourt con le sue molteplici varianti e è portato da più di 300.000 persone in Colombia, Venezuela e Cuba.

Normanni sono anche Berriel, che viene da Le Berrier, uno dei cappellani che accompagnarono il conquistatore di Lanzarote e Fuerteventura, Jean de Bethencourt, nel 1402, così come Umpiérrez, Perdomo (Prud’homme), Melián (Meilland) e Marichal (Maréchal), tra gli altri.

La presenza delle Isole Canarie nella conquista e colonizzazione dell’America fornisce dati molto interessanti, secondo Francisco García-Talavera, che spiega che quasi tutti questi cognomi si trovano anche negli Stati Uniti grazie all’immigrazione dai paesi dell’America Latina.

Il risultato è che ora ci sono più portatori di questi cognomi in America che nelle Isole Canarie, aggiunge il ricercatore, che ricorda che nei primi decenni del XVI secolo un numero imprecisato di guanches fu inviato a colonizzare il nuovo continente.

Michele Vieri