Firme raccolte per evitare le due dighe frangiflutti previste nei restauri sulla spiaggia di San Marcos.

La piattaforma cittadina creata per il recupero di questa enclave propone alternative all’attuale progetto Gesplan con minori costi economici e minor impatto ambientale e maggiore efficacia.

La piattaforma cittadina SOS Playa San Marcos Icod, creata nel 2014 per recuperare questa enclave turistica e i suoi dintorni, mostra il suo “totale disaccordo” con i due frangiflutti proposti nel progetto elaborato dalla società pubblica Gesplan e presentato al pubblico come consultazione popolare del Comune.

Per evitare la sua costruzione e ottenere il supporto per i loro suggerimenti, il gruppo cittadino ha iniziato una campagna per raccogliere le firme sulla piattaforma virtuale Change.org.

L’obiettivo è quello di presentarli al processo di partecipazione dei cittadini che il governo locale ha aperto chiamato “Nos mojamos por San Marcos’” (Ci bagniamo per San Marco) e comprende un’agenda di incontri in diversi quartieri del comune.


Questo processo si concluderà il 16 settembre e tutte le informazioni ricevute saranno portate al Consiglio Comunale per il recupero della spiaggia che è anche prevista per il mese prossimo.

La piattaforma si oppone ai due frangiflutti a causa dell’enorme impatto visivo e ambientale, che si scontra con la conservazione e il recupero della cala di San Marcos.

Tra le alternative proposte vi sono lo sgombero, l’abbandono e il rimodellamento dell’attuale rifugio di pesca, che potrebbe avere un costo e un impatto economico inferiore e una maggiore efficacia.

“Questo eviterebbe azioni invasive o aggressive che minacciano la bellezza naturale della spiaggia, che manca anche di uno studio di simulazione in scala per garantirne la funzionalità e la soluzione futura al problema”, dice il collettivo.

Uno dei rischi da evitare è che questa enclave “diventi una discarica di plastica e rifiuti che cadrebbero direttamente in mare come nel caso dell’attuale frangiflutti”.

Per questo motivo, suggerisce anche la rimozione dei prismi di pietra dall’area occidentale della baia, “che causano un enorme impatto visivo e ambientale, incidendo negativamente sull’ecosistema marino.

Per la piattaforma, l’alternativa è quella di riportare quest’area alla fisionomia di anni fa senza alterare la dinamica della linea di costa e senza cercare di aumentare le dimensioni della spiaggia verso la scogliera, che ospita la Pardela cenicienta, e le rocce hanno continui distacchi che mettono in pericolo la sicurezza degli utenti.

Redazione