More

    Le società di parchi eolici delle Canarie stanno valutando la possibilità di interrompere i parchi eolici a causa dei bassi prezzi dell’energia

    Il megawattora viene pagato sotto i due euro o addirittura a zero centesimi, a seconda del giorno.

    L’investitore non solo non guadagna ma perde denaro con le pale a vento in funzione.

    Le società delle Canarie con parchi eolici in funzione e i generatori di alcuni dei 641 megawatt installati sulle isole stanno pianificando da settimane cosa fare per contenere l’emorragia economica che stanno subendo da settimane e smettere di perdere denaro a causa dei bassi prezzi dell’energia.

    L’opzione che sta acquistando maggior peso è quella di ridurre o addirittura fermare gli impianti di generazione in cui hanno investito in attesa di tempi migliori e di un aumento dei prezzi che ricevono per ogni megawattora di energia rinnovabile che producono e immettono nel sistema.

    Se il prezzo per megawattora deve essere compreso tra i 50 e i 65 euro per coprire i costi e ottenere un rendimento minimo, da settimane gli sviluppatori isolani ricevono circa 1,30 euro o 1,50 euro, a seconda dei giorni. 

    In alcuni momenti della scorsa settimana, il prezzo per megawatt ha raggiunto i nove euro, ma ci sono stati anche giorni in cui il prezzo per megawatt è stato pari a zero.

    Le ragioni dei prezzi bassi sono molteplici, come la bassa domanda di elettricità – in parte dovuta all’aumento dell’autoconsumo – e la grande produzione di energia rinnovabile, in parte dovuta agli eventi meteorologici delle ultime settimane che hanno portato a una maggiore produzione eolica e idroelettrica nel caso della penisola. 

    Anche il consumo di energia elettrica in Francia, il cui sistema è interconnesso con quello del resto del continente, è diminuito e ha portato a importazioni di energia dalla Francia ancora più basse, che stanno affossando la redditività dei parchi eolici.

    “Sto perdendo soldi. Non guadagno nulla per quello che produco, ma devo coprire i costi. Sto pensando di interrompere il parco”, ha dichiarato qualche giorno fa uno sviluppatore di parchi eolici in occasione del 2° Forum delle Canarie sulle energie rinnovabili, tenutosi a Gran Canaria e organizzato dalle aziende Green Efficient Solutions, Huawei e Wattkraft.


    Il presidente dell’Associazione Canaria per l’Energia Eolica (Aeolican), Raúl Macías, riconosce che la situazione attuale è molto complicata e che molti sviluppatori stanno prendendo in considerazione l’idea di fermarsi, sia alle Canarie che sulla terraferma. 

    “Se la situazione persiste, gli sviluppatori di energia rinnovabile si troveranno nella difficile situazione di sospendere le loro attività o di ridurre la rotazione delle macchine per ridurre i costi. Ora non si tratta di fare profitti, ma di recuperare gli investimenti fatti”, afferma Macías.

    La scorsa settimana (terza di aprile) il massimo giornaliero è stato di 9 euro rispetto ai 65 euro necessari per coprire i costi.

    641 Megawatt di energia eolica sono installati nelle Isole Canarie. 

    Con questa potenza si copre quasi il 20% della domanda energetica delle isole.

    A questo punto, il presidente di Aeolican evidenzia un dettaglio: se il problema continua e non si producono più megawatt rinnovabili, la conseguenza diretta è che questa domanda dovrà essere coperta da fonti convenzionali, cioè bruciando olio combustibile a costi molto più elevati. 

    “Questi costi non si ripercuoterebbero solo sui consumatori delle Isole Canarie, ma su tutti gli spagnoli”, ha dichiarato Macías. 

    Come sottolinea, i costi di produzione dell’energia sono molto più alti nelle isole rispetto alla terraferma (proprio a causa del minor peso delle rinnovabili), ma sono distribuiti equamente grazie al principio di coesione e solidarietà territoriale.

    In questo senso, fonti del settore indicano che un megawattora di energia termica costa più di 200 euro, quattro volte di più di quanto costa produrre un MW di energia rinnovabile. 

    “Dobbiamo trovare un modo per rendere la produzione redditizia per il promotore e al minor costo possibile, in modo che tutti gli spagnoli paghino meno l’elettricità”, afferma Macías.

    300 Megawatt di energia eolica dovrebbero essere installati sulle isole nei prossimi quattro anni. 

    Se si vogliono raggiungere queste cifre, sarà necessario che il Ministero intervenga. (con tasse dei cittadini).

    L’attuale situazione di prezzi bassi non riguarda solo i parchi eolici già installati, ma mette a rischio anche i progetti futuri in fase di studio. 

    “Se non si adottano soluzioni, la convenienza degli investimenti nelle energie rinnovabili perderà la sua attrattiva, poiché non saranno in grado di far fronte ai pagamenti dei prestiti ricevuti per finanziare i loro progetti”, afferma Macías. 

    A suo avviso, il Ministero della Transizione Ecologica dovrebbe adottare misure per facilitare l’ingresso delle energie rinnovabili a prezzi che coprano gli investimenti e incoraggino l’installazione di nuove capacità rinnovabili. 

    A suo avviso, questo è l’unico modo per progredire nella transizione ecologica.

    Bina Bianchini

    (NdR siamo sicuri che QUESTO “verde” sia una buona idea?)

     

    Articoli correlati