More

    Le aggressioni agli insegnanti nelle Isole Canarie sono in aumento

    Le aggressioni agli insegnanti nelle Isole Canarie sono in aumento: quasi la metà sono perpetrate da genitori o parenti degli alunni

    Il numero di aggressioni agli insegnanti è salito a quasi 2.000 dal 2008.

    Le aggressioni agli insegnanti nelle Isole Canarie sono aumentate dell’11% nell’anno scolastico 2022/23 per un totale di 157 e sono già vicine a 2.000 dal 2008, secondo i dati raccolti nella Memoria del Difensore dell’Insegnante che prepara il sindacato ANPE.

    I dettagli sono stati presentati in una conferenza stampa dal presidente, Pedro Crespo, dal coordinatore del servizio, Domingo Rodríguez, e dal vicepresidente del sindacato, Victor Rodríguez, che hanno chiesto che questo servizio venga svolto direttamente dal Ministero dell’Educazione per fornire consulenza legale e psicologica in tempi rapidi agli insegnanti colpiti.

    La maggior parte dei casi riguarda l’Educazione Secondaria, con un totale di 86 (71%), principalmente nel primo e secondo anno di ESO, a cui si aggiungono altri 27 nella Formazione Professionale, mentre nell’Educazione Primaria ce ne sono stati 36 e nell’Educazione Infantile sette – qui tutti legati ai genitori.

    In totale 115 aggressioni corrispondono a studenti e 42 a genitori o parenti, e 17 di queste sono fisiche, il che continua la tendenza all’aumento degli ultimi anni, mentre sono state documentate anche 69 minacce e 57 atti irrispettosi.

    Inoltre, in 80 casi le aggressioni hanno impedito agli insegnanti di insegnare normalmente e in 117 casi si sono verificati problemi di salute come ansia, stress o depressione, tanto che sono stati registrati fino a 30 congedi per malattia di lunga durata.

    Crespo ha sottolineato che si tratta di casi “isolati” ma “molto gravi” e si è detto “molto preoccupato” per la mancanza di sostegno da parte delle famiglie e per la riduzione “insufficiente” dei rapporti, che impedisce loro di occuparsi della “diversità” che esiste nelle classi.

    A questo proposito, ha riconosciuto gli sforzi compiuti durante la scorsa legislatura per ridurre il numero di studenti, ma sostiene che il lavoro deve continuare fino a quando il numero di studenti non raggiungerà circa 30 unità.


    Domingo Rodríguez ha anche messo in guardia dall’aumento delle denunce e delle “accuse infondate” contro gli insegnanti e si è rammaricato che non ci sia “un buon dialogo o coordinamento” tra le famiglie e gli insegnanti, che subiscono casi “piuttosto dolorosi”, citando come esempio una nonna che ha aggredito fisicamente un insegnante.

    Ha sottolineato che in molte occasioni è “insopportabile insegnare”, ancor più quando ci sono “scuole sovraffollate”, come quelle delle zone meridionali delle isole della capitale, che sono una “bomba a orologeria”, soprattutto perché non c’è “accompagnamento” per la diversità e ci sono sempre tre o quattro studenti “che vengono lasciati indietro” e iniziano a comportarsi in modo violento, rendendo difficile la convivenza in classe.

    STUDENTI “ABBANDONATI” DAI GENITORI

    Ha anche collegato l’alto numero di casi nelle scuole secondarie al fatto che molti studenti vengono “abbandonati” dai genitori “nelle piazze delle isole”, rispetto all’interesse che mostrano quando i figli sono piccoli.

    “È una vergogna”, ha detto.

    Víctor González ha sottolineato che la “complessità” della società si è trasferita in classe e che c’è aggressività sia nei centri rurali che in quelli urbani e nelle aree svantaggiate con redditi più alti; per questo ha chiesto un piano pluriennale per ridurre i rapporti, dato che esiste una “relazione diretta” tra il conflitto in classe e la “relazione diretta” tra il conflitto in classe.

    Per questo motivo, hanno anche chiesto che l’ansia, lo stress o la depressione siano considerati una “malattia professionale” se associati all’insegnamento e che il protocollo di cura sia “più rapido ed efficiente”, con una linea telefonica diretta del Ministero regionale per fornire assistenza legale e adeguata.

    Marta Simile

     

     

    Articoli correlati