More

    La capra è sempre stata qui

    O quasi sempre, in realtà nessuno può datare l’arrivo dei primi animali nell’arcipelago, ma tutto sembra indicare che sono arrivati con i primi coloni dell’isola, che anche se alcuni li datano a un millennio prima di Cristo, gli studi più avanzati con il carbonio 14 li collocano circa 300 anni prima della nostra era.

    I majos furono, quindi, i primi coloni stabili dell’isola di Fuerteventura e Lanzarote, e con loro arrivò un animale che ha dovuto adattarsi al territorio nello stesso modo in cui il territorio ha finito per adattarsi a lui.

    Il nome stesso dei Mahoreros si spiega con il modo in cui chiamavano la loro terra, Maoh (letteralmente la terra, il paese), e come, secondo Torriani, nella sua Descrizione e Storia del Regno delle Isole Canarie (1588), chiamavano le loro scarpe di cuoio di capra, Maohs.

    Quindi, anche nel modo in cui questi primi coloni hanno calpestato la loro terra e come hanno finito per chiamarla, c’è un profondo riflesso di simbiosi con l’animale che ha viaggiato con loro dal continente.

    Questo animale, che accompagnò i mahoreros per più di 1.000 anni, fece di Fuerteventura il suo habitat, e parte della sopravvivenza delle popolazioni che si svilupparono sull’isola dipendeva dal suo acclimatamento.

    Come abbiamo spiegato nel primo articolo di questa sezione, doveva essere legato a un sistema di costumi legati ai modi del bestiame costiero e alle regole sociali che accompagnavano i modi ancestrali Majoreros.


    Prima delle note storiche di Torriani, dobbiamo fare un salto indietro nel tempo poiché esiste un’altra preziosa riflessione storica che si riferisce all’importanza della capra nella vita quotidiana del Majorero preispanico e questo è il nome con cui la letteratura classica, nei testi di Plinio il Vecchio, Fortunata Insulae, si riferiva all’isola, con il nome di Capraria.

    Questi testi di Plinio spiegano che fin dall’epoca della Repubblica di Roma si conosceva l’esistenza di Fuerteventura, dei suoi abitanti e dell’animale che provvedeva alla sua sopravvivenza.

    Una questione che negli ultimi anni è stata sostenuta da ricerche sull’Isla de Lobos sull’esistenza di una fabbrica romana di porpora per la tintura dei mantelli dei senatori.

    Molti secoli più tardi, dopo la conquista della Maxorata da parte dei nobili castigliani, i cronisti normanni Pierre Bontier e Jehan Leverrier registrarono nel 1403 che “il paese [Fuerteventura] è pieno di capre, sia addomesticate che selvatiche.

    Ogni anno, d’ora in poi, 30.000 capre possono essere prese e la carne, il cuoio e il grasso utilizzati.

    E le carni delle capre qui sono altrettanto pulite e più tenere e più saporite di quelle delle pecore altrove” (Le Canarien).

    Queste cronache iniziali di Bontier e Leverrier in Le Canarien sono state spesso confutate da diversi forum intellettuali come “esagerate” in relazione al numero di capre che Erbani poteva avere nel XV secolo, ma ci sono molte prove che lo confermano, come sostiene Jose Carlos Cabrera nel suo libro Prehistoria de Canarias, Fuerteventura y los majoreros.

    Lo straordinario sviluppo dell’allevamento durante la preistoria di Fuerteventura può essere compreso solo come conseguenza di un processo graduale di specializzazione e intensificazione pastorale, un prodotto delle strategie evolutive dei primi coloni dopo il loro arrivo dal Nord Africa (…).

    L’aumento esagerato del numero di capi di bestiame deve essere interpretato come una procedura di riserva di cibo vivo per soddisfare le necessità di sussistenza e per una distribuzione equa tra le unità familiari in periodi di crisi. (Preistoria delle isole Canarie, Fuerteventura e Majoreros).

    Solo ammettendo che una parte del bestiame menzionato da Le Canarien fosse stato tenuto allo stato brado, o nella forma tradizionale di bestiame costiero, si potrebbero spiegare le cifre spiegate dai primi cronisti, il che ci porta alle apañadas come elemento di coesione sociale della società aborigena che è sopravvissuto fino ai giorni nostri.

    La capra Majorera oggi è, in una percentuale molto alta, il prodotto di più di mille anni di isolamento, cultura pastorale e relazioni sociali tra Majoreros.

    Un’altra percentuale è l’arrivo della diversità genetica che accompagnò i conquistatori castigliani.

    Il risultato è un animale invidiato da molti allevatori per la sua alta resa di latte, il sapore squisito della sua carne e il suo impressionante adattamento al territorio.

    Aspetto generale: Animali lunghi, sub-ipermetrici, generalmente dritti o sub-convessi nel profilo.

    Hanno un biotipo marcatamente caseario e la loro caratteristica principale è l’adattamento all’aridità.

    Manto: Policromatico, con una predominanza di manti compositi, sia uniformi che discontinui.

    Il pelo è corto, anche se la presenza di un raspo è frequente nei maschi.

    Le membrane mucose sono scure con abbondante pigmentazione.

    Testa: grande, con lunghe orecchie e corna arcuate a volte attorcigliate all’estremità distale.

    I maschi hanno il pizzetto.

    Arti: forti, lunghi e snelli, con articolazioni distinte e zoccoli di colore scuro.

    Seni: Molto ben sviluppati, a volte esagerati, soprattutto nelle capre ad alta produzione, a causa tra l’altro della pratica della mungitura singola.

    Michele Zanin

     

    Articoli correlati