More

    Il grave problema del bullismo nelle Isole Canarie

    L’80% dei bambini che lo subiscono non si sente supportato dall’istituzione scolastica.

    Sheila, una madre di Tenerife, denuncia il bullismo di cui è vittima suo figlio: ha tentato il suicidio tre volte.

    Circa l’80% dei bambini delle Canarie che subiscono atti di bullismo non si sentono supportati dalle istituzioni scolastiche, secondo le conclusioni del “IV Studio sulla percezione del bullismo nella società spagnola”, raccolto da Europa Press, preparato da Totto ed Educar es Todo e che raccoglie l’opinione di 1.708 bambini, genitori e insegnanti.

    Il rapporto rivela che sei bambini su dieci non si sentono supportati dalla comunità educativa a cui appartengono.

    Nel caso delle Isole Baleari e Canarie, la situazione è ancora più grave: rispettivamente il 100% e l’80% degli studenti vittime di bullismo non si sentono supportati dall’istituzione scolastica.

    D’altra parte, lo studio mostra che i casi di cyberbullismo in Spagna sono aumentati dal 10% nel 2022 al 16% nel 2023 a causa dell’uso improprio dell’intelligenza artificiale attraverso la generazione di contenuti come i “deepfakes” (contenuti che imitano l’aspetto e il suono di una persona).

    La ricerca, presentata in occasione della Giornata internazionale contro la violenza e il bullismo, che si celebra il 2 novembre, mette in guardia sull’aumento “allarmante” del cyberbullismo nell’ultimo anno in Spagna, che coincide con la diffusione dell’uso dell’Intelligenza Artificiale open source, che permette la creazione di immagini, video e audio che impersonano l’identità della persona, “un’incidenza che non si raggiungeva dai tempi dell’epidemia, stimolata dalla reclusione in casa”.

    Precisamente, si dettaglia che, nell’ultimo anno, uno stalker è stato in grado di utilizzare l’intelligenza artificiale per creare e diffondere immagini, video e file vocali in cui “mostra la vittima in situazioni compromettenti che non sono accadute, ma che hanno una solvibile apparenza di realtà”.


    In linea con i dati degli anni precedenti, indica che il 23% dei bambini e dei giovani soffre di bullismo in Spagna. Inoltre, quattro adulti spagnoli su dieci dichiarano di essere stati vittime di bullismo durante il periodo scolastico.

    Tra queste vittime di bullismo, il 92% afferma che questa situazione ha avuto conseguenze nella propria vita, al punto che il 20% di coloro che sono stati vittime di bullismo durante l’infanzia ammette, anche in età adulta, che quell’esperienza li ha segnati per sempre.

    Il 38% che ha danneggiato la propria autostima; il 32% che li ha resi più introversi; il 17% che ha generato ansia e l’11% che ha causato depressione, mentre il 27% afferma che subire il bullismo li ha resi più forti.

    Lo studio sottolinea che essere vittima di bullismo “è una questione molto seria che può avere conseguenze importanti sulla crescita e sullo sviluppo personale”.

    Precisamente, tra gli adulti che sono stati vittime di bullismo a scuola, il 92% afferma che questa situazione ha avuto conseguenze nella loro vita adulta.

    Inoltre, il 50% degli adulti che ammettono di essere stati vittime di bullismo durante l’infanzia non ne ha parlato con nessuno.

    Tra gli adulti che sono stati vittime nella loro fase educativa, il 70% afferma di aver subito bullismo psicologico, il 46% bullismo verbale, il 39% è stato vittima di bullismo sociale, principalmente attraverso l’esclusione, e il 26% è stato aggredito fisicamente.

    Tra gli adulti che hanno sperimentato il bullismo, il loro modo di affrontarlo ha comportato un mix di risposte.

    Nella maggior parte dei casi, il bullismo è terminato gradualmente (73%), il 52% ha riconosciuto di non sapere come affrontarlo, il 46% ha affrontato i bulli, il 42% ne ha parlato a casa e il 33% ha detto che gli amici li hanno aiutati ad affrontarlo.

    Solo il 14% si è rivolto a uno psicologo o ha denunciato l’accaduto e fino al 13% ha dovuto cambiare scuola e il 9% ha dovuto addirittura cambiare quartiere.

    Gli adulti che hanno subito atti di bullismo durante l’infanzia hanno raccontato come hanno vissuto la situazione: il 43% si è sentito triste, il 36% si è sentito solo, il 34% si è sentito impotente, il 33% si è sentito inferiore, il 12% ha pianto continuamente, il 5% ha pensato che i bulli avessero ragione e il 4% ha pensato al suicidio.

    Quasi sei spagnoli adulti su dieci ricordano situazioni di bullismo durante gli anni della scuola, anche se all’epoca non si chiamava bullismo.

    Oggi, il 38% dei genitori con figli in età scolare afferma di essere a conoscenza di situazioni di bullismo nella scuola dei propri figli.

    D’altra parte, lo studio indica che il 16% dei bambini è stato insultato o criticato attraverso i social network e il 19% è stato vittima di scherno sui social network.

    Per quanto riguarda i bulli, il 13% dei bambini ammette di aver preso in giro un compagno di classe sui social network.

    Il 19% degli intervistati non ritiene che insultare pubblicamente una persona su Internet sia cyberbullismo e la stessa percentuale di bambini non crede che pubblicare o distribuire foto o video di una persona su Internet senza il suo consenso sia considerato cyberbullismo.

    Inoltre, il 9% dei bambini intervistati ammette di averlo fatto.

    In molti casi, i bambini trascorrono più tempo nell’ambiente scolastico che a casa, ma questo è ancora un territorio ostile per molti, visto che il 59% degli studenti è a conoscenza di casi di bullismo avvenuti a scuola.

    In questo contesto, i bambini spagnoli vittime di bullismo confessano di non sentirsi protetti dagli insegnanti o dalla scuola, né di fidarsi dei compagni.

    La mancanza di sostegno da parte della comunità scolastica è, secondo il rapporto, uno dei principali ostacoli alla rottura del silenzio.

    In particolare, cinque bambini su dieci ritengono di non poter contare sul sostegno degli insegnanti quando parlano delle prepotenze subite, il 77% dei genitori ritiene che le scuole tendano a nascondere i casi di bullismo per evitare un’immagine negativa della scuola e il 55% degli insegnanti è d’accordo.

    Il 55% degli intervistati nello studio ritiene che i genitori dei bulli cerchino spesso di nascondere, minimizzare o giustificare il bullismo dei propri figli, con un aumento di cinque punti rispetto al 2022.

    Lo studio ha anche analizzato quali sono le comunità autonome con la più alta percentuale di casi di bullismo.

    Così, il Principato delle Asturie è in testa alle regioni in cui il maggior numero di bambini dichiara di aver subito atti di bullismo, con il 34%, seguito dai Paesi Baschi e dalla Galizia, entrambi con il 30%.

    Nella Regione di Murcia, il 33% dei bambini vittime di bullismo dichiara che le prepotenze sono di natura sessuale, percentuale che sale al 13% nel caso di Castilla-La Mancha.

    In Catalogna, il 75% del bullismo è di natura psicologica.

    In alcune Comunità autonome, l’aumento del bullismo nell’ambiente dei social network è particolarmente preoccupante, come nel caso di Castilla y León (25%) e Murcia (22%), dove il maggior numero di bambini vittime di bullismo dichiara di aver subito cyberbullismo.

    Bina Bianchini

     

     

    Articoli correlati