More

    Il governo delle Canarie rinvia il completamento dell’anello insular a marzo 2025

    Il Ministro dei Lavori Pubblici afferma che questa era la previsione iniziale, ma tre anni fa il completamento era previsto per la fine del 2023.

    Il governo delle Canarie prevede che il tratto di circonvallazione dell’isola tra El Tanque e Santiago del Teide sarà completato nel marzo 2025, con quasi un anno e mezzo di ritardo rispetto a quanto inizialmente previsto.

    I lavori sono iniziati alla fine del 2019.

    In quell’occasione, l’Esecutivo aveva assicurato che i tempi previsti erano di 48 mesi, in modo da terminare la nuova strada entro la fine del 2023.

    Tuttavia l’assessore ai Lavori Pubblici, Sebastián Franquis, ha assicurato che la previsione è di marzo 2025 e che la stima del 2023 si riferiva al completamento del tunnel di Erjos, che sarebbe stato terminato, comunque, “all’inizio del prossimo anno”.

    Il tunnel è attualmente completato al 60%.

    Nel 2019, il Presidente del Governo, Ángel Víctor Torres, ha dichiarato il giorno della firma dei lavori che si tratterà di “quattro anni”.

    “Cercheremo di renderli il più veloci possibile nell’esecuzione, e persino di accorciarli”, ha aggiunto.

    Franquis ha ammesso che Tenerife ha un “grave problema” con le strade, in particolare la situazione della TF-5, una strada sulla quale “non è stato fatto alcun intervento dal 2004”.


    A questo proposito, il governo spera, “se tutto va bene”, che la dichiarazione di impatto ambientale per la circonvallazione di La Laguna venga approvata al più presto, quasi contemporaneamente al tratto di circonvallazione tra Icod e San Juan de la Rambla, due progetti fondamentali per lo sblocco della TF-5.

    Più della metà del tunnel dell’anello insular che collega il Nord e il Sud è già stato scavato.

    Gli escavatori robotizzati hanno già perforato più di tre chilometri del massiccio del Teno, nel nord-ovest di Tenerife, dei 5,1 chilometri previsti per la costruzione del tunnel più grande delle Canarie e uno dei più lunghi di Spagna, che rappresenta una vera sfida per l’ingegneria moderna.

    I robot avanzano più velocemente nelle due aperture parallele nel comune di Santiago del Teide (sezione meridionale), dove hanno perforato 2.000 metri, che a El Tanque (sezione settentrionale), dove hanno scavato un chilometro (in ciascuno dei due tubi) a causa delle difficoltà presentate dal terreno.

    In effetti, le macchine di perforazione stanno scavando fino a 50 metri ogni settimana sul lato sud e 25 sul lato nord, dato che la roccia in quest’area è meno consistente e richiede l’installazione di elementi di fissaggio in acciaio per sostenere il terreno, il che ritarda le operazioni.

    “Il 60% del tunnel è già stato perforato, comprese le gallerie di servizio”, ha dichiarato José Luis Delgado, direttore generale delle Infrastrutture stradali del Governo delle Isole Canarie, dopo aver confermato che i lavori procedono “anche se tutti vorremmo che fossero più veloci”, ha aggiunto.

    Se le previsioni saranno rispettate, le quattro bocche (due in entrambe le direzioni) saranno terminate per la fine del 2023.

    I lavori in sotterraneo tra Santiago del Teide ed El Tanque, finanziati dall’Accordo Canarie-Strade Statali (2018-2027), sono stati aggiudicati per 240.370.796 euro alla joint venture formata da Fomento Construcciones y Contratas (FCC), El Silbo e Syocsa-Inarsa e sono iniziati ufficialmente il 25 novembre 2019.

    Il periodo di completamento era di 48 mesi.

    Franco Leonardi

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati