More

    I partiti, in una battaglia feroce contro il compromesso sulle acque delle Canarie con Rabat

    Denunciano l’opacità dell’accordo che Sánchez ha concluso senza l’appoggio del Congresso e vedono un rischio nelle aspirazioni espansionistiche di Rabat.

    La riattivazione dei lavori di delimitazione delle zone marittime della costa atlantica annunciata nel comunicato congiunto tra Spagna e Marocco dopo la visita di Sánchez a Mohamed VI ha scatenato un’ondata di rifiuto di tutte le forze politiche, che – con la sola eccezione del PSOE – si oppongono all’apertura di un negoziato “opaco” sulle acque delle Canarie basato su un accordo adottato contro il Congresso e metà del governo.

    Le parti ritengono che non c’è spazio per negoziare sul punto di partenza stabilito da Rabat, che due anni fa ha approvato per legge l’estensione della sua frontiera marittima e della piattaforma continentale per sovrapporsi alle acque territoriali spagnole nelle isole Canarie, senza che il governo spagnolo abbia presentato una denuncia all’ONU.

    “Questo è il peggiore scenario immaginabile”, dice il segretario generale del CC e senatore regionale, Fernando Clavijo, “non capiamo che la Spagna accetti di negoziare le acque territoriali delle Canarie, che sono nostre, quando il Marocco si è già appropriato di acque che non gli appartengono a titolo di fatto compiuto”, aggiunge.

    Il leader nazionalista ritiene che l’inerzia del governo spagnolo di fronte alla violazione del diritto internazionale si spiega ora con l’accordo firmato, e ricorda che Rabat ha già autorizzato la prospezione di petrolio e gas nelle zone marittime vicine all’arcipelago.

    “Non è solo l’appropriazione delle acque che è preoccupante, ma anche ciò che il Marocco potrebbe fare dopo su ciò che riguarda direttamente le isole Canarie”, avverte.


    Il CC ha presentato diverse iniziative nelle Cortes affinché l’esecutivo statale chiarisca la portata dei negoziati.

    Da parte sua, il deputato del NC, Pedro Quevedo, ritiene che Sánchez abbia firmato “un accordo truccato” in un contesto di debolezza “e senza autorità, perché ha il Congresso contro di lui”.

    Il deputato nazionalista sottolinea che esisteva già un accordo di buon vicinato che il Marocco non ha sistematicamente rispettato.

    “Rabat ha generato una crisi e rotto le relazioni per girare la vite e raggiungere il suo obiettivo, che è quello di appropriarsi del Sahara”, dice, “ma non possiamo dimenticare la minaccia permanente posta dal desiderio di recuperare il Grande Marocco, che è prima il Sahara, poi Ceuta e Melilla, e poi, se possibile, le isole Canarie”, aggiunge.

    Quevedo interpreta il riferimento all’integrità territoriale nella lettera di Sánchez a Mohamed VI – che non appare più tardi nel comunicato congiunto – come un riconoscimento che esiste un rischio di conflitto territoriale, e comprende che il negoziato delle acque delle Canarie è “una claudicatio in tutti i sensi”.

    La deputata del PP Ana Zurita vede l’accordo con Rabat come un passo indietro.

    “Non abbiamo fatto nessun progresso, stiamo peggiorando, perché partiamo da una posizione svantaggiosa”, sottolinea, “riattivare il gruppo di lavoro per delimitare le acque che il Marocco ha già adottato unilateralmente come proprie è kafkiano, e ancora di più quando Sánchez ha deciso di farlo da solo e non autorizzato dal Congresso”, aggiunge.

    La posizione di Torres

    Il presidente del governo delle Canarie, Ángel Víctor Torres, ha definito ieri come una “buona notizia” la riapertura del gruppo di lavoro per delimitare gli spazi marittimi con il Marocco, perché capisce che è il modo migliore perché “le cose siano chiare e si ponga fine definitivamente alle azioni unilaterali”, come quelle realizzate da Rabat due anni fa, quando ha esteso la sua frontiera marittima senza negoziare prima con la Spagna.

    “In quel momento ho detto categoricamente che il Marocco non toccherà un solo millimetro delle acque delle Canarie”, ha detto, “e che se lo facesse, i governi delle Canarie e della Spagna sarebbero fermamente contrari”, ha aggiunto.

    Torres ha detto che il governo delle Canarie sarà rappresentato nel gruppo di lavoro incaricato di delimitare le acque per preservare gli interessi dell’arcipelago.

    A questo proposito, ha sottolineato l’importanza di mantenere buone relazioni con il Marocco per ragioni economiche, commerciali, di sicurezza e di flusso migratorio, e “di essere chiari sulle nostre posizioni sulle acque”, ha detto.

    Dopo aver recuperato le relazioni bilaterali, il presidente delle Canarie ha ribadito il suo desiderio di recarsi in Marocco prima della fine dell’attuale mandato, come hanno fatto i suoi predecessori.

    Ha sottolineato che è una tradizione per tutti i presidenti delle Isole Canarie visitare il Regno di Alaoui, ma che negli ultimi due anni le relazioni sono state “molto tese”, così che ora, con una nuova fase bilaterale in corso, la possibilità di un viaggio ufficiale è di nuovo sul tavolo.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati