More

    Significato delle Pintaderas canarie

    Le pintaderas canarias sono state un mistero per tutta la loro storia, qui scopriremo qualcosa di più su questi simboli.

    Le Pintaderas Canarias sono rappresentazioni legalizzate della cultura primitiva che, sebbene presente solo a Gran Canaria, è stata adottata come identità da tutti gli abitanti di tutte le isole.

    Gli antichi nativi di Gran Canaria utilizzavano come una sorta di linguaggio scritto i simboli chiamati pintaderas, che nel tempo sono diventati uno dei simboli più popolari e particolari dell’archeologia canaria.

    È importante fare molta attenzione e sapere che si tratta di simboli canari e non confonderli con i simboli guanches, poiché questi ultimi erano originari dell’isola di Tenerife.

    Questi pezzi erano solitamente realizzati in terracotta, anche se esistono anche pezzi in pietra o legno.

    Di solito hanno un fronte piatto con diverse decorazioni in rilievo, e sono di forme diverse come triangolare, quadrata, rotonda, rettangolare, ecc…

    Sul retro veniva posta una specie di maniglia o veniva praticato un foro per poterli appendere.

    Un tempo si credeva che i disegni sulle pintaderas fossero forme geometriche e simmetriche e che nella maggior parte dei casi rappresentassero famiglie, indicando uno status gerarchico e stratificato, ma recenti ricerche contraddicono queste idee.


    Sebbene non sia ancora chiaro a cosa servissero agli aborigeni, si ritiene che le Pintaderas Canarias servissero, tra l’altro, come decorazione corporea nei tatuaggi, come identificazione di famiglie o individui, come firma su documenti all’epoca dei conquistadores.

    Oggi sono sorte nuove congetture sui suoi nuovi usi, legati a un metodo di linguaggio attraverso codici, che potrebbe essere servito come complemento alle incisioni berbere che si parlavano nelle Isole Canarie e in Nord Africa.

    10 eccezionali pintaderas utilizzate dagli antichi canari

    Si possono trovare nel Museo delle Canarie, nella capitale Gran Canaria.

    Secondo gli ultimi studi sulle cosiddette “pintaderas”, gli antichi canari utilizzavano una sorta di linguaggio scritto basato su simboli che solo loro comprendevano e il cui significato è andato perduto con l’estinzione delle loro società.

    La cultura

    Le pintaderas sono autentici simboli della cultura preispanica.

    Presenti solo nei siti di Gran Canaria, con poche eccezioni, hanno finito per essere adottati come segni di identità per tutto l’arcipelago.

    Il Museo Canario, nella capitale Las Palmas, ospita la più grande collezione, con 214 di questi timbri unici.

    Pezzi

    Questi pezzi erano realizzati in argilla, legno o pietra, con un lato decorato con diversi motivi e disegni in rilievo.

    In totale, sono state registrate una dozzina di forme diverse, le più comuni delle quali sono circolare, ellittica, triangolare, quadrata o rettangolare, quest’ultima la più utilizzata.

    Le dimensioni variano da 19 x 22 mm. a 41 x 98 mm.

    Argilla o legno

    La produzione delle pintaderas era nelle mani di persone che avevano sviluppato il know-how per realizzarle.

    A questo proposito, le fonti etnostoriche fanno riferimento all’esistenza di donne specializzate nella lavorazione dell’argilla per la realizzazione di vasi.

    I motivi decorativi delle pintaderas sono simili ai disegni geometrici delle ceramiche, soprattutto di quelle destinate al servizio.

    La loro geometria

    Dalla prima ricezione di questi pezzi nel 1879, con la creazione del Museo Canario Canario, molti di essi sono stati scoperti in molti siti preispanici, e sono stati registrati anche quelli appartenenti al Parque Arqueológico de la Cueva Pintada de Gáldar e ad altre collezioni.

    Funzioni

    Gli specialisti Carmen Cruz, Teresa Delgado e Javier Velazco hanno condotto un’analisi tecnica dettagliata di queste stampe decorative degli indigeni canari, incorporando dati importanti per affrontare il dibattito sulla funzionalità di questi pezzi, inizialmente interpretati come elementi di decorazione del corpo o amuleti, segni di proprietà o come marchi di clan che indicavano una società gerarchica e stratificata.

    Grazie a questo studio, chiamato “Pintaderas del Museo Canario”, si è scoperto che quasi la metà era sconosciuta, quindi sono stati identificati come provenienti da Gran Canaria, mentre i 117 localizzati sono stati trovati in 12 comuni, i cui siti principali sono La Aldea e Aguimes e, in misura minore, Gáldar e Telde.

    Queste quattro località erano importanti insediamenti preispanici.

    Terre di mezzo e vertici

    Le pintaderas sono presenti in tutta l’isola, in insediamenti vicini alla costa, nelle zone centrali o sulle cime.

    Sono identificati da nord a sud, da est a ovest e, in nessun caso, sono associati a un particolare tipo di supporto costruttivo: grotte naturali, grotte artificiali e costruzioni in superficie.

    Un aspetto molto importante di questa ricerca sui sigilli degli indigeni canari è il loro ritrovamento negli spazi domestici dei siti, che, insieme alla loro presenza in tutta l’isola e ai loro disegni molto simili, suggerisce che queste manifestazioni culturali sono probabilmente indicative di un’uniformità etnica, non tanto di identità “di fronte agli altri”, ma di riconoscimento di sé.

    Le pintaderas farebbero quindi parte di un sistema di rappresentazione di un codice con un certo valore in vista della sua reiterazione compositiva.

    Le fonti evidenziano già la somiglianza tra i motivi rappresentati nelle pintaderas e i segni che alcuni canari portavano sulle loro tarjas (stemmi), sulle ceramiche o le differenze nell’abbigliamento o nel modo di portare i capelli o la barba, sia che si trattasse di nobili sia che si trattasse di villani.

    Le rappresentazioni di questo codice di comunicazione sociale sono riconoscibili in altri materiali, quindi non c’è dubbio che le pintaderas fossero oggetti creati appositamente per questo scopo.

    “Proprio in questo fatto risiede la loro eccezionalità e la migliore testimonianza dell’importanza che avrebbero avuto nella formulazione di messaggi, nella trasmissione quotidiana di informazioni… in breve, nella creazione di identità”.

    In breve, nella creazione di identità sociali che possono spaziare dall’individuale al collettivo”, sostengono Carmen Cruz, Teresa Delgado e Javier Velazco.

    Bina Bianchini

     

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati