More

    Il tirót, focaccia mantovana

    Il tiròt in dialetto mantovano è una specialità gastronomica di Felonica nella provincia di Mantova, simile alla pincia, è fatto di farina tipo “0” e cipolle.

    Di questa ricetta si hanno notizie già nel vocabolario mantovano-italiano di Francesco Cherubini, del 1827.

    Il nome del “tiròt” sarebbe da riferire a una fase della preparazione: quella in cui l’impasto (tenero e colloso) viene “tirato” o steso dentro la teglia prima della cottura.

    Nella tradizione del mantovano, i braccianti agricoli gustavano questo piatto nei campi, al termine della raccolta delle cipolle, in un momento di festa collettiva detto “sgansega” che vuol dire merenda in dialetto mantovano.

    Ingredienti

    500 g farina 0

    400 g cipolle dorate (peso netto)

    100 g lardo


    330 ml acqua (a temperatura ambiente )

    4 g lievito di birra secco (o 8 g di quello fresco)

    8 g sale fino

    3 cucchiai olio extravergine d’oliva

    2 cucchiaini zucchero

    Per preparare il tirót, focaccia mantovana con cipolle, per prima cosa pelate le cipolle e tagliatele a fette molto sottili con il coltello o con la mandolina poi con il tritatutto tritate molto finemente il lardo.

    Poi prendete la ciotola della planetaria, versate all’interno la farina, il lievito di birra secco, lo zucchero e mescolate con un cucchiaio.

    Azionate la planetaria con il gancio ad uncino versando a filo l’acqua a temperatura ambiente fino a farla completamente assorbire.

    Potete impastare anche a mano, in questo caso, consiglio di ungere le mani per il passaggio successivo.

    Aggiungete ora il lardo tritato, l’olio extravergine d’oliva, il sale fino e le cipolle affettate.

    Mescolate per l’ultima volta l’impasto che dovrà essere ben amalgamato, molto molle ed idratato.

    Coprite la ciotola con la pellicola e lasciate riposare l’impasto per un’ora e mezza lontano da correnti d’aria.

    Trascorso il tempo di riposo, prendete la leccarda del forno, ungetela molto bene con l’olio, stendete l’impasto “tirandolo” su tutta la superficie con le mani leggermente unte.

    Lasciate riposare ancora per circa un’ora l’impasto coperto sempre con la pellicola poi infornatelo in forno preriscaldato a 180 gradi e cuocetelo per circa 25 circa minuti in modalità ventilata.

    Dovrà risultare dorato in superficie, morbido, asciutto, ma non secco.

    Una volta cotto, lasciatelo raffreddare in forno con lo sportello leggermente aperto.

    Da gustare caldo, tiepido o a temperatura ambiente.

    Il tirót è pronto, buon appetito!!!

    Bina Bianchini

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati