More

    Più di 150 firme “qualificate” chiedono la sospensione definitiva di Cuna del Alma

    Un totale di 154 scienziati e tecnici hanno firmato un documento che è stato inviato ai presidenti delle Isole Canarie e al Cabildo di Tenerife, oltre che al sindaco di Adeje, in cui chiedono l’arresto definitivo della Cuna del Alma e il ripristino dell’area in cui sono stati eseguiti i lavori.

    La petizione, secondo i promotori dell’iniziativa, è firmata esclusivamente da “persone qualificate” in uno dei settori legati al progetto: professionisti in Biologia (19%), Storia, Geografia e Archeologia (12%), Turismo (11%), Economia (10%), Educazione ambientale (9%), Antropologia (8%) e Diritto (5%).

    Tra i firmatari ci sono ricercatori e docenti universitari, si aggiungono i dottori di ricerca di antropologia – con specializzazione in Patrimonio e Turismo.

    Oltre all’arresto definitivo del progetto e al ripristino dell’area allo stato originale, chiedono la revisione del piano generale di Adeje per consentire la conservazione di “un’area con alti valori ambientali e patrimoniali”.

    Tra le argomentazioni a sostegno di questa richiesta, sostengono che nel processo amministrativo del progetto “sono state omesse informazioni decisive” relative al patrimonio culturale e naturale dell’area.

    Per questo motivo, i firmatari ritengono che le autorizzazioni debbano essere “riconsiderate” e che debbano essere effettuati nuovi studi ufficiali, “con maggiori garanzie rispetto ai precedenti”.

    Sottolineano inoltre che l’area occupata da questo progetto turistico è “una delle ultime roccaforti costiere tradizionali del sud-ovest di Tenerife, ha un alto valore paesaggistico e la sua realizzazione avrebbe un impatto negativo anche sulle aree naturali protette adiacenti”, il Sito di interesse scientifico di La Caleta e la ZEC Franja Marítima Teno-Rasca (ZEC Teno-Rasca Maritime Strip).

    L’iniziativa è stata lanciata il 20 ottobre per “la convinzione che sia possibile e auspicabile contribuire a un vero sviluppo sostenibile di Tenerife con progetti che non comportino il deterioramento del patrimonio dell’isola, e per sostenere iniziative a favore di una reale diversificazione dell’economia di Tenerife e delle Canarie e dell’indipendenza dal mondo esterno, in modo da evitare un aumento della ricettività turistica già sproporzionata rispetto alla superficie e alla popolazione dell’isola e alle sue risorse naturali”.


    Il tutto, accompagnato da “una riflessione sul fatto che la necessaria certezza del diritto non si ottiene quando si commettono i gravi errori che si sono verificati nel processo di autorizzazione di questo progetto, ma si ottiene con il rigoroso rispetto delle procedure legali, senza trascurare questi errori”.

    Dalla Redazione LT

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati