Benessere degli animali: la nuova legge vieterà la detenzione di conigli, parrocchetti e tartarughe.

Benessere degli animali: la nuova legge vieterà la detenzione di conigli, parrocchetti e tartarughe.

Inoltre, per possedere un cane di qualsiasi razza sarà necessario superare un test e non sarà possibile possedere più di quattro cani, né allevare cuccioli o lasciarli soli per più di 24 ore.

In questi giorni si parla molto delle modifiche al Codice Penale per quanto riguarda i reati di sedizione o appropriazione indebita, così come dell’interpretazione data da alcuni giudici alla legge contro la violenza sessuale nota come “Solo sí es sí” (Solo sì è sì).

Ma si è parlato anche, viste le polemiche generate, della nuova Legge sulla Protezione degli Animali che, teoricamente, potrebbe essere approvata entro la fine dell’anno, dopo essere arrivata al Congresso in agosto per essere elaborata, con non meno di 6.000 accuse al progetto di legge.

Si tratta di un provvedimento controverso perché ha generato polemiche tra gli stessi amanti degli animali, senza dimenticare i cacciatori, anche se questi ultimi ne resteranno fuori, secondo un emendamento del PSOE.

La bozza preliminare della nuova legge sul benessere degli animali, in fase di elaborazione da parte del Ministero di Ione Belarra, apporta diversi cambiamenti.

Tra questi c’è l’elenco degli animali vietati come animali domestici e di quelli che potrebbero essere multati, anche se quest’ultimo non è ancora definitivo.

È importante sapere che, per essere incluso nell’elenco degli animali ammessi, un animale deve appartenere a una specie le cui esigenze ecologiche, etologiche e fisiologiche siano facilmente soddisfatte, che non rappresenti un rischio per le persone a causa della sua aggressività, per il suo comportamento, per il veleno o per le dimensioni, e che non vi siano indicazioni che, se l’animale sfugge, possa colonizzare gli habitat e causare danni.


In base a questi criteri, la legge sul benessere degli animali vieta la detenzione di topi-criceti, porcellini d’India, cincillà, conigli, tartarughe, parrocchetti, pappagalli, inseparabili, serpenti, ragni, iguane, camaleonti e uccelli provenienti da altri Paesi.

Anche le tartarughe, così popolari in molte case, saranno vietate perché, secondo il Ministero per la Transizione Ecologica, sono animali che contengono un gran numero di vettori patogeni, come i funghi parassiti, e quindi trasmettitori di malattie.

Il divieto per i pappagallini si basa sull’esclusione di “specie selvatiche di fauna non naturalmente presenti in Spagna”.

E cosa facciamo quando la legge entra in vigore?

Nel caso in cui venga finalmente approvato, e una volta che questi animali sono stati inseriti nell’elenco dei “vietati”, gli attuali proprietari potranno continuare a tenerli, previa notifica alle autorità, ma non potranno acquistarne altri o allevare altre famiglie.

Si consiglierà, in ogni caso, di portare questi animali negli zoo, ma la carenza di zoo, ad esempio a Tenerife, potrebbe portare a un abbandono massiccio, per cui la legge diventerà uno strumento pernicioso.

L’aspetto più contestato del progetto di legge riguarda il più tradizionale degli animali domestici, il cane.

Per tenerli in casa, i proprietari dovranno superare un esame preventivo, senza che il cane, in questo caso, debba necessariamente appartenere a una razza potenzialmente pericolosa, come avviene ora.

I cani non possono essere lasciati soli per più di 24 ore.

Questa legge vieta di lasciare gli animali in permanenza su terrazze, in magazzini, cantine o veicoli.

Nel caso in cui perdessimo il nostro animale domestico, dovremo segnalarlo entro un massimo di 48 ore affinché non venga considerato un caso di abbandono.

La nuova legge è accompagnata da una riforma del Codice Penale che inasprisce le pene per il maltrattamento degli animali.

Per i reati minori è prevista una sanzione da 500 a 10.000 euro; per i reati gravi da 10.001 a 50.000 euro e per i reati molto gravi da 50.001 a 200.000 euro.

La macellazione di animali domestici sarà vietata a meno che non vi sia una causa debitamente giustificata.

Ciò significa che gli animali sani non possono essere abbattuti e che l’eutanasia sarà limitata esclusivamente a motivi sanitari e sotto controllo veterinario.

Inoltre, l’eutanasia può essere praticata solo da veterinari registrati che utilizzano metodi che garantiscono “condizioni umane”.

Qui il Collegio dei Veterinari propone un aiuto finanziario alle famiglie per assistere all'”eutanasia”.

Inoltre, i proprietari o, in mancanza, i responsabili della custodia di animali domestici che rimangono abitualmente in spazi aperti e che coesistono o possono interagire con altri animali della stessa specie e di sesso diverso, avranno l’obbligo di sterilizzarli”.

È vietata la riproduzione e, quindi, la vendita di cuccioli da parte di privati e negozi di animali.

CACCIA

Il PSOE ha presentato un emendamento per eliminare i cani da caccia da questa legge.

Il settore della caccia insiste sul fatto che i loro cani non possono essere considerati come animali domestici.

“Questa è una legge per gli animali domestici, e i cani da caccia non sono animali domestici.

Si tratta chiaramente di un animale ausiliario, che ha esigenze specifiche e particolari, a partire dal suo comportamento.

Non possiamo cambiare la natura degli animali”, afferma Manuel Gallardo, presidente della Federazione spagnola della caccia.

Il PACMA (Partido Animalista) è contrario a considerare gli animali “come uno strumento”, poiché “non stiamo parlando di cose, ma di esseri senzienti”, pur riconoscendo che è molto difficile porre fine all’uso degli animali, “perché sarebbe utopico”.

“Quello che vogliamo è che, pur essendo consentito, i requisiti e i controlli siano molto più esaustivi”, afferma Cristina García.

Secondo i dati settoriali dell’Associazione nazionale dei produttori di alimenti per animali domestici, nel 2021 in Spagna c’erano più di 29 milioni di animali domestici, di cui 9 milioni di cani, 6 milioni di gatti, 8 milioni di pesci, 5 milioni di uccelli, più di un milione e mezzo di piccoli mammiferi, come i conigli, e un altro milione e mezzo di rettili.

Nelle Isole Canarie ci sono 667.673 animali registrati, secondo il registro di identificazione degli animali delle Canarie, di cui l’88% sono cani e il 10% gatti.

In proporzione, c’è un animale ufficialmente identificato ogni tre canari, ma in realtà sono molti di più.

dalla Redazione