More

    Una casa per gli amici a quattro zampe dopo l’eruzione

    L’associazione Benawara, con l’appoggio della Croce Rossa, ha allestito un rifugio temporaneo per gli animali vittime dell’eruzione del Cumbre Vieja.

    “Sarà molto bello qui, abbiamo tutto molto ben strutturato.

    Ieri Esaú Fumero, un volontario dell’organizzazione per la protezione degli animali e delle piante Benawara, ha spiegato a una famiglia colpita dall’eruzione del vulcano Cumbre Vieja come, nei campi sportivi della scuola secondaria Eusebio Barreto a Los Llanos de Aridane, l’organizzazione ha allestito un campo per accogliere gli animali in difficoltà, e come trattano gli animali domestici per fargli sentire il calore di una casa, nonostante la difficile situazione della Isla Bonita.

    Dalla settimana prima della comparsa di un camino di lava a Cabeza de Vaca (El Paso), la ONG presieduta da Esther Campos sta cercando possibili case di accoglienza per cani, gatti, galline, conigli, furetti e pappagalli.

    Meglio prevenire che curare. Così, sono riusciti a “sistemare” fino a cinquanta risorse di alloggio temporaneo, che hanno permesso di allestire quello che è diventato un vero e proprio centro logistico e di assistenza appena scoppiata l’emergenza, la stessa domenica.

    “Raccogliamo cibo, cucce, mangiatoie… e le persone che hanno perso tutto possono prendere tutto ciò di cui hanno bisogno”, dice Esaú, che spiega la dinamica che seguono con i cani senza un tetto sulla testa: “Li teniamo qui, in questa specie di rifugio, e poi li portiamo in case di accoglienza con famiglie temporanee”.


    All’ingresso, vengono registrati tutti i dati dei cani, compresi eventuali bisogni di farmaci o patologie precedenti, per offrire loro un trattamento il più personalizzato possibile.

    Tuttavia, ci sono alcuni che sono randagi o, poiché non hanno un chip, non si sa se appartengono a qualcuno, così Benawara carica le loro foto sui social network in modo che possano essere riuniti con i loro proprietari o trovare qualcuno che li adotti.

    I gatti, nel frattempo, sono un po’ speciali e “cerchiamo subito una casa adottiva per loro; ci sono molte persone che ne hanno diversi in casa, perché se ci mettessimo troppo tempo e li avessimo qui si stresserebbero, si innervosirebbero”, dice.

    I felini sono più propensi a diventare depressi in situazioni di stress, anche nella vita quotidiana, come i viaggi in auto, in barca o in aereo, e possono soffrire di problemi di salute come risultato.

    Tuttavia, il fatto che siano più autonomi di altri membri del regno animale rende anche possibile per alcune persone dare rifugio a un’intera colonia se hanno abbastanza spazio nelle loro case.

    Una gabbia non è mai un posto piacevole per dormire. Tuttavia, quelle installate nel complesso sportivo hanno un aspetto ordinato e accogliente, vengono pulite almeno due volte al giorno, a meno che per qualche motivo speciale sia necessario farlo in più.

    I turni dei volontari cambiano ogni due ore e sono composti in media da otto membri; hanno anche una lista d’attesa, quindi non c’è carenza di mani per lavorare.

    E ci sono attivisti che, percependo il terrore negli animali, sono persino entrati con loro per confortarli e fargli sentire che sono in un ambiente sicuro e che, prima o poi, tutto passerà.

     

    Articoli correlati