More

    Quasi un centinaio di siti archeologici ed etnografici situati a Las Cañadas del Teide

    Il team PRORED ha inventariato un totale di 97 siti nell’area intorno alla cresta Siete Cañadas e alla Montaña Blanca-Montaña Negra.

    La Direzione Generale del Patrimonio Culturale, in collaborazione con l’Università di La Laguna (ULL), ha effettuato diversi sondaggi archeologici superficiali nel Parco Nazionale del Teide con l’obiettivo di inventariare nuovi siti archeologici e enclavi etnografiche.

    Quest’anno, l’équipe di PRORED, la società che guida il progetto, ha localizzato 64 siti guanches e 33 beni etnografici tra Cañada Diego Hernández e La Grieta, nell’area intorno alla cresta di Siete Cañadas e a Montaña Negra e Montaña Blanca.

    Queste azioni archeologiche comportano il riconoscimento in superficie degli elementi generati dalla società guanches e dei nuovi modi di vita dopo la conquista di Tenerife nel 1496.

    “Gli inventari ci aiutano a capire come le alte montagne dell’isola fossero strutturate territorialmente nel periodo aborigeno”, spiega Hacomar Ruíz, archeologo.

    È vero che “nelle Isole Canarie è facile riconoscere le particolarità del Parco Nazionale del Teide, grazie alle sue caratteristiche climatiche e orografiche, ma questo non basta”, sottolinea il Direttore Generale del Patrimonio Culturale, Nona Perera.

    “Oltre a riconoscerlo, dobbiamo conoscerlo, conoscere il suo passato”, e l’unico modo per accedere a questa conoscenza “è la ricerca con metodi archeologici, per poter scrivere la storia del Teide, diffonderla e impedire che sia invisibile”, spiega.

    Per quanto riguarda i beni archeologici, “le aree con resti in superficie sono le più importanti”, precisa Ruiz.


    Si tratta di “concentrazioni di ceramica aborigena, ossidiana e scaglie di roccia compatta”.

    Infatti, “alcune delle unità situate a Montaña Negra potrebbero essere il risultato di uno scavo archeologico, soprattutto perché sono strutture di grandi dimensioni e sembra che conservino al loro interno un pacchetto sedimentario davvero importante”, afferma l’archeologo.

    In questa campagna, la scelta delle aree indagate è stata motivata dall’interesse per la relazione tra il circo di Las Cañadas e la regione sudorientale di Tenerife e perché lo studio di questo ambiente è fondamentale per comprendere le rotte utilizzate dalla società guanches per accedere a Las Cañadas, sul lato nord dell’isola.

    Nell’ambito delle azioni nel contesto del Parco Nazionale del Teide, negli ultimi anni è stato intrapreso un programma di indagini e scavi archeologici per approfondire la conoscenza dell’occupazione storica di Las Cañadas, completare le mappe archeologiche ed etnografiche, nonché fornire una risorsa efficace per la gestione e la divulgazione del suo patrimonio culturale.

    Questa nuova campagna è la continuazione del lavoro archeologico iniziato nel 2014 con il progetto della Red de Parques Nacionales, Estudios sobre el Patrimonio Arqueológico del Parque Nacional del Teide, e il progetto di ricerca Guanches y europeos en Las Cañadas del Teide.

    Inoltre, le ricerche archeologiche condotte a Las Cañadas del Teide dagli anni Cinquanta a oggi hanno dimostrato l’alta intensità dell’occupazione guanches, generando un variegato repertorio di siti archeologici.

    Secondo le date assolute ottenute con la datazione al carbonio-14, la società aborigena occupò le cime di Tenerife almeno dal V secolo d.C. fino a ben oltre il XVII secolo.

    Nel caso specifico di Las Cañadas, si sa che vi abitavano stagionalmente e sfruttavano le diverse risorse offerte da questo ambiente, costruendo capanne e ripari e utilizzando grotte per ripararsi.

    Con questo progetto sono stati effettuati sondaggi a Roques Blancos, Cruz de Tea-Lomo de Chío, Montaña de los Corrales, Cañada la Grieta, Angostura e Tabonal Negro, oltre ad altri lavori archeologici in diverse aree intorno a Las Cañadas del Teide.

     

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati