Il grande gioiello nascosto delle Isole Canarie: il Tempio massonico di Tenerife

Foto di Jose Mesa - Flickr
Foto di Jose Mesa – Flickr

Sono iniziati i lavori di restauro del Tempio massonico di Tenerife, un edificio unico nel suo genere che è stato “dimenticato” per decenni.

Testimone della storia di Santa Cruz nei secoli XX e XXI e dichiarato Bene di Interesse Culturale (BIC), il Tempio Massonico di Tenerife è un edificio in rovina con un passato non solo maestoso, ma unico nella sua categoria.

Situato in Calle San Lucas a Santa Cruz de Tenerife, fu inaugurato nel 1904 e la sua costruzione richiese un totale di 23 anni, dato che i lavori durarono dal 1900 al 1923, su progetto dell’architetto Manuel de Cámara y Cruz ad uso della Logia Añaza 270, che aveva la propria scuola, gratuita, all’interno dell’edificio.

In realtà, la Loggia Añaza 270 fu il risultato di diversi cambiamenti di auspici, da quello del Grande Oriente Ibérico a quello del Grande Oriente Español, anche se nel 1931, facendo parte della Gran Logia de Canarias, una divisione della Loggia Añaza 270 espulse i membri dell’altra fazione (Añaza 1) in quanto erano meno numerosi.

Il colpo di Stato del generale Franco inferse un duro colpo alla Massoneria, che vide i suoi membri perseguitati e i suoi edifici, nella migliore delle ipotesi, occupati.

Se non saccheggiati e distrutti.

Foto di Jose Mesa – Flickr

Nel settembre 1936, Francisco Franco firmò il primo decreto contro la Massoneria in Spagna.

Il Tempio massonico di Tenerife passò nelle mani della Falange spagnola e in seguito divenne il magazzino della Farmacia Militare.


Nell’ambito di questo uso militare, era anche un negozio di ottica e un luogo dove i soldati potevano passare la notte.

La caserma si trovava nella parte superiore dell’edificio, mentre la Sala de las Reflexiones, quando era occupata dalla Falange, era visitabile.

Tuttavia, era necessario pagare un biglietto d’ingresso.

Fortunatamente il Tempio massonico di Tenerife è rimasto in piedi, unico nel suo genere in Spagna, mentre altre logge sono state demolite.

Durante il periodo democratico ha ospitato un tribunale militare, fino alla sua completa chiusura nel 1990.

Il Comune di Santa Cruz de Tenerife ha acquistato l’edificio dallo Stato nel 2001 per un prezzo di 470.000 euro, iniziando così un periodo di ritardi in tutti i progetti di riabilitazione che hanno lasciato l’edificio in totale abbandono, pur conservando le vestigia della sua passata grandezza.

Il Tempio massonico iniziò a essere costruito nel 1901 dalla Loggia Añaza, in via San Lucas.

Il forte simbolismo del Tempio massonico di Tenerife lo rende un edificio unico.

Di ispirazione egizia, quattro effigi realizzate dallo scultore Guzmán Compañ Zamorano si stagliano su una facciata a tre sezioni, con enormi colonne abbellite da un grande frontone triangolare.

L’Occhio Onniveggente, che rappresenta il Grande Architetto dell’Universo, appare su questo frontone con un occhio suggestivo da cui partono dei raggi.

Spicca anche la porta d’ingresso, realizzata in legno con motivi geometrici.

Dopo un vestibolo, il Salón de Tenidas, di cui si sono conservati i mosaici sul pavimento, le colonne e uno spazio sopra la sala, appare in un tempio massonico di Tenerife il cui vero gioiello è la Cámara de Reflexiones, che si trova nel seminterrato ed è costituita da un tubo vulcanico naturale.

Al piano superiore si trovano diverse sale, mentre la sala banchetti si trova al primo piano.

La latitudine del Tempio massonico di Tenerife, 28º nord, coincide con quella del Monastero di Santa Caterina sul Monte Sinai, in Egitto, dove Mosè avrebbe ricevuto le Tavole della Legge secondo i credenti.

Purtroppo, la storia del Tempio massonico di Tenerife è la storia di innumerevoli progetti di riabilitazione, nonché di progetti che hanno cercato di restituire a Santa Cruz uno dei suoi più grandi gioielli, sconosciuto anche a molti dei suoi abitanti.

Un accordo tra il Comune di Santa Cruz de Tenerife e il governo spagnolo permetterà di recuperare il Tempio massonico di Tenerife per i cittadini.

Román Rodríguez ha informato il rappresentante del suo partito (Nueva Canarias) al Congresso dei Deputati della convenienza della presentazione di un emendamento per tre milioni di euro che è stato inserito nel Bilancio Generale dello Stato per il 2022, approvato nell’elaborazione dei conti del Governo.

I lavori progettati dall’architetto María Nieves Febles nel Tempio massonico di Tenerife si concentreranno sul recupero simbolico e materiale della loggia massonica, tenendo conto della sua categoria BIC, oltre ad adattare e rendere compatibili le nuove destinazioni d’uso con il carattere patrimoniale dell’edificio, contemplando anche il recupero della configurazione spaziale e iconografica degli spazi più simbolici, come la Sala Tenidas e la Sala de Ágapes.

Il team prevede di incorporare le tecniche costruttive attuali negli spazi di nuova creazione o in quelli di interesse simbolico, la cui risoluzione è più vantaggiosa per la risoluzione finale, aggiungendo che gli spazi saranno risolti per consentire l’uso pubblico dell’edificio, secondo le normative vigenti, l’accessibilità (ascensore), le norme antincendio, l’adattamento strutturale agli usi nuovi o futuri e l’incorporazione degli impianti necessari, “senza snaturare l’immagine originale, né essere aggressivi in termini di espressione, rimanendo il più mimetici possibile”, dice l’architetto.

Franco Leonardi