L’Europa rafforza il controllo dell’immigrazione con un nuovo “visto” per i viaggi nell’area Schengen

L’Unione europea attuerà una nuova procedura burocratica – una sorta di “visto” – per accedere all’area Schengen.

Si tratta dell’ETIAS, il Sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi, un programma che entrerà in vigore a partire dal novembre 2023 e che comporterà, di fatto, un inasprimento dei controlli migratori esistenti, in quanto riguarderà i visitatori stranieri che attualmente non hanno bisogno di alcun tipo di visto per entrare in Europa, nonché i passeggeri in transito.

Questa nuova procedura burocratica, concordata dal Consiglio europeo, ha lo scopo di aumentare la sicurezza dei residenti e degli stranieri nel continente, controllando i flussi migratori all’interno dell’area Schengen, un’area che comprende gli Stati membri dell’UE e i quattro Paesi terzi che ne fanno parte: Islanda, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein.

L’ETIAS sarà inoltre obbligatorio per l’accesso ai quattro Stati membri dell’UE che attualmente non fanno parte dell’area Schengen: Croazia, Bulgaria, Romania e Cipro.

Inoltre, il documento sarà richiesto anche per entrare nei microstati europei di Monaco, San Marino e Vaticano.

Il visto ETIAS consentirà soggiorni fino a 90 giorni nei Paesi Schengen per turismo o viaggi d’affari, nonché per scali nell’UE con destinazione finale al di fuori dell’UE.

L’ottenimento del “visto” ETIAS, valido per tre anni dalla sua approvazione, consentirà soggiorni fino a 90 giorni nei Paesi Schengen sia per turismo che per affari.

Poiché questo documento sarà obbligatorio, sarà richiesto anche ai passeggeri in transito che devono entrare in un Paese europeo per raggiungere la loro destinazione finale al di fuori dell’UE. Senza un’autorizzazione ETIAS, i passeggeri non potranno fare scalo in Europa.


I paesi coinvolti nell’ETIAS

Questo nuovo documento europeo per il controllo delle frontiere sarà richiesto ai cittadini residenti in Paesi che finora non richiedevano un visto per entrare nell’area Schengen.

Sono 60 i Paesi che inizialmente avranno questo requisito, che non sostituisce il visto tradizionale.

I cittadini di Paesi terzi che desiderano vivere, studiare, lavorare o soggiornare in Europa per più di 90 giorni consecutivi dovranno richiedere un visto anziché un ETIAS.

Paesi che saranno interessati dal programma ETIAS a partire da novembre 2023. (Fonte: www.etiasvisa.com)

In particolare, i Paesi i cui cittadini saranno obbligati a richiedere l’ETIAS sono: Albania, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Colombia, Corea del Sud, Costa Rica, Dominica, El Salvador, Emirati Arabi Uniti, Stati Uniti, Georgia, Grenada, Guatemala, Honduras, Hong Kong, Isole Marshall, Israele, Giappone, Kiribati, Macao, Macedonia del Nord, Malesia, Mauritius, Messico, Micronesia, Moldavia, Montenegro, Nuova Zelanda, Nicaragua, Palau, Panama, Paraguay, Perù, Regno Unito, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent, Samoa, Serbia, Seychelles, Singapore, Taiwan, Timor Leste, Tonga, Trinidad e Tobago, Tuvalu, Ucraina, Stati Uniti, Uruguay, Vanuatu e Venezuela.

L’ETIAS sarà obbligatorio per i cittadini di 60 Paesi, di cui 15 latinoamericani.

D’altra parte, i paesi in cui sarà richiesto l’ETIAS sono: Austria, Belgio, Bulgaria, Croazia, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

Annullamento del visto ETIAS

Un’autorizzazione di viaggio ETIAS viene annullata se le condizioni per il suo rilascio non sono più soddisfatte.

Soprattutto quando c’è motivo di credere che l’autorizzazione al viaggio sia stata ottenuta in modo fraudolento o fornendo informazioni fuorvianti, come riportato dal portale etiasvisa.com.

Le domande respinte durante il processo automatizzato saranno trasferite all’unità centrale ETIAS alla frontiera europea e alla Guardia Costiera.

La domanda e la correttezza e veridicità delle informazioni fornite saranno verificate rapidamente.

Le registrazioni sospette o quelle che fanno scattare una segnalazione saranno inoltrate allo Stato membro responsabile dell’emissione dell’avviso.

In caso di rifiuto, il richiedente dovrà fare ricorso allo Stato membro che non ha concesso l’esenzione dal visto ETIAS.

In questi casi, il ricorso sarà di competenza dello Stato membro.

Tuttavia, è prevista una procedura speciale per circostanze eccezionali, ad esempio motivi umanitari, di interesse nazionale o obblighi internazionali, in cui le unità nazionali ETIAS possono rilasciare un’autorizzazione di viaggio con validità territoriale e temporale limitata.

Dati personali e domande di sicurezza per ottenere l’ETIAS

L’ETIAS chiederà ad ogni viaggiatore una serie di dati personali prima dell’approvazione, che vanno dalle informazioni di base (come nome, sesso, luogo e data di nascita, nazionalità, numero di passaporto, numero di telefono di contatto, livello di istruzione, occupazione…) ai dettagli sulla sua fedina penale, oltre ad altre domande relative alla sicurezza nello spazio Schengen.

Nel caso di familiari di cittadini dell’UE o di Paesi terzi che beneficiano della libera circolazione senza carta di soggiorno, devono specificare l’identità e la relazione tra il richiedente e i cittadini dell’UE o di Paesi terzi.

Le autorità incaricate di elaborare l’ETIAS richiederanno, oltre alle informazioni personali di base, anche dettagli sui precedenti penali, tra le altre questioni legate alla sicurezza nell’area Schengen.

L’unità nazionale ETIAS può richiedere ulteriori informazioni e/o documentazione al richiedente.

Ciò può accadere se le informazioni fornite durante il processo di candidatura non consentono all’unità nazionale ETIAS competente di prendere una decisione.

L’unità nazionale ETIAS competente effettuerà la richiesta di ulteriori informazioni tramite l’indirizzo e-mail fornito dal richiedente.

Il richiedente deve fornire queste informazioni e/o la documentazione entro 7 giorni lavorativi.

L’unità nazionale ETIAS ha a disposizione fino a 72 ore per elaborare l’autorizzazione di viaggio ETIAS.

In circostanze eccezionali, al richiedente può essere richiesto di sostenere un colloquio presso un consolato del suo Paese di residenza.

Franco Leonardi