More

    La “pillola dimagrante” arriva in Spagna: perdita di peso del 15% e prevenzione del diabete

    Originariamente approvata per il trattamento del diabete di tipo 2, questa pillola per la perdita di peso viene utilizzata anche come trattamento dell’obesità.

    Negli ultimi giorni è arrivata in Spagna la cosiddetta “pillola dimagrante”.

    Nonostante non sia una malattia contagiosa, l’obesità è diventata la pandemia metabolica più diffusa del nostro tempo.

    Anche altri fattori di rischio cardiovascolare, come l’ipertensione, l’ipercolesterolemia e il diabete di tipo 2, sono associati all’aumento di questo problema legato alle abitudini di vita, in particolare alla sedentarietà e all’alimentazione.

    Ora, un farmaco sviluppato per trattare sia il diabete che l’obesità ha dimostrato di proteggere dall’insorgenza del diabete stesso.

    I risultati saranno annunciati alla riunione annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete che si terrà questo mese a Stoccolma, in Svezia.

    Il semaglutide è già approvato in Spagna come farmaco per il trattamento del diabete complicato.

    Ma è anche approvato come trattamento dell’obesità negli Stati Uniti e, provvisoriamente, nel Regno Unito.


    Si tratta di un farmaco analogo del GLP-1, la maggior parte dei quali viene utilizzata in forma iniettabile giornaliera o settimanale.

    Nel nostro Paese, in particolare, la semaglutide è disponibile anche sotto forma di compresse.

    Secondo il dottor W. Timothy Garvey del Dipartimento di Scienze Nutrizionali dell’Università dell’Alabama a Birmingham (USA), che ha guidato il presente studio, la semaglutide è attualmente il farmaco più efficace per il trattamento dell’obesità.

    Sarebbe addirittura in concorrenza con metodi più invasivi come la chirurgia bariatrica.

    Per ottenere l’approvazione di questa pillola per la perdita di peso come farmaco anti-obesità, la semaglutide ha dimostrato una riduzione media del peso di oltre il 15% negli studi clinici quando è stata applicata a un programma di stile di vita sano.

    È stato dimostrato che tale perdita di peso è sufficiente per trattare o prevenire un’ampia gamma di complicazioni secondarie all’obesità, spiega Garvey.

    L’obesità stessa aumenta fino a sei volte il rischio di diabete di tipo due.

    Il dottor Garvey e i suoi colleghi hanno quindi cercato di verificare se la semaglutide, contenuta nella cosiddetta “pillola dietetica”, potesse contribuire a ridurre questo rischio.

    A tal fine, i ricercatori hanno rianalizzato i dati di due studi sulla semaglutide:

    – Nello STEP1, 1.961 persone in sovrappeso o obese hanno ricevuto un’iniezione settimanale di 2,4 mg di semaglutide o un placebo per 68 settimane.

    – Nello STEP4, 803 persone in sovrappeso o obese hanno ricevuto un’iniezione settimanale di 2,4 mg di semaglutide o di placebo per 20 settimane. Alcuni hanno mantenuto lo stesso trattamento per altre 48 settimane e altri sono passati al placebo per lo stesso periodo di tempo.

    In entrambi gli studi clinici, i pazienti hanno ricevuto una consulenza sulla dieta e sull’esercizio fisico insieme al trattamento con semaglutide.

    I ricercatori hanno utilizzato la stadiazione delle malattie cardiometaboliche (CMDS) per prevedere il rischio dei partecipanti di sviluppare il diabete di tipo 2 nei 10 anni successivi.

    Studi precedenti hanno dimostrato che il CMDS è una misura altamente accurata della stima del rischio, utilizzando dati quali sesso, età, etnia, BMI, pressione sanguigna, livelli di glucosio nel sangue, colesterolo HDL e trigliceridi.

    Secondo l’analisi, i partecipanti allo STEP1 hanno ridotto il rischio di diabete di tipo 2 nei 10 anni successivi fino al 61% se hanno assunto semaglutide: dal 18,2% del gruppo che ne era affetto alla settimana 0 al 7,1% alla settimana 68.

    In confronto, quelli che assumevano il placebo hanno ridotto il rischio del 13%, passando dal 17,8% alla settimana 0 al 15,6% alla settimana 68.

    Allo stesso modo, i soggetti che assumevano semaglutide hanno perso fino al 17% di peso rispetto al 3% del gruppo placebo.

    Nel frattempo, i partecipanti allo STEP4 che hanno assunto il farmaco hanno visto il loro rischio crollare nelle prime 20 settimane, passando dal 20,6% all’11,4% nell’arco di 20 settimane.

    Per coloro che hanno continuato il trattamento, il punteggio di rischio è sceso ulteriormente al 7,7%, mentre per coloro che sono passati al placebo il rischio è salito al 15,4%.

    Questo indicherebbe, secondo i ricercatori, che il trattamento con semaglutide dovrebbe essere mantenuto nel tempo per ridurre il rischio di diabete di tipo 2.

    In conclusione, il dottor Garvey e colleghi spiegano che la semaglutide, contenuta nella cosiddetta “pillola dietetica”, ridurrebbe il rischio futuro di diabete di oltre il 60% nei pazienti affetti da obesità, sia che avessero un pre-diabete o livelli normali di zucchero nel sangue prima del trattamento.

    Tuttavia, il trattamento deve essere mantenuto nel tempo per conservare i benefici.

    Gigliola Todeschini

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati