Lombalgia? colpa della pancia!

Un boccone al volo durante la giornata, la cena con i colleghi di lavoro e quella con i compagni della palestra.

La pizzata con i soliti amici e  un’alimentazione disordinata nel fine settimana perché non si ha voglia di cucinare …

L’eccesso di calorie e di alimenti ricchi di conservanti, coloranti e quant’altro, oltre che una mancanza di attenzione alle varie combinazioni alimentari (mischiare proteine animali di diverso tipo, frutta e dolci a fine pasto, alcolici a profusione, ecc…) creano spesso dei problemi digestivi che si riflettono sulla salute dell’organismo, nella fattispecie dolori articolari in genere ma soprattutto la famigerata lombalgia.

Stomaco ed intestino sono infatti collegati al sistema muscolo scheletrico grazie al tessuto connettivo che, come dice il nome, connette e ricopre tutto il corpo: uno stato infiammatorio degli organi interni e, per estensione, dei tessuti dell’intero corpo dato da una cattiva alimentazione può incidere sull’equilibrio lombare o anche di zone del corpo più distanti (come cervicale, spalle, testa,..).

Succede spesso che quel mal di schiena mandato via con così tanto impegno grazie a ginnastica posturale, osteopatia, massaggi… faccia capolino periodicamente ributtandoci nello sconforto.

Qualche trucco sempre utile?

bere almeno un paio di bicchieri d’acqua naturale a temperatura ambiente 20 minuti prima di consumare le pietanze, per ridurre al minimo lo stimolo della sete, affinché non sentiate la necessità di bere molto durante il pasto, cosa che produrrebbe una diluizione dei succhi gastrici e quindi un rallentamento della digestione;

mangiate verdura cruda in abbondanza come prima cosa, per predisporre al meglio la digestione dei successivi cibi  e per evitare fastidiosi intasamenti intestinali nei giorni successivi;


evitare di mischiare proteine animali di natura diversa, (solo formaggi, solo carne, solo pesce etc…)

mangiare frutta lontano dai pasti e di un solo tipo alla volta.

ridurre o evitare del tutto gli insaccati e altri alimenti troppo conservati soprattutto se quanto mangiate vi fa molta gola.

riducete al minimo il consumo di vino e altri alcolici che producono fermentazione e quindi calore, rallentando molto la digestione.

diminuire l’uso di farine industriali

Nonostante queste accortezze,  il dolore lombare persiste?

Dott.ssa Silvia Ragazzini,
Chinesiologa Professionista
e Posturologa Clinica