Tenerife è al primo posto per quanto riguarda l’interramento dei rifiuti

Il Complesso Ambientale Arico ha riciclato solo il 3% della materia organica nel 2021 e il Cabildo vuole raggiungere il 65% entro il 2035 con il nuovo appalto.

L’anno scorso Tenerife ha riciclato solo il 3% dei rifiuti organici, mentre il resto è finito per essere sotterrato nel complesso ambientale di Arico.

Con la Nuova Legge sui Rifiuti approvata dal Congresso spagnolo, l’isola dovrà riciclare il 55% prima del 2025 e raggiungere il 65% dieci anni dopo, se non vuole ricevere multe europee come nel caso dello scarico in mare, dove abbiamo guidato la classifica delle sanzioni.

Il Cabildo si è messo al lavoro sugli scarichi con la costruzione di cinque grandi impianti di trattamento regionali, grazie a più di 170 milioni di euro dallo Stato attraverso Acuaes, anche se alcuni sono ancora in attesa dell’arrivo dell’acqua (Valle de Güímar) da parte di comuni che hanno a malapena una rete fognaria.

Allo stesso modo, otto anni dopo la scadenza della proroga di un contratto firmato nel gennaio 1985, la gestione dei rifiuti di Tenerife è iniziata da poco sotto la responsabilità della joint venture FCC-Urbaser, dopo la firma del nuovo contratto di gestione dei rifiuti per l’isola, che durerà fino al 2037, con possibilità di proroga per altri quattro anni, e che ha un budget di aggiudicazione di 397.475.058 euro.

Questo è stato finora il più grande contratto nella storia del Cabildo di Tenerife.

L’assessore allo Sviluppo Sostenibile e alla Lotta al Cambiamento Climatico dell’isola, Javier Rodríguez Medina, ha indicato che in questo nuovo contratto “sono previsti investimenti sia nel Complesso Ambientale di Tenerife che nei diversi impianti di trasferimento per modernizzare le strutture, passando da otto a 16 puntos limpios”.

Il contratto prevede inoltre un investimento di quasi 52 milioni di euro da realizzare nei primi anni di contratto per l’ampliamento e il miglioramento delle infrastrutture di trattamento dei rifiuti dell’isola.


Allo stesso modo, il concessionario è tenuto a recuperare almeno il 42% della plastica, il 51% dell’acciaio, il 50% dell’alluminio, il 38% dei laterizi, il 20% del vetro, il 18% della carta e del cartone e il 37% dei rifiuti domestici.

Il nuovo contratto è ambizioso e trasformerà la gestione che abbiamo avuto negli ultimi trentacinque anni”.

Tuttavia, pochi giorni prima, è stata esclusa l’assegnazione del lotto AG2 alla società UTE Arico Green Gass per il trattamento di 90.454 tonnellate all’anno di frazione organica proveniente dall’impianto di trattamento meccanico, 24.702 tonnellate all’anno di fanghi di depurazione e 14.100 tonnellate all’anno di reflui zootecnici.

Questa gara d’appalto è stata duramente criticata dall’opposizione nel Cabildo con l’accusa di “bruciare” rifiuti, cosa che è stata negata dal governo dell’isola.

Rodríguez Medina ha sottolineato che si tratta di una cattiva notizia, perché la gara d’appalto per il lotto AG2 rispettava le linee guida del Piano Insulare di Pianificazione Territoriale (PIOT) e del Piano Territoriale Speciale di Gestione dei Rifiuti (PTEOR) e ha indicato che il rifiuto della proposta era dovuto a questioni strettamente amministrative, negando che si trattasse di un processo di incenerimento occulto.

Secondo gli ultimi dati dell’Istituto Nazionale di Statistica (INE), le Isole Canarie sono la terza comunità che genera più rifiuti per persona, 577 chili, dietro solo alle Isole Baleari (737) e alla Cantabria (579).

Nel bilancio dei rifiuti del 2021, il totale dei rifiuti domestici ricevuti lo scorso anno si è attestato a 527.301,730 tonnellate, con un aumento del 2,01% rispetto al 2020.

I 31 Comuni hanno smaltito 412.917,310 tonnellate (78,3%), mentre i privati hanno smaltito 114.384,420 tonnellate (21,7%).

Solo il 3% delle tonnellate di rifiuti organici ha potuto essere utilizzato per il compostaggio perché non c’è stata separazione della materia organica alla fonte, la percentuale più bassa nelle Isole Canarie, quando di solito è tra il 5% e il 10%, ricorda Alexis Sicilia, presidente di Canarias Residuos Cero (ZWC), ancora lontano dal 55% richiesto entro il 2025 e dal 65% entro il 2035 secondo la Nuova Legge sui Rifiuti.

Javier Rodríguez Medina ha fatto notare che “ci sono ancora molte persone che non partecipano al processo di separazione del materiale organico e buttano via i rifiuti misti”, e ha anche sottolineato la necessità del “quinto contenitore, quello marrone, quando solo uno dei 31 comuni, Santa Cruz, ha iniziato a implementarlo”, cosa che, secondo il consigliere, contrasta con l’aumento del riciclaggio degli imballaggi e del vetro (un aumento del 10% lo scorso anno).

L’assessore spera che il nuovo contratto serva anche a ridurre l’impronta di carbonio prodotta dai 100 camion che ogni giorno portano 1.600 tonnellate di rifiuti ad Arico, con camion più grandi.

“Il problema non è nel bidone giallo o verde, ma nella raccolta della materia organica, che rappresenta più della metà dei rifiuti che produciamo”, ha osservato l’assessore.

Alexis Sicilia, presidente di Canarias Residuos Cero (ZWC), è scettico sulla nuova gara d’appalto per la raccolta dei rifiuti indetta dal Cabildo.

“Non credo che con quei 400 milioni, in quindici anni, si possa smettere di seppellire la spazzatura ad Arico, perché il problema non è ad Arico, e non dipende tanto dal Cabildo, ma dalle multinazionali che continuano a confezionare mele e pere nella plastica, o dalla mancanza di quinti contenitori nelle case di Tenerife e nelle gare d’appalto che fanno i 31 municipi dell’Isola, molti dei quali senza tecnici specializzati per farlo”, ha commentato Sicilia.

Essere responsabili”, ha aggiunto, “non significa solo mettere mano al portafoglio, ma anche ai mezzi e alle conoscenze.

Ci sono margini di miglioramento, ovviamente, ma è difficile credere che si possa raggiungere un tasso di riciclaggio del 55% in tre anni quando in trenta non siamo riusciti ad andare oltre il 3%”.

Ha anche avvertito che “l’aumento della spesa per le gare d’appalto comunali, come quella di Santa Cruz con più di 170 milioni di euro, e ora quella del Cabildo, la tassa sulla spazzatura aumenterà per i cittadini di 35-45 euro all’anno”.

Bina Bianchini