I benefici dei batteri probiotici

In una società in cui si fa la guerra antibatterica, chi avrebbe mai pensato che qualcuno avrebbe esaltato i benefici dei batteri?

I microrganismi vivi che si trovano nello yogurt e in altri alimenti coltivati possono aiutare a migliorare l’ambiente batterico del corpo dentro e fuori.

Sono chiamati probiotici, un nome che significa “per la vita”.

Sempre più persone utilizzano prodotti probiotici per trattare o migliorare le malattie o per mantenere il benessere generale.

In effetti, un rapporto del 2017 ha stimato che le vendite annuali di integratori probiotici a livello mondiale ammontavano a 3,7 miliardi di dollari nel 2016 e si prevede che saliranno a 17,4 miliardi di dollari entro il 2027.

Il nostro corpo ospita un mix di batteri buoni e cattivi.

Sono praticamente ovunque: in bocca, nell’intestino e sulla pelle.

I probiotici possono aiutare a migliorare la funzione immunitaria, a proteggere dai batteri ostili per prevenire le infezioni, migliorare la digestione e l’assorbimento di alimenti e nutrienti.


In condizioni normali o “equilibrate”, i batteri amici dell’intestino superano quelli ostili.

I probiotici possono agire come batteri intestinali benefici che creano una barriera fisica contro i batteri ostili.

I probiotici possono anche aiutare a compensare lo squilibrio batterico causato dall’assunzione di antibiotici.

Gli antibiotici uccidono i batteri buoni insieme a quelli nocivi, provocando spesso gas, crampi o diarrea.

I potenziali benefici dei probiotici sono stati osservati nel trattamento o nella prevenzione di molte patologie come la diarrea, la sindrome dell’intestino irritabile, la colite ulcerosa e il morbo di Crohn.

I probiotici possono aiutare a scomporre le proteine e i grassi nel tratto digestivo: un beneficio prezioso per aiutare i neonati, i bambini o i pazienti che hanno bisogno di rinforzarsi durante e dopo una malattia.

Dove si trovano i probiotici?

I latticini fermentati o coltivati sono una delle principali fonti di probiotici.

Altre fonti di probiotici sono il miso, il tempeh (è un alimento fermentato ricavato dai semi di soia gialla), bevande di soia, latticello o panna acida (è il sottoprodotto della trasformazione in burro della panna, dal sapore acidulo, sembra il siero del latte), latte fermentato.

I batteri sono presenti naturalmente in questi alimenti o sono stati aggiunti durante la preparazione.

I probiotici sono disponibili anche come integratori alimentari in capsule, compresse o polvere.

Ecco i ceppi di probiotici più comuni:

Lactobacillus acidophilus

Lactobacillus bulgaricus

Lactobacillus casei

Lactobacillus gasseri

Lactobacillus plantarum

Bifidobacterium bifidum

Bifidobacterium lactis

Bifidobacterium longum

Enterococcus faecium

Saccharomyces boulardii.

Si tenga presente che, per essere considerato probiotico, uno yogurt deve contenere uno dei ceppi sopra elencati.

Tutti gli yogurt devono essere trattati con i ceppi Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus thermophilus.

Sono necessarie ulteriori ricerche per verificare se gli effetti benefici dei batteri probiotici sono gli stessi quando vengono trattati o aggiunti ai prodotti alimentari.

I probiotici essiccati possono sopravvivere al viaggio attraverso l’intestino se preparati e conservati correttamente. Il calore spesso uccide le colture attive vive.

Il microbiologo russo Elie Metchnikoff (1845-1916) fu il primo ad associare le grandi quantità di prodotti lattiero-caseari fermentati alla buona salute e alla longevità dei bulgari nel 1907.

Egli propose che gli organismi che producono acido nei prodotti lattiero-caseari fermentati potessero prevenire ciò che egli chiamava “incrostazioni” nell’intestino crasso.

Riteneva che, se consumati regolarmente, questi alimenti potessero portare a una vita più lunga e più sana.

Una versione dell’Antico Testamento attribuisce addirittura la lunga vita di Abramo – 175 anni – al “consumo di latte acido”.

I prodotti a base di latte fermentato potrebbero essere stati utilizzati anche per curare le malattie dell’apparato digerente in epoca romana.

La comunità scientifica è concorde nell’affermare che il consumo di alimenti con probiotici può apportare benefici alla salute.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per consolidare le affermazioni. Il meglio che possiamo dire al momento è che non fanno male e possono aiutare.

Ricordiamo che gli integratori alimentari non sono testati dalla Food and Drug Administration statunitense come i farmaci.

Inoltre, i ceppi probiotici contenuti negli integratori potrebbero non essere specifici per la patologia che si sta cercando di trattare.

È consigliabile consultare un professionista, come un dietologo registrato, che abbia familiarità con i probiotici.

Informate sempre il vostro medico di ciò che state facendo e che può influire sulla vostra salute.

(tradotto da Harvard Health Publishing)