Crescita “sproporzionata” della popolazione sulle isole

Román Rodríguez è perplesso delle conseguenze della crescita “sproporzionata” della popolazione sulle isole

Il vicepresidente delle Isole Canarie e ministro delle Finanze, dei Bilanci e degli Affari europei, Román Rodríguez, avverte che l’eccessiva crescita demografica sta mettendo a rischio la ripresa sociale ed economica delle isole.

A suo avviso, ostacola la capacità di assorbimento del mercato del lavoro, nonostante i dati storici relativi ai contribuenti della previdenza sociale.

Mette a dura prova le infrastrutture esistenti – strade, alloggi, strutture ospedaliere o scolastiche, impianti di trattamento delle acque o dei rifiuti – moltiplica i problemi di mobilità del territorio e aumenta la domanda di elettricità, l’occupazione del suolo e il consumo di acqua.

In breve, minaccia la sostenibilità.

Rodríguez ricorda che le Isole Canarie hanno registrato una crescita demografica di oltre il 30% in questo secolo, aumentando il numero di abitanti di oltre mezzo milione.

Nello stesso periodo, i Paesi Baschi – un territorio di dimensioni simili alle isole – sono cresciuti del 3,76% (circa 80.000 persone), una percentuale otto volte inferiore a quella della nostra comunità, che ha già una popolazione inferiore a quella delle isole.

Lo Stato spagnolo nel suo complesso è cresciuto del 17%, poco più della metà della nostra regione.


Se prendiamo come anno di riferimento il 1990, la popolazione delle Isole Canarie è aumentata di quasi il 52%, rispetto al 2,9% dei Paesi Baschi e al 22,1% dell’intera Spagna.

Di questo aumento demografico nelle Isole Canarie (530.000 abitanti in più in appena due decenni), solo una parte – circa 70.000 – corrisponde alla crescita vegetativa (numero di nascite meno il numero di morti).

Il resto, circa 460.000, sono persone arrivate da altre parti del mondo, principalmente da altre comunità autonome e dall’Unione Europea, una circostanza molto rilevante di fronte al discorso xenofobo selettivo.

Dell’attuale popolazione straniera presente sulle isole, il 53,28% proviene da Paesi dell’Unione Europea (soprattutto, e nell’ordine, italiani, inglesi e tedeschi) contro il 25,77% dall’America e solo il 10,23% dall’Africa, percentuali che sfatano i pregiudizi.

Più precisamente, l’aumento del numero di residenti nell’arcipelago è dovuto, nell’ultimo anno, alla popolazione straniera, dato che l’aumento naturale (nascite rispetto ai decessi) è negativo.

Dei 2.252.565 abitanti, 287.488 (13%) sono ora stranieri.

Il Vicepresidente del Governo sottolinea che la progressione non è lineare in tutte le isole.

In contrasto con i processi di sovrappopolazione delle isole di Gran Canaria e, soprattutto, di Tenerife, si registra una crescita eccezionale a Fuerteventura e Lanzarote, dove la popolazione autoctona comincia a diventare una minoranza.

A La Palma, La Gomera e El Hierro la popolazione ristagna o addirittura diminuisce, il che significa che sono necessarie risposte specifiche e adeguate alle loro realtà.

Le proiezioni contenute nel rapporto del Consiglio Economico e Sociale delle Isole Canarie (CES) per undici anni a partire da oggi, indicano che il nostro arcipelago avrà 2,5 milioni di abitanti.

Si tratta di “una barbarie insostenibile da qualsiasi punto di vista”, sottolinea Román Rodríguez.

Tenerife supererebbe il milione, con una popolazione straniera di circa il 29%.

Gran Canaria aumenterebbe in modo più contenuto, del 9%, fino a 920.000 persone, con una popolazione straniera del 17%.

Fuerteventura aumenterebbe la sua attuale popolazione di ben il 45%, con una minoranza di popolazione autoctona, e Lanzarote aumenterebbe del 29%, con 192.792 abitanti, di cui il 38%, 73.260 persone, sarebbero residenti stranieri.

Un processo demografico così incontrollato provoca distorsioni che richiedono un esercizio di studio, rigore ed efficienza basato sulla premessa che parlare di popolazione significa parlare di modello economico.

Questo è l’unico modo per controllare la demografia.

Per questo motivo, “il ruolo della commissione di studio sulla sfida demografica istituita dal Parlamento delle Canarie deve essere davvero fondamentale.

“Le previsioni per un decennio a venire non solo ostacolerebbero la ripresa sociale ed economica che tutti i dati di altre aree confermano, ma c’è anche il rischio concreto che possano moltiplicare alcuni dei problemi di cui soffriamo oggi, soprattutto quelli legati alla sostenibilità”, ha dichiarato il Ministro delle Finanze.

Sia i dati attuali che le proiezioni a breve e medio termine “richiedono misure urgenti e coraggiose, non solo diagnosi e proposte”.

Sono passati quasi due decenni da quando il Comitato di esperti che ho promosso come Presidente del Governo ha presentato le sue conclusioni in materia, che sono tanto valide quanto inapplicabili.

In quel rapporto si concludeva che “la pressione della popolazione sul territorio ha un carattere particolare nelle Isole Canarie.

Le isole non hanno la stessa capacità dei territori continentali, soprattutto le isole più remote”.

Hanno sottolineato che coloro che sono arrivati alla fine del XX secolo e all’inizio del XXI erano soprattutto giovani con figli piccoli o che li avevano una volta stabilitisi sulle isole.

Ciò implica, quindi, un maggior peso del gruppo potenzialmente attivo nella popolazione nel suo complesso.

D’altra parte, le conclusioni del Comitato di esperti hanno sottolineato l’importanza delle linee guida per la pianificazione territoriale e le linee guida settoriali per il turismo – approvate dal Parlamento nel 2003 – per riorientare il modello economico verso la sostenibilità e modulare la crescita della popolazione, come unica opzione praticabile, data la complessità o l’impossibilità di una legge sulla residenza che limiti la libera circolazione nel quadro europeo.

Tuttavia, i governi successivi hanno fatto decadere queste regole.

Quindi le azioni di politica demografica dovrebbero essere subordinate alle “future opzioni di sviluppo nel campo dell’economia e dell’ambiente, in particolare”.

A quasi vent’anni da quel documento, “si riapre il dibattito e ci auguriamo che sia rigoroso e senza posizioni di chiusura precedenti.

Ciò che sembra chiaro è che, dalle Isole Canarie, dobbiamo cercare formule che permettano di arrestare la crescita incontrollata della popolazione per continuare a ridurre la disoccupazione, attraverso una gestione adeguata del territorio e delle risorse naturali.

Solo così potremo evitare la mancanza di equilibrio nei nostri servizi pubblici e il caos del traffico sulle strade, promuovendo al contempo la sostenibilità.

Ma questo dibattito non può andare avanti per altri due decenni.

Nemmeno uno, perché le due crisi che si sono verificate da allora richiedono un’azione il più possibile immediata”, afferma Román Rodríguez.

Bina Bianchini