More

    Cibo, benzina, elettricità e ora anche uniformi, libri di testo e materiale scolastico.

    Il 9 settembre inizia la scuola sulle isole e il ritorno a scuola quest’anno coincide con l’impennata dell’inflazione degli ultimi mesi, che ha reso tutto più costoso.

    Una realtà economica che rende più difficile il ritorno in classe e mette alle corde le famiglie canarie.

    Per molte famiglie, l’aiuto delle nonne e zie è essenziale all’inizio dell’anno scolastico.

    “La nonna e la zia aiutano con tutte le spese. Già 300 euro per le uniformi tra le due bambine”, dice una signora alle porte del negozio Uniformas. E deve ancora comprare “magliette e la cosa più costosa, i libri”.

    Secondo gli ultimi dati dell’Indice dei prezzi al consumo (IPC), ciò che acquistiamo e paghiamo oggi è, in generale, più caro del 10,8% rispetto allo stesso mese dell’anno scorso.

    Un libro per la scuola primaria costa oggi circa 40 euro e uno per la scuola secondaria circa 50 euro.

    La spesa per il ritorno in classe è maggiore nelle scuole in cui l’uso dell’uniforme è obbligatorio, soprattutto nelle scuole private e sovvenzionate dallo Stato.

    Con il ritardo dei nuovi programmi, ci sono scuole che non hanno ancora fornito l’elenco dei libri: È un ritorno a scuola molto lento.


    Il direttore del negozio Uniformas a Gran Canaria, che vende le attrezzature di più di 90 scuole, è fiducioso che nei prossimi giorni le porte dell’esercizio continueranno “come prima”, anche se è consapevole del “fattore inflazionistico” aggiunto quest’anno.

    “Abbiamo dovuto aumentare i prezzi di vendita ai nostri clienti. Non possiamo altrimenti far fronte all’aumento del 15-30% dei costi delle materie prime e della produzione”, afferma.

    L’acquisto di libri e materiale scolastico è un’altra spesa importante, forse la maggiore, per le famiglie, soprattutto quest’anno in cui i prodotti cartacei sono aumentati di oltre il 23%, la cancelleria di quasi il 5% e i libri di testo dell’1,5%.

    L’anno scorso si è speso in totale 250 euro per cinque o sei libri.

    Quest’anno, con solo quattro materie con libri di testo, se ne spendono 179 per il quarto anno di ESO.

    Un libro 50 euro

    Rispetto all’anno scorso, un libro di testo per la scuola primaria costa ora “circa 40 euro all’unità, un libro di testo per la scuola secondaria si aggira intorno ai 50 euro.

    I libri di testo sono gli unici che hanno un prezzo libero e che sono gli editori a stabilirlo.

    L’attuazione della cosiddetta legge Celaá inizia progressivamente a settembre negli anni dispari dell’istruzione non universitaria.

    Tuttavia, all’inizio del nuovo anno accademico, i decreti dei nuovi programmi scolastici non sono ancora stati pubblicati nel Bollettino Ufficiale delle Isole Canarie (BOC) e molte scuole non hanno fornito alle famiglie un elenco di tutti i libri di testo.

    Questo è probabilmente uno dei motivi per cui “il ritorno a scuola è stato molto lento, in questo momento siamo a circa il 25% delle vendite, rispetto a questo periodo dell’anno scorso”, spiega un direttore commerciale di un negozio.

    61.629 studenti dell’arcipelago sono già stati approvati per il momento per la gratuità dei libri di testo e del materiale didattico nelle Isole Canarie, di cui 20.342 sono studenti della scuola dell’infanzia e del primo e secondo anno della scuola primaria; 18.466 dal terzo al sesto anno; e 22.821 studenti dei programmi ESO, Formazione Professionale di Base e Formazione Professionale Adattata.

    Il governo delle Canarie ha stanziato per quest’anno poco meno di otto milioni di euro per questo tipo di aiuti.

    I materiali sovvenzionati, forniti dalle scuole, comprendono molti libri stampati, materiale didattico tecnologico e materiale scolastico non riutilizzabile, soprattutto nel caso dei bambini più piccoli, nella scuola dell’infanzia e nel primo e secondo anno della scuola primaria.

    Le famiglie che possono beneficiare di questi sussidi devono avere un reddito inferiore a 16.135,08 euro all’anno e devono essere composte da un massimo di quattro membri.

    Successivamente si aggiungeranno 1.600 euro per ogni persona del nucleo familiare.

    Per Sergio de la Fe, presidente della Federazione dell’AMPA Galdós e vicepresidente della Confapa Canarias, il materiale didattico necessario per il piano educativo “dovrebbe essere gratuito”.

    Il presidente delle associazioni delle famiglie degli alunni di Gran Canaria sostiene inoltre che coloro che beneficiano degli aiuti del governo delle Canarie devono aspettare a lungo per ottenere le liste provvisorie e definitive, lasciando i loro figli “fino a ottobre o novembre” senza avere i libri di testo.

    Inoltre, le AMPA hanno denunciato il fatto che le famiglie devono pagare i costi che corrispondono alle scuole.

    Questo è ciò che chiamano ticket educativi, “che non sono né normali né legali”, ha detto recentemente.

     

    10 anni di successi grazie alla fiducia dei nostri sponsor e di tutti gli affezionati lettori

    Articoli correlati