La legge “solo il sì è sì” inizierà ad essere applicata in agosto

Il Senato ha approvato in luglio la legge che rende qualsiasi atto contro la libertà sessuale, senza un chiaro consenso, un’aggressione o uno stupro.

Solo il sì è sì” cesserà il mese prossimo di essere un grido contro le aggressioni sessiste e diventerà una legge, una realtà.

Da agosto, solo il sì sarà l’unico criterio valido che giudici e polizia potranno prendere in considerazione per stabilire se si è verificato o meno un caso di violenza sessuale.

Ordinare la protezione immediata della vittima e punire il reato.

Il Senato ha approvato questo mese la legge sulla libertà sessuale, che trasformerà in aggressione o stupro qualsiasi atto sessuale senza un chiaro consenso.

I partiti che compongono l’ampia maggioranza che a maggio ha appoggiato la legge al Congresso, l’intera camera ad eccezione di PP e Vox, hanno concordato che è passata al Senato senza emendamenti, senza apportare modifiche a un testo già negoziato e concordato per mesi nella Camera bassa.

L’assenza di emendamenti significa che il sì della Camera Alta sarà definitivo e invierà la legge direttamente al BOE per la pubblicazione e l’entrata in vigore.

Il “sì” definitivo sarà registrato tra il 18 e il 21 di agosto, quando i senatori terranno una sessione plenaria straordinaria a questo scopo.


La Camera Alta darà la sua approvazione finale in una sessione plenaria straordinaria, sei anni dopo l’assalto di La Manada, l’aggressione che ha scatenato l’indignazione popolare che ha richiesto questa riforma.

L’approvazione della legge, che ha richiesto più di due anni di dure trattative e braccio di ferro tra i partner del Governo e con gli altri partiti, avverrà a pochi giorni dal sesto anniversario della selvaggia aggressione di La Manada a Sanfermines, quando nelle prime ore del 6-7 luglio 2016 cinque giovani cospirarono per mettere all’angolo e violentare ripetutamente e selvaggiamente una ragazza di 18 anni che stava bevendo nel centro di Pamplona.

È stata l’enorme indignazione popolare scatenata dalla tenue condanna iniziale contro gli aggressori, quando il Tribunale di Navarra ha visto solo l’abuso e non lo stupro, a richiedere la riforma del Codice penale ora approvata, che mira a garantire che questo oltraggio giudiziario non si ripeta mai più.

Nella sua venticinquesima disposizione finale, la legge prevede la sua entrata in vigore 30 giorni dopo la pubblicazione nel BOE, il che significa che la maggior parte della legge, compresa la riforma del Codice penale, sarà applicata prima della fine di agosto.

Il testo modifica l’intero capitolo sui reati sessuali.

L’esistenza o meno del consenso da parte della vittima è al centro della legge.

L’abuso scompare e qualsiasi atto non consensuale sarà un’aggressione sessuale e qualsiasi aggressione con penetrazione sarà uno stupro.

Non sarà più necessario che siano coinvolte violenza o intimidazione per essere condannati in entrambe le categorie.

PUNTI CHIAVE:

La penetrazione forzata è uno stupro.

Tutte le penetrazioni non consensuali sono stupri, indipendentemente dalla presenza o meno di violenza o intimidazione.

Tutte le aggressioni prevedono una pena detentiva.

La fine degli abusi termina con le multe.

L’aggressione è punibile con almeno un anno di carcere.

Molestie in strada.

Comportamenti o proposte sessuali ostili o umilianti sono punibili con la localizzazione o l’ammenda.

Tutte le aggressioni comportano un minimo di un anno di carcere, ci sono nuove aggravanti che aggiungono tra i 2 e i 3 anni di carcere alla persona condannata, come l’aggressione al partner o all’ex partner o l’uso di sottomissione chimica (far ubriacare o drogare la vittima per annullare la sua volontà), le molestie di strada sono incorporate come reato, la pubblicità della prostituzione su qualsiasi mezzo è vietata e la violenza contro le donne, oltre alla violenza sessuale e di genere, la mutilazione genitale, il matrimonio forzato, le molestie e la tratta sono considerate violenza contro le donne.

La legge garantisce a tutte le vittime di questi reati, che abbiano o meno sporto denuncia, un sistema di accoglienza, assistenza, aiuto e protezione che fornirà loro una copertura molto simile a quella già disponibile per le vittime di violenza di genere, con supporto legale, sanitario, psicologico, lavorativo, economico o residenziale.

Saranno protetti e assistiti da agenti specializzati, esperti forensi e giudici, assistiti al numero telefonico 016 e, soprattutto, accolti in modo completo nei centri di crisi aperti 24 ore su 24 che hanno iniziato a essere allestiti in tutte le province o nelle equivalenti case dei minori, se hanno meno di 16 anni.

Questo blocco è solo la parte della legge che non sarà attuata immediatamente.

Gli amministratori hanno a disposizione un massimo di sei mesi per creare strutture di supporto per queste donne.

I centri di crisi, i protocolli sociali che permetteranno alle vittime di essere accreditate come tali anche se non denunciano, l’implementazione delle unità di valutazione forense che consigliano il tribunale sulle misure di protezione, il prelievo di campioni e prove in un unico atto, o il canale specifico per la denuncia e il blocco della divulgazione dei dati personali su internet.

Il governo avrà un termine di un anno per inviare al Congresso le riforme legali che permetteranno ai tribunali e alle procure specializzate in violenza contro le donne di occuparsi delle indagini su tutti questi reati, e lo stesso termine per inviare una riforma della legge sull’assistenza legale gratuita che la garantisca fin dal primo minuto a tutte le vittime di violenza sessuale.

Bina Bianchini