More

    Più strade, la soluzione per ridurre il perenne problema degli ingorghi a Tenerife

    Il progetto della nuova autostrada che mira ad alleggerire il traffico sulla TF-5 e che costerà 380 milioni di euro è in fase di studio, ma gli esperti stanno già avvertendo che costruire più infrastrutture incoraggia i veicoli privati e ci spinge nella direzione opposta alla mobilità sostenibile.

    Una nuova strada da 380 milioni di euro è la soluzione del governo agli infiniti ingorghi di Tenerife.

    Questa autostrada di sei chilometri a sei corsie, tre corsie per direzione, che sarà costruita tra Los Rodeos e Anchieta, è stata presentata come una delle opere stradali più importanti previste nelle isole Canarie, sia per il costo che per il volume di veicoli che assorbirà e porterà fuori dal centro urbano di La Laguna, dove ci sono pesanti ingorghi nelle ore di punta.

    Il progetto, noto come la tangenziale TF-5, è ancora in fase di esposizione pubblica, ma gli esperti e gli ambientalisti stanno già avvertendo che la costruzione di più infrastrutture incoraggia i veicoli privati e spinge nella direzione opposta alla mobilità sostenibile.

    “La circonvallazione di La Laguna è una grande assurdità”, secondo il gruppo No incineration Tenerife.

    La proposta di costruire la maggior parte dei lavori sotto la terra viene dal Consiglio Comunale di La Laguna.


    L’assessore all’Urbanistica, Santiago Pérez, ha spiegato che i tecnici della Direzione stanno dando priorità allo studio di questo progetto.

    Daremo la nostra opinione e cercheremo di farla valere in tutti i modi possibili”.

    “Sono anni che lo propongo, perché aiuta a risolvere un problema di mobilità molto grave e permette a La Laguna di realizzare il suo desiderio di trasformare questo tratto di autostrada in un boulevard e non in una diga”, sottolinea il consigliere.

    Al contrario, il gruppo ambientalista No Incineración Tenerife ha bollato il progetto come una “grande sciocchezza” che farà tornare indietro di 20 anni l’obiettivo di cambiare il paradigma della mobilità dell’isola.

    Secondo il gruppo, il trasporto privato a Tenerife è vicino a una macchina per abitante.

    Una proporzione “folle” in un’isola con una popolazione di 928.604 abitanti.

    Lo studio Increasing Highway Capacity Unlikely to Relieve Traffic Congestion, del ricercatore Susan Handy, conclude che “tradizionalmente, la congestione del traffico è stata affrontata aggiungendo ulteriore capacità stradale costruendo nuove strade o aggiungendo corsie a quelle esistenti.

    Numerosi studi dimostrano che l’aggiunta di capacità stradale non riesce ad alleviare la congestione per molto tempo, perché in realtà aumenta i chilometri percorsi dai veicoli”.

    Questa è anche la posizione del consiglio comunale di Tacoronte, un comune del nord che confina con la tangenziale.

    “Generare una nuova strada salva La Laguna, ma non risolve la densità di traffico di 100.000 veicoli al giorno che riceve Tacoronte.

    Gli abitanti del nord continueranno ad essere condannati alle eterne code iniziate 30 anni fa”, dice il sindaco José Daniel Díaz Armas (Nueva Canarias).

    La corporazione municipale è anche preoccupata che questa nuova infrastruttura danneggi un’area di specie arboree protette e i progetti previsti per creare una pista ciclabile e un marciapiede sulla strada principale.

    Il sindaco di Tacoronte avverte anche che il costo del progetto salirà a 500 milioni di euro a causa dell’aumento del prezzo delle materie prime.

    “È un investimento di milioni di euro che non servirà a niente”, afferma.

    Per lui, la soluzione è promuovere il trasporto pubblico e creare una corsia BUS-VAO. “Non distruggerebbe più terra e assorbirebbe quei veicoli occupati da una sola persona, che sono la maggioranza”.

    Il progetto, che è già stato presentato per l’esposizione pubblica, propone che l’opera abbia un periodo massimo di esecuzione di quattro anni e sei mesi.

    Comprende anche uno studio d’impatto ambientale, poiché l’infrastruttura interessa un’area dichiarata importante per gli uccelli dalla rete SEO/BirdLife.

    L’area comprende anche una zona agricola tradizionale, una zona residenziale, case sparse, siti tradizionali di caccia alla quaglia, alla tortora e al piccione e comprende l’aeroporto di Los Rodeos.

    Aena spiega che l’azienda pubblica si è coordinata con il governo delle Canarie per evitare che il tracciato colpisca le servitù dell’aeroporto.

    Da parte loro, fonti del Ministero Regionale dei Lavori Pubblici, dei Trasporti e delle Abitazioni insistono sul fatto che i lavori andranno sottoterra per preservare la servitù aerea e le fattorie e abitazioni circostanti e quindi rispettare gli obiettivi ambientali stabiliti nel progetto.

    Questi includono la conservazione delle risorse naturali dell’area metropolitana, le aree di maggior valore agricolo nella zona di Los Rodeos ed evitare la distruzione di habitat di particolare interesse, tra gli altri.

    Il professore di geografia umana dell’Università di La Laguna José León spiega che è “dubbio” che questa infrastruttura risolverà il problema degli ingorghi sulla TF-5.

    “Il vero problema è l’enorme quantità di traffico che si dirige verso l’area metropolitana, e questo non sarà evitato dalla strada.

    León sottolinea anche la distribuzione della popolazione e delle attività economiche produttive, che sono concentrate tra Santa Cruz de Tenerife e La Laguna.

    “Siamo prigionieri del modello di occupazione territoriale che abbiamo fatto, che ha approfittato del declino dell’agricoltura per convertire una parte degli appezzamenti agricoli in lotti di terreno.

    Abbiamo occupato gran parte dello spazio rurale con edifici, ma questo presenta enormi problemi di mobilità perché bisogna spostarsi per tutto”, precisa il professore.

    “La domanda non è ‘cosa si dovrebbe fare per ridurre gli ingorghi, ma piuttosto per ridurre il numero di auto”, propone Fran Castro, membro di Ben Magec – Ecologistas en Acción.

    Per il gruppo ambientalista, l’unico modo per impedire alle persone di scegliere i veicoli privati rispetto a quelli pubblici è che questi ultimi siano “puntuali, affidabili e confortevoli”.

    “Se quei 300 milioni di euro spesi per le strade fossero investiti nel trasporto pubblico, migliorerebbe infinitamente”.

    Franco Leonardi

     

    Articoli correlati