More

    Il Teide che sarà… sotto controllo

    Il Piano di Gestione del Parco Nazionale, ancora in fase di informazione pubblica e in attesa di contributi e contestazioni, eliminerà l’accesso in auto, limiterà il numero di persone e le attività sportive e aumenterà le sanzioni per il vandalismo.

    Il Dipartimento di Transizione Ecologica del Governo delle Isole Canarie ha reso disponibili al pubblico le informazioni sull’approvazione provvisoria del Plan Rector de Uso y Gestión del Parque Nacional del Teide (PRUG).

    Le persone e gli enti interessati possono consultare il documento, nonché formulare osservazioni e suggerimenti, fino al 5 luglio.

    Nonostante il termine non sia ancora chiuso, si sono levate molte voci contrarie alle limitazioni contenute nel piano, in particolare gli sportivi – ieri c’è stata una manifestazione a Roques de García-, le imprese turistiche e i gruppi audiovisivi, mentre il piano è stato accolto con favore dagli ecologisti.

    L’assessore responsabile dell’area, José Antonio Valbuena, in risposta alle critiche ricevute, avverte che “si tratta di una proposta provvisoria e il documento finale terrà conto dei contributi che ci perverranno.

    Abbiamo sempre difeso una partecipazione reale ed effettiva in questo e in altri documenti che abbiamo elaborato”.


    Il documento finale non assomiglierà a quello attualmente esposto e le differenze risiederanno nei contributi che riceveremo da cittadini, enti, gruppi e amministrazioni pubbliche, conciliando sempre l’uso pubblico del parco nazionale con la tutela di questo ambiente privilegiato”.

    L’obiettivo principale del nuovo piano è quello di organizzare le visite in auto al parco, come indicato nell’articolo 5.3.1 della bozza di PRUG, in cui si afferma che “l’accesso e la mobilità nel parco nazionale saranno organizzati, dando vita a un nuovo sistema di mobilità sostenibile che condizionerà le modalità di visita”.

    In pratica, l’accesso con veicoli privati sarà vietato e ci saranno bus navetta per entrare nel parco.

    Qualcosa di simile a quello che sta accadendo nel Parco Nazionale di Timanfaya a Lanzarote o a Punta de Teno a Tenerife.

    Ecco come lo spiega il direttore del Parco Nazionale del Teide, Manuel Durbán: “L’obiettivo è quello di incoraggiare le visite con i mezzi pubblici con autobus occasionali o navette che partiranno dalle aree di servizio con parcheggio sotterraneo (?) che saranno situate a Chío, Vilaflor e El Portillo, tra le 9.00 e le 17.00”.

    Tuttavia, la circolazione – non il parcheggio – su strada sarà libera per qualsiasi veicolo all’interno del parco nazionale, per cui sarà garantito il diritto di transito per coloro che desiderano utilizzare una qualsiasi delle strade TF-21, TF-24 o TF-38 per spostarsi da un luogo all’altro dell’isola.

    Sarà vietato l’accesso alle piste forestali – ora utilizzate da gruppi di sportivi 4×4 – tranne che per motivi di emergenza, per lavori di sorveglianza e gestione.

    Un altro dei punti più importanti del nuovo regolamento riguarda il ciclismo, che può essere praticato solo su strade asfaltate ed è incompatibile con le piste e la rete di sentieri del parco nazionale.

    D’altra parte, è vietato utilizzare scooter, skateboard e altri mezzi di trasporto simili in tutto il parco nazionale.

    Per quanto riguarda il parcheggio, esso avverrà in aree appositamente designate, ed è vietato il parcheggio di qualsiasi veicolo che non sia il trasporto pubblico (autobus), con l’eccezione dei lavoratori del parco nazionale, delle aziende appaltatrici e delle amministrazioni pubbliche, di coloro che svolgono attività autorizzate, del personale della funivia e del Parador.

    Una delle voci più discordanti rispetto alla bozza è quella degli sportivi.

    Si lamentano che il trail running sarà vietato, che la bicicletta sarà consentita solo su strade asfaltate e che sarà vietato persino il trasporto di animali domestici.

    Sarà vietato anche il bivacco (campeggio o rifugio di fortuna).

    Alberto Hernández, presidente della Federazione Canaria di Atletica Leggera, sottolinea che “ciò influirà negativamente sul turismo sportivo di Tenerife e delle Isole Canarie e sull’economia che questo genera, cosa non da poco, dato che non potendo organizzare gare di trail che attraversano il parco, si perderà la principale attrazione turistica per gli sportivi che attualmente viaggiano da tutto il mondo”.

    Per gli sportivi residenti di Tenerife e delle Isole Canarie, il fatto di potersi allenare solo sulle piste e non sui sentieri omologati è un problema quotidiano per alcuni di loro che fanno parte delle squadre di trail running delle Isole Canarie e della Spagna”.

    Tuttavia, il nostro miglior alpinista e geografo, Juan Diego Amador, capisce che il PRUG è restrittivo: “Tenerife è diventata un laboratorio sociale unico al mondo.

    In pochissimi luoghi gli interessi conservazionisti coesistono con una densità di popolazione così elevata.

    Non dobbiamo dimenticare che dal 1994 il 45% del nostro territorio è stato protetto da uno dei diversi tipi di tutela; in alcuni casi la conservazione è ottimale, ma in altri è stata abissale.

    “Non sono a favore di divieti o sanzioni, perché ho sempre creduto che il modo migliore di procedere sia l’educazione, tuttavia, ogni giorno ci sono atti di vandalismo e impatti di ogni tipo.

    Forse quando tutti noi (politici e cittadini comuni) ci sentiremo sufficientemente responsabili e agiremo di conseguenza, saremo in grado di godere degli spazi senza tante restrizioni”, ha detto.

    Amador aggiunge che “onestamente, ciò che ho imparato durante i miei viaggi in tutto il mondo è che tutto ruota intorno a un concetto: il pubblico.

    In luoghi che sono punti di riferimento per la conservazione e la gestione, come il Canada, la Norvegia, il Giappone, l’Australia, la Nuova Zelanda, gli Stati Uniti, il pubblico è rispettato perché si sente che appartiene a tutti e non a me.

    Tuttavia, osservo che qui la tendenza è quella di considerare che nella sfera pubblica possiamo fare quello che vogliamo.

    Indubbiamente, aggiunge, “mi piacerebbe recuperare il Parco Nazionale del Teide in cui ho vissuto, muovendomi in assoluta libertà, ma i fatti sono i fatti e credo che ora sia impossibile a causa dei principi fondamentali della conservazione: capacità di carico, azioni ad alto impatto e aree altamente sensibili”.

    In breve, credo che il PRUG sia un buon documento di lavoro, al quale abbiamo l’opportunità di aggiungere le nostre affermazioni per continuare a goderne nel modo più sostenibile possibile”.

    Jaime Coello, della Fondazione Telesforo Bravo, che prende il nome da suo nonno e grande naturalista, ricordato sul sentiero 10 che sale fino alla vetta del Teide, è dello stesso parere, ma con delle sfumature.

    “L’approvazione di un nuovo PRUG è necessaria, ma arriva tardi e in un momento sbagliato perché l’ente di gestione ha permesso che la situazione del parco si deteriorasse troppo.

    Siamo contrari al fatto che una delle aree di servizio per il parcheggio delle auto e l’ubicazione delle navette debba essere a El Portillo, con l’aggiunta di un’area commerciale, perché è troppo vicina al Parco Nazionale”.

    “In termini di conservazione, molte delle misure proposte ci sembrano corrette, perché i beni da proteggere sono molto importanti e sensibili, ma continuiamo a chiedere che il Cabildo e il Governo delle Canarie destinino maggiori risorse materiali e umane alla sorveglianza e alla protezione del Parco. In caso contrario, il nuovo PRUG rimarrà lettera morta”, ha dichiarato Coello.

    Il Clúster Audiovisual de Canarias (CLAC) ha espresso la sua preoccupazione per la nuova bozza del PRUG (Plan Rector de Uso y Gestión) del Parco Nazionale del Teide, che stabilisce, secondo il CLAC, il divieto di attività audiovisive a scopo pubblicitario, così come l’installazione di qualsiasi elemento fisso o rimovibile che comporti l’occupazione di spazio pubblico, e riduce il numero dei membri del team di lavoro a due persone.

    “Il testo prevede solo alcune eccezioni per le opere audiovisive di carattere informativo o per la diffusione dei valori” di questo spazio.

    “Ma, in breve, queste restrizioni portano a un divieto quasi totale di effettuare riprese nel Parco Nazionale del Teide”.

    Bina Bianchini

     

     

    Articoli correlati