More

    Perché ci sono due cognomi in Spagna e perché non è così nella maggior parte dei paesi?

    Il sistema del doppio cognome si è consolidato in Spagna nel XIX secolo e si è diffuso in tutta l’America Latina, ma è poco comune nella maggior parte del mondo.

    In Spagna, come in altri paesi di lingua spagnola, è molto comune che i neonati abbiano due cognomi: quello del padre e quello della madre.

    Tuttavia, questo sistema non è molto comune nel resto del mondo.

    In realtà, non era comune nemmeno in Spagna fino al XIX secolo, poiché gli spagnoli erano soliti adottare un cognome che potevano scegliere anche in età adulta, secondo Antonio Alfaro, presidente dell’Associazione di Genealogia Ispanica (HISPAGEN), come spiegato su laSexta.

    “Per secoli prevalse la scelta dei cognomi, purché non fosse maliziosa, anche se la cosa più comune era che il primogenito adottasse il nome del padre e il resto dei fratelli o delle sorelle adottasse altri cognomi della famiglia”.

    In questo modo, era normale che i fratelli non condividessero un cognome, poiché i ragazzi tendevano a prendere quello del padre e le ragazze quello della madre, della nonna o di altre donne della famiglia.


    Nel XVI secolo, il sistema dei doppi cognomi cominciò a diffondersi tra le classi alte di Castiglia, ma “non si consolidò nel resto della Spagna” fino al XIX secolo, sottolinea Alfaro.

    All’inizio era uno strumento per differenziare la popolazione: “L’amministrazione si rese conto che era molto più facile controllarci con il sistema del doppio cognome”.

    Così, fu introdotto gradualmente e nel 1833 era già molto comune, anche se non era regolamentato.

    Solo nel 1889, con la creazione del primo codice civile spagnolo, fu stabilito l’uso ufficiale del cognome materno e paterno.

    In particolare, l’articolo 114 affermava che “i figli legittimi hanno il diritto di portare il cognome del padre e della madre”.

    Pertanto, da questo momento in poi, il doppio cognome fu esteso a tutti i settori, fino a diventare una regola obbligatoria che, secondo Alfaro, serviva a identificare “gli spagnoli in modo efficace e affidabile”.

    Allo stesso modo ha anche riconosciuto l’importanza del cognome materno.

    Attualmente, in Spagna, l’ordine dei cognomi può essere scelto, in modo che il primo possa essere il cognome del padre o della madre.

    È molto comune trovare cognomi ispanici che finiscono in ‘ez’, ‘oz’ o ‘iz’, che significa “figlio di”.

    Così, López è figlio di Lope, Martínez è figlio di Martín o Fernández è figlio di Fernando.

    Questa procedura di creare cognomi patronimici per mezzo di un suffisso è simile a quella di molte altre lingue ed è il caso dei cognomi Wilson, Friedrichsohn, McArthur, Denisovich e Sorensen.

    Ma l’origine dei cognomi non è esclusiva del nome del padre, ma troviamo anche altri toponimi, cioè che derivano da un nome di città o di luogo, come Valencia, Toledo, Villar, Catalán…

    Molti hanno anche la loro origine nel commercio familiare (Zapatero, Molinero o Molina, Herrero) o nelle caratteristiche fisiche degli antenati (Rubio, Moreno, Calvo…).

    Infine, troviamo cognomi spagnoli, adattati dall’estero, come Maestre (Meester) o Bécquer (Becker).

    Tuttavia, Alfaro sottolinea che lo stesso cognome potrebbe essere classificato in diversi di questi gruppi.

    Dopo la Spagna, l’usanza del doppio cognome fu incorporata in altri registri civili dell’America Latina, dove la tradizione è stata mantenuta fino ad oggi.

    Ma al di fuori della sfera ispanica, i cittadini hanno di solito un solo cognome.

    Per esempio, in Portogallo, il codice civile stabilisce che i figli possono usare i cognomi di entrambi i genitori o solo uno, che è la decisione dei genitori.

    Se non si raggiunge un accordo, un giudice determinerà quale sarà scelto.

    È comune in questo paese che i cognomi siano registrati in ordine inverso: prima quello della madre e poi quello del padre, che è quello usato di solito.

    In Italia si usava solo il cognome del padre, ma dal 2016 la legge permette di usare entrambi i cognomi e da pochi giorni è stata riconfermata con la possibilità di dare solo il cognome della madre.

    Qualcosa di simile accade in Francia, dove dal 2005 i genitori possono scegliere di usare entrambi i cognomi, nell’ordine che vogliono, o uno dei due.

    Anche così, in Francia, più dell’80% delle volte è il cognome paterno, che ha dato origine a un movimento, promosso dal collettivo Porte Mon Nom (Prendi il mio cognome) e dal deputato Patrick Vignal, per porre fine a quello che chiamano “patriarcato patronimico”.

    In Germania, come nel Regno Unito e in Turchia, la questione non è regolata, ma le coppie sposate di solito adottano il cognome dell’uomo per entrambi i partner e quindi anche per i loro figli.

    Questa posizione è stata seguita in molti altri paesi come il Giappone o la Cina, anche se le donne non perdono il loro nome da nubile, o gli Stati Uniti, dove alcuni scelgono di farne il loro secondo nome.

    In Russia, e in altri paesi come la Bulgaria, il cognome si forma aggiungendo un suffisso al nome del padre, che varia a seconda del sesso del figlio o della figlia.

    La Svezia, invece, è un caso raro in Europa, perché di solito adotta entrambi i cognomi, nell’ordine di scelta dei genitori, ma se la coppia non si accorda, sul registro comparirà solo il cognome della madre.

    Bina Bianchini

     

    Articoli correlati