More

    Festività Patronali a La Orotava: Corpus Domini e Pellegrinaggio di San Isidro Labrador

    La prima festa celebrata a La Orotava, ancora oggi chiamata Aorotava, ebbe luogo il 22 giugno 1516.

    Consisteva in alcuni intrattenimenti pubblici per celebrare l’ascesa del re Carlos I al trono di Castiglia.

    Da allora, la Settimana Santa e la festività del Corpus Domini furono istituite nella regione poco dopo la conquista.

    Aveva radici speciali nel comune e nel 1576 la processione del Corpus Domini era già ben radicata a La Orotava, e oltre a far sfilare la “Sacra Forma” per le vie del centro storico, si allestivano altari nei frontespizi dei principali palazzi.

    Le Fiestas Patronales de la Villa de La Orotava si celebrano per quattro giorni, un lungo fine settimana che inizia il giovedì e finisce la domenica, ma non un giovedì qualsiasi, poiché la tradizione ha stabilito un criterio cronologico.

    Problemi di natura religiosa portarono il vescovo Vicuña a firmare un documento salomonico: a partire dal 1700 la festa si sarebbe celebrata otto giorni dopo il Corpus Domini, e la processione sarebbe partita dalla chiesa gestita dalle suore del convento di San Nicolás (oggi edificio delle Poste).


    Per recuperare l’antico splendore delle feste del Corpus Domini a La Orotava, Doña Leonor del Castillo, che aveva sposato il villero Juan Monteverde, ebbe la brillante idea di riprodurre un tappeto di fiori davanti alla sua casa in Calle Colegio.

    La prima fu realizzata nel 1847, un’opera semplice che riproduceva un disegno geometrico in stile barocco e utilizzava il pavimento acciottolato della strada come supporto.

    Questa iniziativa ha sorpreso la società locale a tal punto che presto ha trovato molti seguaci tra l’aristocrazia locale.

    Questo stabilì i principi artistici di una manifestazione floreale che si consolidò come la tradizione che ha portato a La Orotava la sua maggiore fama.

    Nel 1882 nacque una nuova versione dei tappeti a fiori.

    Un lavoratore agricolo di nome Valladares, che lavorava per la famiglia Monteverde, ideò un sistema di creazione usando un cerchio di botte come stampo, che riempiva di petali di fiori, dando così origine al corrido, o come direbbe lui stesso, alla saragata.

    I tappeti non hanno altra ragione della loro esistenza che la loro disposizione per essere calpestati dalla processione che porta il Corpus Domini.

    Da allora fino ad oggi, il percorso della processione è praticamente lo stesso: plaza Patricio García, calle Colegio, Carrera, Tomás Pérez e Inocencio García e percorre un pavimento di fiori che occupa circa milleduecento metri quadrati su un totale di 34 tappeti di fiori intervallati da arazzi e corridori, più il grande arazzo di sabbie vulcaniche della piazza del Municipio, Guinness Record nel 2007, come il più grande dipinto di sabbia naturale del mondo, con 859,42 m2.

    Nel contesto della Villa de La Orotava solo una Alfombra utilizza la terra vulcanica del Parco Nazionale del Teide per la sua creazione.

    Questo è il tappeto per eccellenza, che dal 1919 è stato fatto sulla spianata della Piazza del Municipio.

    Quando nel 1919 si rese disponibile un grande recinto, di fronte al Municipio, le autorità religiose e civili si accordarono per modificare il percorso originale della processione per fare una sosta su un nuovo arazzo che sarebbe stato realizzato lì.

    La piazza era già stata utilizzata per onorare la visita della Marina spagnola (1905) e per accogliere Alfonso XIII (1906).

    Lo spazio fu dato al più prestigioso alfombrista dell’epoca, Felipe Machado, che accettò con grande piacere.

    Il signor Machado iniziò il suo lavoro realizzando il tappeto con i fiori, come era tradizione, ma gradualmente e data la grande area da coprire lasciò il posto all’uso di terra vulcanica e altri materiali (tronchi, conchiglie…).

    I fiori sono gradualmente scomparsi fino al trionfo delle sabbie vulcaniche, con una vasta gamma di colori utilizzati allo stato puro o mescolati insieme.

    Il periodo di esecuzione è stato prolungato e attualmente l’inizio della preparazione e i bozzetti sono sollevati mesi prima della celebrazione del Corpus Domini.

    Le Andas del Corpus Christi sono un altro tesoro da evidenziare in questa celebrazione.

    Un tempo appartenevano alle suore domenicane, un baldacchino a cui fu aggiunto un piccolo altare nel 1750.

    In questa piramide d’argento spiccano i gradini di filigrana composti dagli orafi José Domingo Acosta e Felipe Acosta Bencomo, padre e figlio, coronati dall’ostensorio barocco realizzato a Cordoba nel 1768, insieme al virile d’oro che è incastonato di smeraldi, diamanti e rubini per mettere la Sacra Forma in un posto molto prezioso.

    L’accompagnamento musicale avvolge la celebrazione in un’atmosfera di fasto che è difficile da esprimere, un’esperienza unica che si può godere solo nelle strade del centro storico e che chi la vive la ripeterà sempre.

    Il venerdì delle feste si tiene il baile “de magos”, in cui gli abitanti della città si vestono con i loro costumi tipici di uomini e donne di campagna e si godono la musica e la gastronomia tradizionale.

    Si chiamano così perché mago è un’espressione che nella lingua delle isole significa contadino.

    Questo ballo si celebra all’aria aperta, nelle vie e piazze principali del centro storico del paese.

    Il sabato mattina si tiene la tradizionale mostra del bestiame.

    Questo evento ancestrale combina tradizione, folclore e religiosità.

    Non è solo un semplice raduno ed esposizione di bestiame, ma anche la benedizione dei campi e del bestiame in quel giorno.

    Le statue di San Isidro Labrador e Santa María de la Cabeza, i santi patroni, vengono portate in processione dal Santuario del Calvario fino al Campo della Fiera sulle spalle della Confraternita dei Contadini vestiti in costumi tradizionali e che portano pali decorati.

    Dopo la celebrazione dell’Eucaristia, la benedizione dei campi e del bestiame, e dopo l’atto di esaltazione degli allevatori e dei contadini, ha luogo la processione di ritorno.

    Il preludio al pellegrinaggio di San Isidro è quello che è popolarmente conosciuto come la “Salita del Santo”, una festa che ogni anno irrompe sulla scena di La Villa. 

    Alla vigilia del grande giorno, centinaia di villeros accompagnano i Santi Patroni il sabato sera dal Santuario di El Calvario alla chiesa parrocchiale di Nuestra Señora de La Concepción.

    Il trasferimento si chiama “Subida del Santo” e termina con uno spettacolo pirotecnico.

    (Quest’anno si celebreranno dal 23 al 26 giugno)

    Bina Bianchini

     

     

    Articoli correlati