Il ritorno a scuola dopo le vacanze di Natale è rimandato alle Isole Canarie fino all’11 gennaio.

In origine era previsto per venerdì 8, ma questo martedì il Consiglio ha inviato un’istruzione ai centri cambiando il piano.

Il Dipartimento dell’Educazione del Governo delle Isole Canarie, guidato da Manuela de Armas ha cambiato il giorno previsto per il ritorno alle classi di insegnanti e studenti dopo le vacanze di Natale.

Inizialmente, secondo il calendario scolastico pubblicato la scorsa estate, il ritorno a scuola era previsto per venerdì 8 gennaio.

La notizia è stata avanzata dai sindacati STEC-IC e ANPE, che alludono alla decisione di ritardare di qualche giorno il secondo trimestre a causa della situazione epidemiologica dell’Arcipelago (che sta vivendo attualmente un alto tasso di infezione soprattutto nell’isola di Tenerife ma anche un aumento di casi a Gran Canaria) e confermata da fonti del Ministero dell’Educazione.

Secondo il dipartimento, tuttavia, il cambiamento di data è dovuto al fatto che si tratta di una misura già attuata da altre comunità autonome, soprattutto perché l’8 gennaio cade di venerdì.


Lo scopo, secondo l’Educazione, è quello di unificare la ripresa dei diversi livelli di istruzione.

“Questa istruzione risponde anche alle richieste di molte scuole, che avevano richiesto questa giornata come giornata di libera disposizione e alle attuali circostanze epidemiologiche.

Riguarda le scuole pubbliche e quelle sostenute da fondi pubblici nelle Isole Canarie”, ha detto più avanti il Ministero in un comunicato.

Finora, le infezioni nelle scuole sono rimaste tra lo 0,1 e lo 0,4% del totale di studenti e insegnanti, quindi sono state escluse come fonti di diffusione del virus dagli esperti.

Secondo i sindacati Anpe e STEC-IC, gli insegnanti hanno fatto un grande sforzo in questo periodo affinché gli studenti che erano stati “scollegati” durante il confino possano recuperare il ritardo.

Sottolineano che l’aumento del personale docente è stato positivo e che in Secondaria ha permesso di migliorare la qualità dell’istruzione.

Pertanto, entrambi i sindacati accolgono con favore la decisione annunciata la scorsa settimana nell’ultima sessione plenaria del Parlamento delle Isole Canarie dal Ministro regionale di mantenere il personale assunto come rinforzo fino alla fine dell’anno scolastico.

Tuttavia, sia Gerardo Rodríguez (STEC) che Pedro Crespo (Anpe) ricordano che la richiesta è di mantenere questo aumento di insegnanti l’anno prossimo per raggiungere la media statale in numero di insegnanti.

Marco Bortolan